Esattamente non conosciamo veramente la causa della menopausa, sappiamo che  la mancanza di estradiolo porta modificazioni involontarie in tutto l’organismo.

I sintomi più evidenti della menopausa in genere sono le vampate di calore, improvvisi sudori, nervosismo, irritabilità, cambiamenti del sonno, cambi di umore, ansietà, palpitazioni, calo della libido, difficoltà di concentrazione, stanchezza, mal di testa, pelle secca…

Inoltre possono apparire sintomi d’infezione di urina, secchezza vaginale e alterazioni a livello dei legamenti che sostengono l’apparato riproduttivo con conseguente prolasso dell’utero, tendenza all’aumento di peso con una redistribuzione del grasso corporale maggiormente accumulato nella zona addominale e maggiore flaccidità nella parte interna delle braccia e dei  muscoli.

Con il passare del tempo appaiono sintomi come l’osteoporosi con aumento del rischio di possibili fratture, così come aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, aumento del colesterolo e della pressione arteriosa.

Il primo punto per iniziare un trattamento integrativo con la medicina naturale è certamente l’alimentazione e l’esercizio.


Una dieta equilibrata include la varietà degli alimenti in quantità  adeguata, in funzione delle caratteristiche di ogni persona (età, situazione fisiologica, composizione corporale, stile di vita…) etc, che possa garantire energia e mantenere un buon stato nutritivo di salute e benessere.

Un’alimentazione ricca in nutrienti è fondamentale per prevenire rischi legati all’obesità, colesterolo alto, ipertensione, resistenza all’insulina, osteoporosi e malattie cardiovascolari.

Io raccomando in questa delicata tappa della vita di assumere molti legumi secchi (ceci, piselli, lenticchie, fagioli…) con cereali integrali, frutta secca, verdura e ortaggi.

Tutto questo apporta proteine, carboidrati a lento assorbimento e grassi di origine vegetale (non può mancare olio di cocco, olio extravergine di oliva, avocado, noci, mandorle…) così come i minerali (calcio, magnesio, zinco e fosforo, selenio) e vitamine essenziali per questo periodo (vit.E, C, B3, B6).

Anche la carne magra, il pesce azzurro, le uova apporteranno una grande quantità di proteine ad alto valore biologico e vit. del grupp B (molto importante la vit. B12, la vit. K e il ferro, così come gli acidi grassi omega 3 presenti nel pesce azzurro).

L’assunzione di molti liquidi, da 2 a 3 litri al giorno (acqua e infusi di tè verde, coda di cavallo, tè rosso, salvia melissa, passiflora…) è molto raccomandata.

Queste piante, oltre ad essere diuretiche, aiutano a diminuire le vampate di calore, la sudorazione, e a distendere il sistema nervoso favorendo il rilassamento.

Per quanto riguarda la fitoterapia i rimedi che generalmente si utilizzano durante la menopausa sono:

LA CIMICIFUGA: è il rimedio naturale più utilizzato, la sua radice e il suo rizoma contengono sia glucosidi triterpenici, saponine e flavonoidi che attività antiestrogenica.

ISOFLAVONI DI SOJA: sono fitoestrogeni presenti nella soja, hanno un’azione benefica soprattutto sulle vampate di calore, abbassano il colesterolo, e hanno una funzione antiossidante.

TRIFOGLIO ROSSO: è una pianta ricca di isoflavoni indicata in tutti i sintomi della menopausa.

DIOSCORIDE: conosciuta anche con il nome di Name o Wild Yam, è un tubercolo straordinario di origine messicana, contiene una saponina con un effetto precursore sopra la progesterone e altri ormoni sessuali.

Raccomando sempre l’applicazione della crema che contiene questa pianta nella regione interna delle braccia o delle cosce una volta al giorno per almeno tre mesi, questo aiuterà a controllare i sintomi e a diminuire i rischi associati allo squilibrio ormonale.

OLIO DI BORRAGINE E DI ENOTERA: si utilizza in perle, entrambi sono ricchi di acidi grassi GLA (gammalinoleico) indicati per controllo delle infiammazioni, problemi di pelle, secchezza delle mucose (vaginale, occhi, nasale…) caratteristici durante questa fase.

Molto importante l’integrazione con compresse di magnesio, vitamine del gruppo B3, B6, B12, vitamina D e probiotici per riequilibrare la flora intima vaginale.

Per ultimo ma molto importante… fare esercizio fisico giornalmente (camminare, nuotare, yoga, pilates…) per mantenere forti i muscoli ed “elastica” la mente… e prenderci un po’ di tempo solo per NOI!!!!!

D.ssa Laura Nardi