More

    DNA Antico: è possibile resuscitare animali estinti?

    Il DNA antico può aiutare a recuperare specie estinte nelle Isole Canarie?

    È “uno strumento potente” in campi come la paleontologia e l’archeologia e potrebbe aiutare a “resuscitare” animali estinti.

    È possibile resuscitare animali estinti nelle Isole Canarie?

    A tal fine è necessario un DNA antico, che è già stato ottenuto da esemplari del ratto gigante di Tenerife e della lucertola golia Gallotia (oggi estinti).

    Forse, col tempo, gli strumenti genetici permetteranno di recuperare queste specie e di riportarle sulle isole, un processo noto come de-estinzione.

    Per “resuscitare” le specie estinte “abbiamo bisogno del loro DNA”, perché è lì “che si trovano le istruzioni per farlo”, spiega Víctor Tagua, ricercatore dell’Università di La Laguna.

    Finora, il più antico record di DNA sequenziato risale a poco più di un milione di anni fa, da esemplari di mammut congelati nel permafrost, spiega il biologo, che ha scritto un articolo sulla “de-estinzione” nella rivista popolare Hipótesis.

    A questo proposito, Tagua sottolinea che sono stati recuperati resti di DNA da specie estinte come il mammut, il dodo, il Neanderthal e altre specie umane, l’uro, il moa, l’orso delle caverne e il tilacino (o lupo della Tasmania) e in tutti i casi si tratta di resti di ossa e denti, corpi congelati, feci, gusci d’uovo e persino legno e terra.

    Lo studio di questo antico DNA è diventato “uno strumento potente” in campi come la paleontologia e l’archeologia e, man mano che si compiono progressi, vengono battuti i record di età dei resti sequenziati, ma, avverte il ricercatore, “siamo ancora lontani dal materiale genetico dei dinosauri”, che si sono estinti 65 milioni di anni fa ed è difficile trovare resti fossili con DNA in condizioni conservate.


    Dopo aver escluso la possibilità di un Jurassic Park, Tagua rivela che “abbiamo un asso nella manica e cioè che i discendenti dei dinosauri sono ancora vivi e possiamo vederli intorno a noi ogni giorno: gli uccelli”.

    Gli uccelli discendono dal gruppo dei Velociraptor, motivo per cui un progetto scientifico internazionale mira a riportare in vita questa specie di dinosauro utilizzando il genoma degli uccelli, un po’ come “cercare il dinosauro che i polli portano dentro di sé”.

    Víctor Tagua, che è anche collaboratore dell’Hospital la Candelaria con il programma Agustín de Betancourt (finanziato dal Cabildo de Tenerife, TF Innova, Fdcan e Medi), spiega che durante lo sviluppo embrionale esiste una serie di “geni master” che si accendono e si spengono per dare origine a diverse strutture e organi.

    Ecco perché molti dinosauri avevano denti, artigli e code, che sono assenti negli uccelli di oggi, loro discendenti.

    Si tratta quindi di individuare i geni che danno origine alle strutture “spente” negli uccelli moderni e finora è stato possibile ottenere embrioni di pollo con denti al posto del becco, artigli sulle ali e si stanno facendo progressi nella linea di sviluppo della coda.

    Il risultato non sarebbe un animale transgenico, in quanto non avrebbe geni estranei nel suo genoma, ma un organismo geneticamente modificato e, nel frattempo, si stanno ottenendo preziose informazioni sulla biologia dello sviluppo che consentiranno una migliore comprensione di questo processo e dati sui meccanismi delle malattie.

    Ugo Marchiotto

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati