Archivi

Sponsor

Il sondaggio

Hai intenzione di trasferirti a breve a Tenerife ?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...

Pillole di Benessere Novembre 2017

Views:
6

Buongiorno a tutti gli amici di Leggo Tenerife e della pagina Italiani a Tenerife dal Dottor Cristiano Lollo.
Eccomi pronto, come promesso, a presentarvi un esercizio pratico per i meridiani di Maestro del cuore e di Triplice Riscaldatore di cui abbiamo già accennato nello scorso numero. Prima di passare all’ esercizio qualche cenno teorico che va ad integrare quelli già dati nel numero di Ottobre.
Per ciò che riguarda il Maestro del Cuore, è legato innanzitutto (come si evince dal nome) al nostro muscolo involontario primario, di cui ne è il principale “aiutante”.

La sua funzione primaria è coadiuvare il cuore nella sua capacità di lasciar circolare il nostro sangue, la nostra vita (Circolazione centrale) e di fornire protezione per il nostro “centro” attraverso la Circolazione periferica: il sangue circola spinto dal cuore in tutte le parti del corpo per mantenerlo protetto, vivo e caldo. 

La protezione di Triplice Riscaldatore (TR) invece si esprime nel fisico, come dice il suo nome, nel mantenere il calore nel corpo grazie a tre tipi di ‘focolai’ che producono calore: il primo nel torace (attraverso la respirazione), il secondo nell’addome (grazie ai processi digestivi), il terzo nel bacino (l’attività sessuale).
Giusto per citare una delle tante connessioni tra terzo fuoco (quello collegato con l’attività sessuale) ed il calore, qualcuno forse ancora ricorda che molti inverni fa, nello stato di New York, dopo nove mesi da una certa notte in cui mancò l’energia elettrica, nacquero tutti insieme centinaia di bambini.

Quindi, per aumentare la temperatura del corpo quando abbiamo freddo, possiamo immediatamente respirare in modo più profondo e più accelerato e, se non bastasse, potremmo mangiare qualcosa, meglio ovviamente se caldo (non essendo sempre disponibile la terza possibilità).





Figura 1

Figura 1

L’esercizio proposto oggi è il seguente: FIANCO – ANCA – COSCIA (triplice riscaldatore) – ASCELLA (maestro del cuore)
Supini, braccia flesse e mani intrecciate sotto la nuca, gambe semi-piegate, accavallate, con la destra sopra. (Figura 1)

Figura 2

Lasciare che le ginocchia vadano per gravità verso destra. Sostare e respirare, rilasciando le tensioni che vengono in evidenza. (Figura 2)





 

 

 

 

Note:
mantenere il capo in allungamento nucale e i gomiti a terra o verso terra.

Come vedete, l’esercizio essendo collegato alle foto delle posizioni di inizio e fine è facilmente comprensibile. Comunque, come sempre, troverete (correlato con l’uscita del numero di Leggo Tenerife di Novembre), un video con l’esecuzione completa dell’esercizio stesso, nella pagina italiani a Tenerife. Un saluto ed un ringraziamento per l’attenzione e tutti voi da questa meravigliosa isola, vi ricordo che sono a vostra disposizione per lezioni personalizzate (o in piccoli gruppi) di Pilates, di Ginnastica Antalgica, di Ginnastica Posturale (metodo Meziéres), Correttiva e Riabilitativa, o per lezioni di Olistic Workout e di QI Well, format tra i più conosciuti nel panorama del wellness e da me ideati, brevettati e registrati.

Per tutte le info scrivetemi pure all’indirizzo lollofitness@gmail.com oppure contattatemi ai numeri +39 339 38 28 800 + 34 60 36 95 128

Ci vediamo il prossimo mese buon sole a tutti voi Dottor Cristiano Lollo.

 





Lascia un commento

da Ciao Tenerife

  il nuovo numero del LEGGO TENERIFE é in distribuzione su tutta l’iso [...]

Incantevole agriturismo composto da piccole casette rustiche attorniat [...]

Abbiamo elaborato questo suggestivo tour che “sorvola” tutte le spiagg [...]

Per Chopper e per i suoi amici é stato un giorno indimenticabile [...]

Ecco una galleria fotografica della costa di Tenerife sud dalla postaz [...]

L’anno scorso, il periodico Leggo Tenerife con il quale collaboriamo, [...]

Questa mattina Los Cristianos si presentava cosí. Dalla prossima setti [...]

Solo 30 anni fa’ era un deserto di pietra vulcanica. Ecco il punto di [...]