More

    Si lavora E BASTA!

    Andare a fumare, chiamare al telefono o bere caffè non va più conteggiato come parte della vostra giornata lavorativa.

    L’ispettorato del lavoro permette alle imprese di differenziare l’orario di lavoro effettivo dei loro dipendenti. 

    Ora è chiaro.

    L’azienda sarà in grado di dedurre dalla giornata lavorativa dei suoi lavoratori il tempo che perdono uscendo o scendendo al piano di sotto per fumare, telefonare o bere una tazza di caffè. 

    Questo è quanto definito dall’Ispettorato del lavoro, che approva la decisione di quelle aziende che decidono di calcolare solo il tempo effettivo di lavoro svolto dai loro lavoratori. 

    Questo garantisce la possibilità di “evitare la presunzione che tutto il tempo che intercorre tra l’inizio e la fine della giornata lavorativa registrata costituisca orario di lavoro effettivo”.

    In altre parole, quelle ore non devono essere pagate, oppure il lavoratore potrebbe essere costretto a fare più ore per completare la sua giornata lavorativa. 

    In questo scenario, sarà necessaria una contrattazione collettiva che coinvolga i lavoratori e la direzione delle diverse entità, precisando le modalità di calcolo degli orari.


    Tali criteri tecnici stabiliscono che la contrattazione collettiva dovrebbe determinare le modalità di calcolo degli orari.

    Ciò consente alle aziende che hanno stipulato accordi di creare una serie di ore per incorporare le pause non legalmente garantite nell’ambito della giornata lavorativa. 

    Deve essere affidabile

    L’ispettorato del lavoro ricorda ai datori di lavoro che “la tenuta di un registro dei giorni lavorativi non è un’opzione”.

    Ricorda inoltre che deve essere “oggettiva, affidabile, veritiera e accessibile”.

    Deve essere effettuata quotidianamente e con un supporto che accredita che la firma è stata eseguita correttamente. 

    L’ispettorato non specificano il modo in cui deve essere effettuato il conteggio orario.

    Qualsiasi meccanismo è valido: un foglio di carta, un orologio, un’applicazione mobile…

    L’importante è che “garantisca l’affidabilità e la veridicità dei dati registrati” e che sia “accessibile in qualsiasi momento”.

    Questo significa che, se richiesto da un ispettore, dovete essere fisicamente sul posto di lavoro. 

    Per le aziende che scelgono di utilizzare i fogli di carta, e poiché dovranno conservare i documenti per quattro anni, possono essere scansionati e conservati in formato digitale.

    Tuttavia, qualunque sia la forma di stoccaggio, deve poter essere consegnato IMMEDIATAMENTE in caso di ispezione del lavoro. 

    Si attendono specifiche dai giudici. 

    La pubblicazione di questi criteri costituisce un ulteriore passo avanti verso la comprensione di come l’ispettorato del lavoro applicherà l’obbligo di registrazione della giornata lavorativa.

    E’ già passato più di un mese e gli studi legali e le società di consulenza continuano a dubitare del modo in cui devono realizzarlo. 

    Molti studi legali sono convinti che ci saranno molte controversie in tribunale su questo tema e che saranno le sentenze e la giurisprudenza a determinare i criteri da applicare per la registrazione dell’orario di lavoro.

    In linea di principio, gli ispettori non commineranno ammende alle imprese fino al 15 luglio.

    Tuttavia, dovranno dimostrare che stanno lavorando per attuare la registrazione obbligatoria dell’orario di lavoro. 

    L’obiettivo della norma approvata dal governo per obbligare le persone a registrarsi è quello di impedire che il lavoro nero.

    Secondo l’indagine sulla popolazione economicamente attiva (EPA), ogni settimana si accumulano più di 5 milioni di “extra”.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati