More

    Si può parlare di turismo-fobia nel sud di Tenerife?

    Il sindaco di Adeje, mette in guardia da una “tendenza pericolosa” e si chiede: “Quando Tenerife è stata un paradiso?

    Foto di Cristiano Collina

    Negli anni ’50, quando la gente emigrava in Venezuela o le donne venivano sfruttate nei campi di pomodori”, e aggiunge che “non possiamo rinunciare al nostro benessere per alcuni radicali e vivere nelle grotte come fanno alcuni di loro”.

    La turismofobia è considerata come la paura, l’avversione o il rifiuto sociale che i cittadini locali di una destinazione provano nei confronti dei turisti, generalmente a causa di politiche turistiche mal pianificate, il cui sfruttamento porta alla distruzione del tessuto sociale e tende a una diminuzione della qualità della vita locale.

    Di tourismphobia si è parlato in luoghi tesi come Barcellona o le Isole Baleari, e recentemente Tenerife ha vissuto un episodio simile, con la manifestazione del 20 maggio a Playa de las Américas e Los Cristianos, organizzata da diversi gruppi ambientalisti.

    Una manifestazione, teoricamente con l’obiettivo di chiedere un turismo sostenibile, ma che è sfociata in episodi quasi violenti, come se i turisti fossero dei criminali.

    “Che ti prende, scimmia? Vieni su, coraggioso, torna a casa, torna a casa!”.

    Queste sono alcune delle frasi che i manifestanti hanno scagliato contro un turista.

    Il sindaco di Adeje e presidente dell’Associazione dei Comuni Turistici delle Canarie (AMTC), ha sottolineato qualche giorno fa su Onda Tenerife, considera l’evento come “un movimento e una tendenza pericolosa, quando vedono il turismo come un pericolo”, rimanendo sorpreso dallo slogan della manifestazione, “Tenerife non è più un paradiso”.

    Il sindaco di Adeje insiste sul fatto che “non sono molto concentrati, perché il turismo è la nostra fonte di ricchezza e dobbiamo occuparcene, ma mai criticare i turisti come se fossero criminali, o non ricordarsi quando gli hotel e i bar sono stati chiusi due anni fa; questo è il mondo che vogliamo.


    Dobbiamo riflettere seriamente, perché qual è l’alternativa?”.

    I partiti non possono chiudere gli occhi di fronte al radicalismo di queste minoranze e ai loro dogmi, non possiamo rinunciare al nostro benessere, al mondo moderno, per andare a vivere nelle caverne come fanno alcuni di loro”, afferma Fraga.

    Fraga sottolinea, ricordando anche lo STOP del complesso alberghiero Cuna del Alma a El Puertito de Adeje.

    Josefa Mesa, sindaca facente funzioni di Guía de Isora, afferma che “nel nostro comune non abbiamo avvertito questa sensazione, forse perché ci siamo differenziati da altre zone con grandi concentrazioni di hotel.

    A Guía abbiamo tre complessi, ma tutti sono sempre selezionati e integrati nel paesaggio”.

    Jaime Coello, della Fondazione Telésforo Bravo, uno degli organizzatori della manifestazione per il turismo sostenibile, spiega che “non credo che ci sia turismofobia, ma penso che le cose si stiano estremizzando, perché stiamo parlando di un’isola con un milione di abitanti e cinque milioni di turisti all’anno, con una percentuale di superficie occupata, e a questo dobbiamo aggiungere gli alloggi per le vacanze, che si estendono su tutta l’isola.

    Praticamente tutta l’isola è turistica e questo genera rifiuto, perché molti residenti qui non hanno i soldi per affittare nei centri urbani, oltre al fatto che ci sono 8 auto ogni dieci abitanti e la gente ha iniziato a rendersi conto che non possiamo starci tutti.

    Alla manifestazione c’era un bel manifesto che diceva: “Le Canarie non vivono di turismo, il turismo vive delle Canarie”, riflettendo il fatto che qui vengono lasciate le briciole del turismo.

    E a questo dobbiamo aggiungere la produzione di rifiuti, il consumo di acqua, senza la remunerazione che dovremmo avere, così come la pressione che il turismo sta generando su aree naturali come il Teide.

    L’Ashotel, l’associazione dei datori di lavoro del settore alberghiero di Tenerife, si è opposta all’introduzione di una tassa di soggiorno – ora con CC e PP nel prossimo governo delle Canarie, questo è molto lontano – per mettere in guardia dalla fobia del turismo e per fornire alloggi ai lavoratori del settore turistico, tra le altre richieste.

    Gli albergatori sono preoccupati per il modello turistico, che a loro avviso “si sta trasformando in una chiara turismofobia” nei confronti di un settore che rappresenta il 35% del PIL, il 40% dell’occupazione e che ha permesso uno sviluppo e un benessere “impensabili” 40 o 50 anni fa.

    “Ci sono margini di miglioramento, soprattutto di fronte alle sfide della sostenibilità del turismo”, ma “l’attività ricettiva tradizionale (alberghi e appartamenti) non può essere incolpata dei processi di gentrificazione causati dalla mancanza di un’adeguata regolamentazione degli alloggi per le vacanze”, afferma Jorge Marichal, di Ashotel, concludendo che “alcuni gruppi e partiti politici hanno guardato al turismo come capro espiatorio delle loro frustrazioni”.

    Per alleviare i problemi abitativi dei lavoratori del settore turistico, Ashotel chiede ai partiti di individuare sacche di terreno nei comuni turistici per la costruzione di alloggi sociali.

    La presidente dell’Associazione degli Affittacamere delle Canarie, Doris Borrego, ha chiesto all’associazione dei datori di lavoro del settore alberghiero di assumersi le proprie responsabilità, considerando che l’uso di espressioni come “tourismphobia” o “gentrificazione” stanno causando allarme sociale.

    “Non giochiamo con il cibo. Il turismo ci fornisce anche ricchezza e molti posti di lavoro.

    Naturalmente riconosciamo che è necessario riflettere e ripensare la direzione delle isole.

    Abbiamo regolamenti obsoleti di 30 anni fa, nuovi modi di viaggiare e di intendere il turismo.

    È necessario discuterli e accettarli, ma a porte chiuse. Seduti attorno a un tavolo, con prudenza”, sottolinea.

    La CEOE di Tenerife chiede di fermare l’escalation di tensione a livello turistico che, a suo parere, si sta vivendo sull’isola, poiché questo rifiuto e ostilità nei confronti del turismo potrebbe lasciare “un segno significativo” nel settore “e quindi mettere in pericolo” l’occupazione nell’arcipelago.

    In un comunicato intitolato “Non ci rappresentano”, assicura che l’isola sta affrontando un fenomeno allarmante noto come turismo-fobia, con manifestazioni “organizzate da vari gruppi che chiedono, tra l’altro, una moratoria turistica, l’introduzione dell’ecotassa e l’applicazione di una legge sulla residenza”. “Sono gli stessi gruppi che si sono scontrati direttamente con i turisti”, assicura la CEOE.

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati