Dopo qualche giorno di ozio, ci risiamo, è d’obbligo una sgambatina facile facile ma veramente bella.

Il   Malpais de Güímar, uno dei numerosi parchi naturali, è riserva naturale dal 1994, situato a sud est di Tenerife e facilmente raggiungibile.

Si esce dall’autostrada all’uscita di Puertito di Güímar, dopo aver attraversato tutto il paesino in direzione del mare, a sinistra del porticciolo alla fine di Calle Almirante Cervera raggiungiamo l’inizio del sentiero.

Un parcheggio proprio all’inizio dove lasciare l’auto e quindi prepararci all’escursione.

Scarponcini, acqua, bastoncini e qualche copertura per proteggerci dal sole, qui picchia e non ci sono punti d’ombra.

All’inizio un chiaro cartello esplicativo indica tutti i sentieri.


Optiamo per percorrere un sentiero che costeggiando il mare e quindi la base del Vulcano dopo un anello circolare ritorna al punto di partenza.

All’inizio, caratteristiche abitazioni in cuevas, ma ben messe.

Si segue un sentiero ben segnato, il fondo non è un gran che, il costeggiare il mare permette di godere a pieno della bellezza del luogo, delle onde che si frangono sulle rocce laviche.

Proseguendo, un primo strappetto che porta ad un bel mirador, la vista abbraccia la costa, ancora qualche centinaio di metri e troviamo il primo bivio, seguiamo la segnalazione per Montagna Grande, ecco siamo su un altipiano splendido ricco di Tabaibas, il sentiero si fa più largo ed il fondo decisamente migliore, di fronte a noi Montagna Grande.

Altro bivio e direzione per El Puertito,  dopo un leggero scollinamento un altro Mirador da dove non possiamo fare a meno di ammirare un favoloso panorama, il mare, le macchie di vegetazione di Cardones e Tabaibas che formano un colpo d’occhio particolare,  a questo punto inizia la discesa proseguiamo sempre seguendo per el Puertito che scorgiamo dall’alto.

Un bel giretto per approssimativamente 6,5 km. di circa 3 orette calme, calme, calme.

Vi sono molte altre alternative al nostre percorso, ma da diversamente giovani abbiamo optato per questo, fattibilissimo da tutti.

Arriviamo all’auto, e i miei scarponi decidono di immolarsi alla causa e mi abbandonano, peccato, eravamo in simbiosi.

Va beh ora dopo aver fatto un tuffetto recuperiamo le solite calorie in qualche bel ristorantino del Puertito.

Mi sa che dovrò cominciare a pensare al prossimo pseudo Trekking  soft.

Adios.
Rodolfo Rodolfi