More

    L’acqua nelle Isole Canarie ha i suoi proprietari

    Dagli “acquaioli” alle “camere” isolane

    L’iniziativa privata ha sviluppato l’estrazione della risorsa dal sottosuolo e mantiene la proprietà di pozzi e gallerie.

    Gli ecologisti avvertono che i regolamenti sono permissivi con lo sfruttamento eccessivo delle falde acquifere e chiedono un maggiore controllo e una strategia idrica.

    Nelle Isole Canarie, più della metà dell’acqua consumata proviene dal sottosuolo.

    Questa risorsa, scarsa e preziosa sulle isole, ha proprietari privati e un mercato in cui si specula sul suo valore per commercializzarla, ad esempio, nell’irrigazione agricola.

    Nonostante la legge stabilisca che “tutta l’acqua è subordinata all’interesse generale”, nell’arcipelago sono ancora in mano a privati i pozzi e le gallerie scavate alla ricerca del liquido nel corso del XX secolo, che in passato erano conosciuti come aguatenientes e che, nel corso degli anni, sono stati raggruppati in comunità.

    Nel caso di Tenerife (dove l’80% delle risorse idriche proviene dal sottosuolo), si sono uniti nella Camera dell’Acqua per difendere i loro interessi e le loro azioni.

    La parte pubblica o lo Stato hanno cercato di regolarizzare o proteggere la risorsa e sono entrati nel mercato dell’acqua attraverso la desalinizzazione o hanno creato consigli insulari per garantirne il controllo.

    Tuttavia, gli ecologisti criticano il fatto che le norme permettano un eccessivo sfruttamento delle falde acquifere, ritenendo che siano permissive nei confronti dei proprietari delle infrastrutture che estraggono la risorsa e, ai fini pratici, considerano che i consigli delle isole non impongano sanzioni.


    Sulle isole sono state realizzate più di 6.000 opere di captazione delle acque sotterranee, ma quasi il 30% è inattivo o secco.

    Il programma Informe Trópico di Televisión Canaria analizza da vicino la gestione dell’acqua nelle Isole Canarie e, per comprendere la situazione attuale, Antonio Macías, professore di Storia economica presso l’Università di La Laguna, scava nel passato.

    “Quando discutiamo della proprietà dell’acqua nelle Isole Canarie, dobbiamo partire da un momento specifico: la conquista dell’arcipelago.

    Tutta l’acqua e la terra erano di proprietà del re, che stabilì che il processo di distribuzione e ripartizione sarebbe stato libero, senza alcun costo.

    E assegnò terra e acqua congiuntamente ai coloni”, ma “tutta la terra e l’acqua dovevano essere dedicate alla canna da zucchero”.

    C’era bisogno di sempre più acqua e così è iniziato un processo di privatizzazione di tutte le sorgenti e le fonti, secondo Macías.

    Con la prima importante legge sull’acqua in Spagna, nel 1879, tutti i diritti idrici preesistenti sono stati autorizzati a diventare proprietà privata, dando origine al sistema attuale.

    Allo stesso tempo, in Spagna si assisteva al disimpegno, cioè alla vendita di proprietà statali ed ecclesiastiche per raccogliere capitali.

    E queste proprietà includevano il sottosuolo dove c’era l’acqua.

    Fu allora che si presentarono le circostanze giuste per l’iniziativa privata di sfruttare le acque sotterranee delle isole.

    “Sono state create associazioni di investitori, di azionisti, che hanno formato comunità idriche e per sfruttare le falde acquifere, sono state costruite gallerie e, in seguito, pozzi”, dice Macías, uno scenario che ha portato anche a un conflitto sull’acqua “che è la nostra gestione attuale”.

    Con la crescita della popolazione e l’aumento della domanda di acqua, negli anni Cinquanta e Sessanta “lo sforzo di investimento privato e, soprattutto, le possibilità di ottenere più acqua dalla falda acquifera, raggiunsero il loro limite”, sottolinea Macías, e fu necessario l’intervento dello Stato, che realizzò i primi impianti di desalinazione sulle isole.

    Oggi, la nuova legge sull’acqua ha cercato di regolamentare lo sfruttamento delle falde acquifere in modo che possano essere sfruttate in modo razionale.

    Nelle Isole Canarie, il consumo annuale (urbano, turistico, industriale e agricolo) supera i 500 ettometri cubi (hm3), secondo i dati del 2015 della Direzione Generale dell’Acqua, ed è coperto per il 58% da risorse sotterranee, per il 32% dalla desalinizzazione (circa 200 hm3, anche se c’è una capacità di 600) e per il resto tra depurazione/riutilizzo e dighe o serbatoi.

    In questo scenario, il portavoce di Ben Magec, Eugenio Reyes, mette in guardia dai rischi che si corrono se si continua a scavare i pozzi e ad esaurire le falde acquifere.

    A questo proposito, critica la terza disposizione transitoria della legge sull’acqua del 1990, che definisce “una frode che scatena tutto il caos che abbiamo”.

    In particolare, Reyes ricorda che il testo stabilisce che i proprietari di pozzi o gallerie hanno la possibilità di estendere la loro concessione per 50 anni, “ma viene aggiunta una cosa curiosa: il mantenimento del flusso”.

    In altre parole, sono autorizzati a realizzare tutti i lavori necessari per l’estrazione della risorsa “fino al giorno prima della scadenza della concessione”.

    Questo, aggiunge, si scontra con la legge statale, secondo la quale se le procedure di estrazione vengono modificate, le infrastrutture diventano immediatamente pubbliche.

    Nel caso di Tenerife, Candelaria Martín, docente di Scienza del suolo e Geologia presso l’Università di La Laguna, ricorda che negli ultimi decenni il volume delle riserve idriche nel sottosuolo dell’isola “è andato progressivamente diminuendo”.

    Sebbene in alcuni momenti sia compensata dalla ricarica delle precipitazioni, “la tendenza generale è negativa”.

    Questo porta all’estrazione di “acqua più vecchia, che è stata a contatto con la roccia per più tempo e quindi è più mineralizzata, e dal punto di vista chimico sta peggiorando”.

    E nei pozzi devono andare sempre più in profondità. Pertanto, devono investire più energia per sollevare l’acqua. Questo significa che la nostra acqua è più costosa e di qualità inferiore”, spiega Martín.

    Da parte sua, Patricia Pérez, vicepresidente della Camera dell’Acqua di Tenerife, l’organismo che rappresenta i proprietari di acqua sull’isola, difende la proprietà privata dell’acqua “per motivi economici e di sostenibilità”.

    In questo senso, ora che un metro cubo di acqua costa la metà rispetto alle altre isole e “non si estrae più di quanto sia necessario”.

    Ha inoltre ricordato che la legge riconosce la proprietà privata delle falde acquifere perché “è quella che ha fatto emergere tutte le riserve, circa 1.800 chilometri di acque sotterranee, compresi pozzi e gallerie” grazie “all’ingegno della gente di Tenerife”.

    Pérez ricorda che la Camera è stata creata nel 1977 e che sono integrate tutte le comunità acquatiche, che a loro volta sono composte da circa 30.000 proprietari.

    È molto ben distribuito”, afferma Pérez, che rifiuta il termine “aguateniente” perché lo considera “molto dispregiativo e sproporzionato, non è affatto in linea con la realtà”.

    Inoltre, sottolinea che “nelle gallerie non si può spostare una sola pietra” senza l’approvazione del Consiglio idrico dell’isola.

    “Siamo molto controllati da loro, non possiamo fare nulla senza la loro autorizzazione”.

    Il primo impianto di desalinizzazione per uso urbano in Europa è stato installato a Lanzarote nel 1964.

    Per quest’isola e per Fuerteventura, la tecnologia ha permesso di coprire la domanda di acqua a fronte della scarsità di risorse idriche sotterranee.

    Inoltre, Gilberto Martel, direttore del Dipartimento dell’Acqua dell’Istituto di Tecnologia delle Canarie, sottolinea l’importanza del fatto che “il settore pubblico ha intensificato gli sforzi per la produzione e la fornitura di acqua per bilanciare il mercato privato, che in alcuni casi era speculativo”.

    In questo senso, insieme alla depurazione e al riutilizzo, la desalinizzazione ha permesso di avere un prezzo regolato e stabile “che ha contribuito al fatto che il mercato delle acque sotterranee si è dovuto regolare verso il basso”.

    Tuttavia, per Carlos Soler, ingegnere civile, in altre isole come La Gomera o El Hierro, dove ci sono più risorse sotterranee, la desalinizzazione significa introdurre acqua “più costosa e più inquinante”.

    Come esempio paradigmatico, cita l’isola di El Hierro: “C’è una quantità di acqua sotterranea di qualità eccellente tre volte superiore a quella necessaria per l’intera isola, quindi perché viene desalinizzata?

    L’isola di El Hierro ha persino dichiarato l’emergenza idrica a causa della siccità, come è accaduto a La Gomera e Fuerteventura.

    Il portavoce del gruppo ambientalista Ossinissa, Samuel Acosta, critica il Cabildo per aver preso questa decisione di installare impianti di desalinizzazione “immediatamente, con un contratto veloce, senza eccessiva tassazione e per avvantaggiare alcune aziende legate a questo mondo”.

    Luis Fernando Martín, direttore del Consejo Insular de Aguas del Cabildo de El Hierro, risponde che gli impianti di desalinizzazione sono necessari sull’isola per mantenere “il buono stato dei corpi idrici sotterranei”.

    Spiega che la dichiarazione di emergenza idrica è dovuta “alla scarsità di precipitazioni e, d’altra parte, alla circostanza aggiuntiva di un ritardo in un importante progetto di stoccaggio: il bacino di Frontera”.

    Ha aggiunto che El Hierro è l’isola della provincia occidentale dove piove meno, e negli ultimi anni la domanda è aumentata grazie al turismo e al miglioramento del tenore di vita della popolazione di 11.000 abitanti.

    Per gli esperti consultati nell’ambito del programma Informe Trópico, la base della soluzione risiede nella realizzazione di lavori o studi sulle risorse idriche delle isole.

    “La prima cosa che si dovrebbe fare in tutte le isole è realizzare un bilancio idrologico, che è quello che dà le risorse.

    Per quanto riguarda l’acqua, ci stiamo buttando a capofitto nella desalinizzazione senza sapere quanta acqua si può estrarre dalle falde acquifere”, ha detto Soler, seguito da Gilberto Martel: “La conoscenza è importante, avere i dati, la ricerca, è fondamentale.

    Redazione

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati