More

    L’ex Hotel Tierra de Oro, a Los Realejos, diventerà una residenza per anziani

    L’edificio, completamente ristrutturato e progettato in modo ecosostenibile, avrà una capacità di 99 posti letto e 26 posti letto diurni.

    Aprirà le porte per fine anno.

    Le Isole Canarie hanno un deficit di 8.075 posti nelle case di riposo.

    Questo aspetto è stato evidenziato nel rapporto dell’Associazione dei Direttori e dei Dirigenti dei Servizi Sociali, presentato all’inizio dell’anno, in cui si afferma che questa sarebbe la cifra ideale per raggiungere il rapporto di cinque persone su 100 con più di 65 anni.

    Consapevoli di questa esigenza e vista l’esperienza nel settore di uno dei tre soci che compongono la società Ecoresidencias Gerontalia, un’entità con capitale 100% canario, hanno deciso di scommettere e di acquisire l’immobile dove si trovava l’ex hotel a quattro stelle Tierra de Oro, situato nella zona residenziale di La Cartaya, a Los Realejos, per convertirlo in una residenza per anziani che porterà lo stesso nome.

    Dopo molti anni di gestione in cui si è guadagnato una meritata reputazione per la presenza di una spa climatizzata, nel 2007 le sue strutture sono state rinnovate con 50 camere distribuite su tre piani.

    Gli ospiti avevano a disposizione una hall con reception aperta 24 ore su 24, caffetteria, ristorante, bar, parrucchiere e strutture per conferenze.

    Tuttavia, lo stabilimento non era riuscito a riprendersi ed è stato costretto a chiudere.


    I tre partner hanno deciso di acquistare la proprietà e nel 2020 hanno iniziato i lavori per fornire strutture di qualità e completamente accessibili per ospitare 99 posti residenziali e 26 posti diurni.

    La ristrutturazione è stata al 90%, solo la struttura è stata mantenuta.

    I lavori, tra una pandemia e l’altra, stanno volgendo al termine, poiché si pensa di aprire le porte entro fine anno.

    Per il momento sarà a gestione privata, ma non si esclude che in futuro alcuni posti possano essere sovvenzionati.

    C’è persino l’interesse del Servizio Sanitario Canario e dell’Istituto di Assistenza Sociale e Socio-Sanitaria (IASS) a farlo, “ma questo sarà lasciato per il prossimo anno”, dice uno dei proprietari, Iván Márquez.

    Quando la residenza sarà operativa, verranno creati tra i 60 e i 70 posti di lavoro, tra cui medici, infermieri, cuochi, personale di pulizia, logopedisti, assistenti sociali, fisioterapisti, personale di manutenzione e amministrativo.

    Data la grande quantità di spazi aperti e aree verdi di cui dispone l’edificio e la sua vicinanza a un ambiente rurale, i mentori del progetto hanno ritenuto ideale dargli un approccio ecosostenibile, con un plus di investimenti in tal senso, sia nella costruzione stessa, puntando su energie rinnovabili, risparmio energetico, acqua e climatizzazione, sia nella futura gestione residenziale, con l’acquisto di prodotti ecologici per la pulizia e l’autoproduzione agricola.

    L’idea dell’azienda è quella di acquisire appezzamenti di terreno adiacenti alla residenza per installare orti biologici da destinare al consumo del centro e da curare da parte dei residenti che possono e vogliono dedicarsi a questo lavoro.

    L’obiettivo finale è cercare di uscire dal modello ospedaliero e clinico che si è rivelato inefficace durante la pandemia, a favore di un modello più confortevole, più vicino e più familiare che offra una migliore qualità di vita.

    Cristiano Collina

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati