Europeos por Canarias sostiene all’unanimità Yeray Martín Melián come candidato per il comune di Arona

Il partito regionale ha gruppi locali a Puerto de la Cruz, Güímar, La Laguna e Tegueste.

La formazione politica regionale Europeos por Canarias (ExC) ha presentato questo venerdì 5 aprile il suo candidato per il comune di Arona in vista delle prossime elezioni locali del 26 maggio.

Dopo un rinnovamento nel raggruppamento locale, i militanti e sostenitori di questo partito hanno deciso di mostrare il loro unanime sostegno alla candidatura di Yeray Martin Melian, che è anche segretario dell’organizzazione di ExC.

Il candidato oggi ha spiegato davanti a cinquanta persone il modello di azione di un partito che “apre le sue porte a chiunque voglia lavorare, contribuire e sforzarsi di riportare Arona al mondo reale, al presente, ai problemi della sua gente.

Yeray Martín Melián ha 33 anni, è un residente di Arona e un tecnico nelle emergenze sanitarie.


Nel suo intervento, ha trattato alcuni dei problemi quotidiani e altri problemi che preoccupano i cittadini.

“La politica ad Arona non funziona quando non ti prestano servizi perché la tua strada non è stata censita.

Quando sei malato e vai al tuo centro sanitario, ma il centro sanitario sta peggio di te!

Quando si può fare qualsiasi cosa dal cellulare, ma qui bisogna viaggiare negli anni ’90 per risolvere un problema.

“Siamo una nuova formazione, sì, ma è davvero un problema?

Il vecchio non ha funzionato.

Ogni giorno mi raccontano di problemi che le persone devono affrontare nella loro vita quotidiana e che abbiamo quasi accettato come qualcosa di normale, perché ci hanno fatto credere che è così, mentre promuovono dibattiti che cercano solo di spingerci gli uni contro gli altri o ci usano per provocare le altre amministrazioni.

E chi ci chiede cosa ci preoccupa, quali sono le nostre priorità?

Ci sono posti dove i nostri anziani siano curati con dignità?

E’ pulita la tua strada?

Ti senti sicuro di tornare a casa?

Puoi trovare lavoro?

Puoi pagare l’affitto?

Quanto costa la spazzatura solo perché la tua attività è in strada e non a due metri di distanza?

Hai servizi degni di un luogo del primo mondo che afferma di essere sostenibile e motore economico?

Il candidato ha dichiarato che “nulla di tutto questo ha a che fare con la lingua, la cultura, l’origine.

Perché qui siamo tutti vicini di casa, e l’abbiamo molto ben chiaro.

Il nostro programma non sarà fatto dall’alto, ma devi parlare, devi prendere le redini, devi dire cosa ti succede e trovare soluzioni insieme.

Non faremo promesse irrealistiche, sappiamo che ci sono istituzioni sovracomunali, che ci sono leggi di bilancio, massimali di spesa.

Abbiamo consulenti per trovare soluzioni.

Ma c’è così tanto che si può fare…”.

Yeray Martin è stato chiaro quando ha affermato che “arrivare qui ha richiesto di porre molte domande, ripensando, imparando e comprendendo che l’impegno verso la gente di Arona dovrà sempre essere al di sopra di tutto il resto.

Siamo cresciuti su un percorso che ci ha portato a conoscerci meglio, di dibattito, di analisi e, soprattutto, di consenso.

Abbiamo vissuto con l’illusione un cammino verso l’unità e l’importanza del dialogo, con la certezza che dobbiamo lottare per cambiare le cose, che non possiamo stare seduti ad aspettare che gli altri agiscano per noi e che i disagi ci rendono più forti quando siamo uniti”.

Consenso

Egli ha anche chiarito che “non veniamo con rancore o spiriti distruttivi, veniamo a lavorare e vogliamo approfittare delle cose che sono state fatte bene.

Così, ad esempio, condividiamo il modello di partecipazione e trasparenza dei cittadini che è stato attuato da Cittadini per Arona.

Speriamo di saperne di più al riguardo”.

Questo primo atto del candidato, che ha finito per diventare un incontro di lavoro con i partecipanti, ha avuto Carmen Melchor come maestro di cerimonie, che ha anche fatto una revisione diEuropeos por Canarias, una formazione politica giovane, creata alla fine del 2017, che però ha già gruppi locali in cinque comuni di Tenerife (La Laguna, Puerto de la Cruz, Güímar e Tegueste, così come Arona).

Questo partito è nato dal dibattito e dalla confluenza di un grande ed eterogeneo gruppo di persone che vivono sull’isola, residenti isolani di diversa origine, ma che hanno in comune l’amore e la difesa di Tenerife e delle Isole Canarie, che considerano che viviamo in un momento storico in cui la povertà dell’economia inasprisce il rapporto sociale, quando invece è necessario lavorare per migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

Il municipalismo

In questo momento, un gruppo di persone con esperienza politica e vocazione pubblica ha ritenuto che fosse giunto il momento di capire la realtà delle nostre isole per poter crescere, e che il cambiamento si ottiene dal municipalismo, migliorando le condizioni di vita di villaggio in villaggio.

Insomma, è una nuova formazione che scommette sulla partecipazione, l’unità della cittadinanza di fronte alla paura e alla manipolazione, che pensa localmente e che considera che le categorie ideologiche tradizionali non definiscono una realtà comunale di natura trasversale, che richiede risposte adeguate ad ogni esigenza e alla volontà generale.

Difende la necessità di ritornare alla politica del dialogo, della risoluzione, della pratica, del lavoro e sul campo, dove gli sforzi sono dedicati ad una gestione efficace e al raggiungimento del benessere dei cittadini.