L’Istituto Nazionale di Statistica ha pubblicato in questi giorni l’Indagine sulle Condizioni di Vita, in cui risulta che le famiglie canarie sono ancora in coda su numerosi indicatori come il reddito medio annuo, il tasso di rischio di povertà o il denaro per le vacanze e l’alloggio.

Secondo l’indagine sulle condizioni di vita (LCS) pubblicata dall’Istituto Nazionale di Statistica (INE) il reddito medio annuo di una famiglia spagnola nel 2017 è stato di 27.558 euro, con un aumento del 3,1% rispetto all’anno precedente.

Il dato riflette un leggero miglioramento in quasi tutti gli indicatori di povertà, ad eccezione delle Isole Canarie, che continuano l’andamento negativo in molti indicatori.

Il 37,3% delle famiglie non può permettersi spese impreviste, il 34,4% non può andare in vacanza una settimana all’anno, il 9,3% arriva a fine mese con “grandi difficoltà” e il 7,4% non può pagare in tempo mutui, affitti, gas, elettricità o condominio.

Sebbene la percentuale di persone a rischio di povertà sia ancora molto elevata, essa è diminuita di sette decimi in un anno in cui il reddito medio pro-capite è aumentato del 3,4%.

I redditi medi annui più alti della Spagna sono nei Paesi Baschi (14.397 euro a persona), in Navarra (13.583) e nella Comunità di Madrid (13.099).


A sua volta, il reddito medio annuo più basso è stato registrato in Estremadura (8.250 euro a persona), Murcia (8.702) e alle Canarie (8.863).

I tassi di rischio di povertà più elevati del paese si sono verificati in Estremadura (38,9%), in Andalusia (31,0%) e nelle Isole Canarie (30,5%).

Per quanto riguarda la situazione economica delle famiglie, ancora una volta le Isole Canarie, con il 20,9%, Murcia con il 15,5% e l’Andalusia, con il 13,9%, sono state le Comunità Autonome con le più alte percentuali di famiglie che hanno raggiunto la fine del mese con “grande difficoltà”.

Inoltre, oltre la metà delle famiglie delle Canarie, pari al 52,4%, non è stata in grado di far fronte a spese impreviste nel 2017.

Il 44,2% delle famiglie delle Isole Canarie non si è potuta permettere di andare in vacanza nemmeno una settimana nel 2017.

Inoltre, sempre in posizione negativa, il 18,7% delle famiglie delle Isole Canarie si sono trovate in ritardo nei pagamenti relativi all’abitazione principale.