More

    “El Mojón non è un piano parziale qualsiasi, è una grande città”

    Juan Francisco Reverón Villalba, presidente della Junta de Compensación per 20 anni, è fiducioso che il dossier sarà sbloccato nella sessione plenaria straordinaria di Arona.

    Juan Francisco Reverón Villalba è una delle persone che più conoscono Arona e, in particolare, Los Cristianos.

    Fino al 2021, quando ha passato il testimone a Miguel Villarroya (Spring Hoteles), è stato presidente della Junta de Compensación del Plan Parcial El Mojón, per lui “più che un piano parziale, una grande città, con un milione di metri quadrati”.

    È soddisfatto che oggi possa essere sbloccato dopo quasi 30 anni e “tra un anno inizieranno a essere rilasciate le licenze”, ha detto ieri.

    Per Reverón Villalba, “il Piano Parziale El Mojón non è rimasto fermo, ma è molto complicato convertire i terreni rustici in terreni edificabili, soprattutto alle Canarie, dove ci vogliono moltissimi anni per farlo, perché tutto è molto garantito”. (?)

    Nel 2001 è stata creata la Commissione di compensazione e sono stati distribuiti ai proprietari i terreni e le aree pubbliche corrispondenti, ma sono passate molte leggi e forse El Mojón è la prima ad adattarsi al Piano Territoriale Speciale per l’Uso Turistico delle Isole Canarie, subendo la moratoria e tutti i piani che sono stati modificati”.

    Ha inoltre affermato che “nel 2021 ho deciso di non candidarmi e di promuovere una figura importante come Miguel Villarroya, mantenendo l’unione di tutti i proprietari, perché c’è molto cecchinaggio e molta invidia affinché Arona non si sviluppi e si realizzino altri investimenti in altri comuni, cosa che sono riusciti a fare”.

    “El Mojón è nato con l’idea, non solo di costruire tre o quattro hotel, ma anche di coprire lo sviluppo della piccola città di Los Cristianos, con grandi blocchi per costruire scuole superiori, un auditorium come quello di Santa Cruz o uno stadio olimpico.

    Ma, a parte questo, anche per fornire una copertura per la mobilità, con una grande strada a due corsie in entrambi i sensi, quasi un’autostrada, su questa strada che dà accesso al porto, per la quale abbiamo ceduto 70.000 metri quadrati.


    Una cessione al Governo delle Canarie che ci è costata milioni di euro”, ha sottolineato.

    Reverón Villalba ha indicato che “per eliminare la leggenda nera che ha El Mojón, di persone che manipolano e disinformano, è il primo piano parziale a cui vengono applicati 70 metri quadrati di terreno/posto letto, in modo che dei 500.000 metri quadrati di terreno privato, il 10% di questa quantità vada all’offerta pubblica di alloggi.

    La densità di posti letto realizzabili non raggiunge le 9.000 unità, quindi si tratterebbe di 2.000 in hotel a quattro stelle, perché si possono costruire solo 250.000 metri quadrati, senza destinazione d’uso”, ha detto.

    Ha inoltre sottolineato che “si possono costruire tre o quattro alberghi, non di più, mentre a sud e a nord si costruiranno case residenziali unifamiliari su lotti di 300 metri quadrati.

    Questo sarà il più importante piano di sviluppo urbano delle Isole Canarie, molto ben progettato dall’architetto Rubens Henríquez”.

    Juan Francisco Reverón Villalba spera di poter assistere a questo sviluppo urbano nel suo “villaggio”.

    “Sì, lo vedrò. In questo momento siamo in un accordo che è stato ripreso dal 2016, dopo che i problemi che tutti conosciamo ad Arona si sono verificati nel 2020, tra il sindaco Mena e l’assessore all’Urbanistica, Luis García.

    Ora va in plenaria un altro tipo di accordo, in cui la Junta de Compensación è obbligata a realizzare alcune opere di mobilità e il Comune aprirà il processo di concessione delle licenze che non saranno efficaci prima di un anno”.

    “Sono fiducioso perché c’è un gruppo di governo di tre partiti che è determinato a risolvere questa situazione.

    Non è possibile bloccare i due parchi più grandi già completati in un comune turistico o sequestrare grandi blocchi di terreno per lo sviluppo di Los Cristianos, con strutture per l’istruzione, la cultura e lo sport”, ha detto.

    Il Consiglio comunale di Arona ha tenuto una sessione plenaria straordinaria per affrontare le procedure amministrative per l’approvazione dell’accordo di sviluppo urbano tra il Comune di Arona e la Junta de Compensación Plan Parcial El Mojón.

    Questo garantirà il corretto collegamento, sia per i veicoli che per i pedoni, tra le aree est e ovest del settore e aprirà la strada alla ricezione delle opere di urbanizzazione.

    Franco Leonardi

     

     

    Articoli correlati