More

    Autobus gratuiti nelle Isole Canarie: l’iniziativa è affrettata?

    Il prossimo 1° gennaio entrerà in vigore la gratuità dei trasporti pubblici nelle Isole Canarie per un anno, in seguito all’accordo tra la Coalizione delle Isole Canarie (CC) e il governo centrale per sostenere il Bilancio Generale dello Stato (PGE).

    Un accordo che prevede anche il recupero della sovvenzione reale del 100% per il trasporto merci e un piano specifico per La Palma.

    La misura, che ci mette alla pari con il resto della Spagna, che da settembre ha questo sussidio del 100% sui viaggi in treno a breve e media distanza, è del tutto appropriata, soprattutto in un momento in cui le famiglie sono soffocate dall’aumento dei prezzi.

    Un sollievo per le tasche dei canari che, ad oggi, nessuno contesta. Ma ci sono alcune sfumature.

    Al di là del successo di aver ottenuto dallo Stato ciò che sembrava impossibile fino a pochi mesi fa, la misura, per essere applicata con garanzie, deve superare alcuni intoppi.

    Ad esempio, la mancanza di autobus e autisti per soddisfare l’elevata domanda prevista a partire dal 2023.

    Il presidente del Cabildo de Tenerife, Pedro Martín, ha riconosciuto questa settimana che sarà “complicato” soddisfare l’aumento della domanda, sia di autobus che di tram, per “fornire il servizio di qualità che vogliamo”.

    Va ricordato che da quando è stato introdotto lo sconto del 50% lo scorso settembre, il trasporto urbano nelle Isole è cresciuto di oltre il 16% e che a novembre il tram ha registrato un record assoluto per il servizio, raggiungendo 1.650.013 passeggeri, il numero più alto di utenti del tram in un singolo mese da quando il servizio pubblico è stato lanciato nel 2007.


    Con queste cifre, quindi, è ragionevole pensare che quando a gennaio entrerà in vigore la gratuità al 100%, l’aumento dei passeggeri sarà “considerevole”.

    Secondo le stime dei vari operatori delle Canarie, si prevede un aumento di circa il 5 o 7% dei passeggeri.

    Per quanto riguarda i conduttori, il Cabildo non vede troppi ostacoli.

    Il Consiglio di Amministrazione di Titsa ha approvato qualche settimana fa l’assunzione di 108 persone per il prossimo anno, di cui 92 autisti e 16 tecnici, nonché un aumento della spesa per il personale di 9,2 milioni di euro.

    Queste misure si aggiungono all’integrazione di 122 lavoratori nell’organico avvenuta all’inizio dell’anno, per un totale di 230 assunzioni. Il problema è la mancanza di autobus.

    Il vicepresidente e assessore alle Strade, alla Mobilità, all’Innovazione e alla Cultura del Cabildo di Tenerife, Enrique Arriaga, ha spiegato che molti degli autobus attualmente in circolazione non sono di proprietà della Corporazione insulare perché sono stati acquistati dalla precedente squadra di governo tramite leasing e ora devono essere ritirati perché il contratto scade.

    “L’idea è di affittarne alcuni fino all’arrivo di quelli che abbiamo acquistato, circa 90, ma questi non arriveranno prima della metà del 2023”.

    Arriaga ha assicurato che ciò non implica che “il Cabildo non crede in questa misura o non vuole applicarla”.

    Applicheremo il servizio gratuito, ma nei primi mesi, vista l’elevata domanda che ci aspettiamo, non saremo in grado di fornire il buon servizio che vogliamo”.

    Tuttavia, ha ricordato che quando si acquista un autobus non è come un’automobile, che si può avere a casa in un mese, ma che la consegna può richiedere fino a due anni.

    Questo mese l’azienda indirà una gara d’appalto, del valore di 88 milioni, per l’acquisto di 248 autobus, 171 dei quali saranno ibridi.

    “È il più grande sforzo di trasporto pubblico nella storia dell’azienda, ma i nuovi veicoli saranno disponibili nel 2024 e nel 2025”.

    Un altro dei problemi incontrati dagli autobus gratuiti è il loro finanziamento.

    L’emendamento presentato al bilancio dal CC comporterà uno stanziamento di 81 milioni di euro.

    Il Governo delle Canarie e il Consiglio dell’isola ritengono che questi finanziamenti siano insufficienti.

    Il Ministro Sebastián Franquis, non poteva essere più chiaro questa settimana dopo l’incontro tenutosi a Madrid con il Segretario Generale dei Trasporti e della Mobilità, María José Rallo, e il Direttore Generale dei Trasporti Terrestri, Jaime Marrero: “Abbiamo seri dubbi che questi 81 milioni di euro siano sufficienti per pagare il trasporto gratuito in autobus nelle Isole Canarie, sulla base delle informazioni che ci hanno fornito gli operatori”.

    Il Ministero dei Trasporti, per il momento, si è impegnato ad un nuovo incontro tra tre mesi per valutare un eventuale aumento dei finanziamenti, se necessario, a cui si è detto “disponibile”.

    Per quanto riguarda le carte di viaggio a cui verrà applicato lo sconto del 100%, è bene chiarire che non è per tutti.

    Qualcosa che, secondo Arriaga, “non è stato spiegato bene”.

    “Non è gratis per tutti”, ha detto.

    In linea con quanto espressamente indicato nell’emendamento al PGE, solo i viaggiatori abituali potranno viaggiare gratuitamente su tram e autobus, cioè coloro che utilizzano tessere mensili e biglietti multi-corsa, e un certo numero di viaggi, che sarà determinato nei prossimi giorni.

    “L’idea è di favorire gli utenti abituali”, ha spiegato Arriaga.

    La campagna non è nuova alle polemiche.

    Coalición Canaria l’ha definita “assurda” perché “è esattamente il contrario: devono far circolare più autobus nelle ore di punta perché è in quel momento che ci sono più utenti e quando la gente ne ha più bisogno”.

    La candidata nazionalista alla presidenza del Cabildo, Rosa Dávila, ha sottolineato che da quando il CC ha ottenuto la gratuità dei trasporti, abbiamo visto come il PSOE nelle Isole Canarie e a Tenerife stia ponendo ostacoli al rispetto dell’accordo e lo stia boicottando.

    Che non ci sono autobus, che non ci sono autisti, che non ci sono soldi…

    E ora, l’ultima cosa è dire alla gente di non usare l’autobus nelle ore di punta.

    È deplorevole”, ha detto. “Coalición Canaria ha fatto il suo lavoro, che è quello di ottenere l’autobus gratuitamente, ora spetta alla squadra di governo del Cabildo gestirlo.

    Gli ultimi a partecipare a questa equazione sono i tassisti, che hanno protestato contro il fatto che non sono stati presi in considerazione quando si è parlato di trasporto pubblico gratuito.

    Il presidente di Élite Taxi, Miguel Ojeda, ha chiarito questa settimana a Cadena Cope che non si escludono manifestazioni.

    E ha minacciato: “Non permetteremo che le nostre famiglie vengano rovinate a causa delle istituzioni.

    Abbiamo già concordato percorsi per grandi manifestazioni, non per due ore, ma forse per giorni interi nei luoghi più importanti, non solo a Santa Cruz, ma anche nel resto dell’isola”.

    Ojeda ha spiegato che “abbiamo già notato un aumento totalmente esagerato dei passeggeri alle fermate di autobus e tram quando i prezzi sono stati dimezzati a settembre, e ora questa è l’ultima goccia.

     

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati