More

    Lo sconto aereo del 75% per i residenti riduce la spesa dei turisti nazionali e incide sul PIL

    Uno studio economico dimostra che l’aumento dello sconto nel 2018 ha comportato perdite per le Isole Canarie pari a 23 milioni l’anno.

    Lo sconto del 75% per il trasporto dei residenti, in vigore da luglio 2018, ha avuto l’effetto perverso di aumentare le tariffe aeree tra le Isole Canarie e il continente, con aumenti sproporzionati – soprattutto in periodi di forte domanda – che danneggiano la connettività delle isole.

    Uno studio di Juan Luis Jiménez, dottore di ricerca in Economia e professore associato presso l’ULPGC, dimostra ora che ha anche un effetto negativo sul PIL delle Canarie, perché riduce i consumi dei turisti nazionali sulle isole.

    Da quando la sovvenzione per i residenti è stata aumentata dal 50% al 75%, la spesa dei visitatori continentali nella loro destinazione è diminuita del 12%, con perdite per le Isole Canarie stimate in “appena” 23 milioni di euro all’anno.

    Nel 2020 l’Autorità indipendente per la responsabilità fiscale (AIReF) ha valutato l’effetto della sovvenzione sui prezzi dei biglietti e ha concluso che dopo l’applicazione del 75% c’è stato un aumento medio del 12% sulle rotte verso il continente, soprattutto a causa dell’aumento della sovvenzione.

    Jiménez sottolinea nel suo studio che la letteratura accademica esistente in materia giunge alla stessa conclusione: le compagnie aeree fissano prezzi più alti sulle rotte sovvenzionate.

    Per valutare gli effetti dell’aumento della sovvenzione sul comportamento dei turisti nazionali, lo studio ha analizzato la loro spesa e la durata del loro soggiorno: il risultato indica che coloro che si recano alle Isole Baleari non hanno modificato il loro comportamento, né nella spesa né nei giorni di permanenza, ma ci sono stati cambiamenti per coloro che si recano alle Isole Canarie, dove la spesa giornaliera di ogni turista nazionale nella destinazione si è ridotta tra il 9,6 e il 12,2%.

    Lo studio conclude che l’aumento dello sconto per i residenti al 75% ha avuto un impatto notevole sui mercati, con un aumento dei prezzi che influisce sulle decisioni di consumo dei visitatori nazionali, che a sua volta ha un impatto negativo sul PIL delle Isole Canarie a causa della riduzione della spesa turistica.

    Sebbene nell’analisi della spesa media dei turisti nazionali la stima di quanto hanno smesso di spendere sia di 23 milioni all’anno, lo studio sottolinea che le perdite sono in realtà maggiori perché non tiene conto dei turisti nazionali che hanno deciso di non viaggiare a causa degli alti prezzi dei biglietti, né degli effetti sui turisti stranieri, che il documento ipotizza ci siano stati.


    Jiménez insiste nel chiarire che non è la necessità di sussidi a essere messa in discussione, ma le conseguenze del sistema scelto.

    “Questo sistema è inefficiente, produce effetti indesiderati e ci sono alternative migliori. Ma la decisione di mantenerla è politica”, sottolinea l’economista.

    Gli effetti indesiderati del 75% hanno messo sotto esame il modello di bonus per i residenti.

    La scorsa settimana è stato il gruppo parlamentare di Ciudadanos al Congresso a lanciare l’allarme con la presentazione di un’iniziativa che chiede di modificare o sostituire l’attuale sistema per ottenere un efficace contenimento dei prezzi, garantendo prezzi moderati per i residenti senza provocare un aumento delle tariffe per i non residenti, come avviene attualmente.

    Ciudadanos ritiene che l’attuale 75% avvantaggi solo i redditi medio-alti, che sono la parte della popolazione che ha meno difficoltà a viaggiare, il che in pratica rende il sussidio “un sistema controproducente che genera una dinamica perversa”.

     

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati