More

    Il Teide, il tesoro naturale più a rischio della Spagna

    Foto di Cristiano Collina

    L’area intorno a Las Cañadas, dichiarata parco nazionale nel 1954, ha conservato fino ad oggi per miracolo i suoi eccezionali valori paesaggistici e naturali, essendo stata messa in pericolo per un secolo dalla crescente pressione antropica, a cui si aggiunge ora il cambiamento climatico.

    Il Teide, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2007, è il parco nazionale più visitato della Spagna, con oltre 3 milioni di visitatori all’anno.

    Questo significa che, allo stesso tempo, è uno degli spazi naturali più minacciati di tutta la Spagna, vista l’enorme pressione antropica a cui è sottoposto da decenni, oltre agli effetti del cambiamento climatico.

    Foto di Cristiano Collina

    Il Teide è un tesoro naturale e, allo stesso tempo, fa la parte da leone per il turismo e per l’isola di Tenerife, di cui è l’emblema principale.

    Combinare queste due dimensioni è oggi complicato.

    Sui media e sui social network sono sempre più frequenti le segnalazioni di attacchi ambientali di ogni tipo nei dintorni di Las Cañadas, come la celebrazione di botellones, la circolazione in moto o in bicicletta su piste chiuse al pubblico, l’estrazione di pietre vulcaniche, i graffiti sulle rocce, l’accumulo di rifiuti, le discariche incontrollate, ecc.

    Foto di Cristiano Collina

    Per porre fine a questa situazione ed esigere la responsabilità delle autorità, la Fondazione Telesforo Bravo ha lanciato la campagna Pasa sin huella, in cui chiede maggiori misure di controllo nelle aree naturali dell’isola in generale e sul Teide in particolare.

    Il portavoce di questo gruppo ambientalista, Jaime Coello, ha sottolineato la necessità di aumentare le risorse materiali e umane per i compiti di sorveglianza.


    “La soluzione a questo problema verrà da una combinazione di educazione, informazione, sensibilizzazione e divulgazione a medio e lungo termine, e da una maggiore vigilanza e sanzioni a breve termine”, ha dichiarato.

    Foto di Cristiano Collina

    È chiaro che il Parco Nazionale del Teide ha bisogno di una protezione maggiore e più efficace.

    A tal fine, il Dipartimento per la Transizione Ecologica, la Lotta al Cambiamento Climatico e la Pianificazione Territoriale del Governo delle Isole Canarie ha redatto un progetto di Piano di Utilizzo e Gestione del Parco Nazionale del Teide (PRUG).

    Nelle parole del consigliere José Antonio Valbuena, questo sarà lo strumento “per avanzare nella regolamentazione e nella conservazione del parco, basandosi sulla protezione della flora e della fauna, sulla conservazione del patrimonio archeologico, sulla protezione della qualità del cielo e del paesaggio, sulla promozione della ricerca e sull’eradicazione delle specie invasive, tra le altre misure”.

    Foto di Cristiano Collina

    La bozza del PRUG ha generato un’intensa polemica a causa delle critiche dei gruppi politici di opposizione, dei consigli comunali particolarmente legati al parco, come La Orotava e Los Realejos, e dei gruppi ecologisti e ambientalisti, che la respingono soprattutto per la mancanza di un maggiore processo partecipativo e per la sua natura eccessivamente proibizionista.

    A parte le polemiche, ciò che sembra indiscutibile è che un Piano di utilizzo e gestione è essenziale per garantire la conservazione del più grande tesoro naturale delle Isole Canarie, che nell’ultimo secolo ha subito molteplici minacce dalla crescente pressione umana.

    Il direttore del Parco Nazionale del Teide, Manuel Durbán, ha evidenziato i quattro problemi più gravi che il parco deve affrontare attualmente: il cambiamento climatico, la presenza di erbivori introdotti (mufloni), l’enorme aumento di visitatori e veicoli e gli incendi boschivi.

    Ma tutti gli esperti concordano sul fatto che il sovraffollamento di visitatori sta avendo un grave effetto sul parco, che nel 2019 ha registrato una media giornaliera di 3.000 veicoli.

    In risposta a ciò, il Piano regolatore consentirebbe la circolazione dei veicoli sulle strade interne al parco, che sono di dominio pubblico, ma i veicoli non sarebbero autorizzati a parcheggiare nelle ore di punta (quindi solo circolare ma non sostare!!!).

    Bisogna risalire agli inizi del XX secolo per trovare le prime notizie di progetti faraonici a Tenerife, azioni ambiziose che, inevitabilmente, riguardavano soprattutto l’ambiente più emblematico dell’isola: il Vulcano Teide.

    Se ripercorriamo la sua storia, vedremo che l’ambiente vulcanico di Las Cañadas ha conservato fino ad oggi i suoi eccezionali valori paesaggistici e naturali, nonostante il pericolo della speculazione e dello sviluppo.

    Foto di Cristiano Collina

    Soprattutto all’inizio del XX secolo, in quest’area naturale unica sono stati proposti molti progetti ad alto impatto, che fortunatamente non hanno avuto successo nonostante l’approvazione delle autorità pubbliche.

    All’epoca non esisteva una coscienza ecologica o ambientale nella società isolana.

    Questi macro-progetti sono falliti solo a causa delle difficoltà economiche dell’epoca, dei limiti tecnici del momento e dell’inaccessibilità del sito, a oltre 2.000 metri di altitudine e con strade di accesso poco agevoli.

    Questa circostanza può essere confermata con l’aiuto del professor Tomás Méndez Pérez, di La Orotava, e del suo libro Antecedentes históricos del Teide y Las Cañadas (Antecedenti storici del Teide e delle Cañadas).

    Méndez illustra i lavori intrapresi, l’estrazione dello zolfo e della pietra pomice e questi grandi progetti cassati.

    Racconta che a metà del XIX secolo Benigno Carballo Wangüemert, coltivatore di palme e professore di economia all’Università di Madrid, propose di creare colonie agricole nel grande circo di Las Cañadas per fermare l’emigrazione e aumentare la ricchezza del Paese.

    In seguito, il medico Tomás Zerolo chiese la concessione di un terreno di 10 ettari per effettuare prove di coltivazione di cereali.

    Gli scarsi risultati lo fecero desistere.

    Ma c’erano idee peggiori.

    Nel 1912, l’ingegnere Juan José Santa Cruz elaborò un ambizioso progetto di rete ferroviaria intorno all’isola, attraversando le pendici del Monte Teide.

    L’elevato costo economico impedì una simile barbarie.

    Qualche decennio dopo, i membri del Parlamento spagnolo, Félix Benítez de Lugo e Andrés Arroyo González de Chaves, ritennero che il luogo migliore per l’aeroporto dell’isola sarebbe stato Las Cañadas.

    Il sindaco di La Orotava accettò e offrì addirittura il terreno gratuitamente.

    Qualche anno prima, i tedeschi avevano studiato la possibilità di creare una base per i loro aerostati a Las Cañadas.

    Tomás Méndez racconta anche che intorno al 1925 l’idea di una stazione radiofonica sul Pico del Teide non decollò, così come altri tentativi imprenditoriali di aprire alberghi e persino un casinò a Llano de Maja.

    Solo la mancanza di una strada rendeva impraticabile un policlinico sanitario privato.

    Più di recente, a Las Cañadas si è pensato di costruire qualsiasi cosa, da una pista da sci a un centro sportivo ad alte prestazioni, approfittando del fatto che il Parador Nacional è l’alloggio abituale degli sportivi d’élite che vengono sull’isola per allenarsi ad alta quota.

    La dichiarazione di Parco Nazionale nel 1954 ha posto fine a questi e a molti altri sviluppi non sostenibili in un’area naturale così preziosa.

    Come in ogni cosa, c’è sempre un’eccezione, e nel caso del Teide si tratta della funivia, che da 30 anni sale e scende dalle pendici del vulcano per il divertimento di milioni di turisti (NdR: per fortuna!!!).

    Come scrivono Nicolás González Lemus e Isidoro Sánchez nel loro libro El Teide, de mito geografico a Parque Nacional, “il 15 marzo 1917, la seduta plenaria del Consiglio comunale di La Orotava approvò all’unanimità la richiesta allo Stato di dichiarare il Teide e le sue Cañadas parco nazionale, e autorizzò il sindaco, Agustín Hernández, a intraprendere i passi necessari presso l’Amministrazione statale”.

    Ci è voluto molto tempo – quasi 40 anni – prima che questa richiesta venisse finalmente accolta.

    Ma questo non significa che il Teide non sia ancora minacciato da molteplici e importanti pericoli.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati