More

    Come risparmiare energia con lo scaldabagno elettrico

    Il modo migliore di utilizzare lo scaldabagno elettrico per risparmiare sulla bolletta dell’elettricità

    È uno degli elettrodomestici che usiamo di più, ma ci sono semplici trucchi che possiamo mettere in pratica.

    Condizionatori, frigoriferi e lavatrici sono alcuni degli elettrodomestici che consumano di più, ma in questo gruppo, anche a causa dell’uso che ne facciamo quotidianamente, rientra lo scaldabagno elettrico.

    Gran parte della bolletta elettrica viene spesa per questo elettrodomestico, ma esistono dei trucchi per controllarne il consumo e risparmiare sulla bolletta.

    Il motivo di questa spesa è legato al funzionamento del boiler elettrico.

    Il sistema è semplice: il serbatoio dell’acqua viene riscaldato da una resistenza elettrica con il passaggio di una corrente elettrica.

    Questo processo può consumare fino a 2.000 watt.

    Fortunatamente, ci sono modi per risparmiare.


    Alcuni sembrano ovvi, ma spesso vengono trascurati dai consumatori quando si tratta di risparmiare sulla bolletta dell’elettricità.

    Scegliere il luogo migliore.

    È essenziale che il termo sia il più vicino possibile al luogo in cui verrà utilizzato.

    A volte, affinché non risulti sgradevole alla vista, per una questione di decorazione, viene spostato lontano dai luoghi di utilizzo per cui ha bisogno di più energia per riscaldarsi.

    Se è all’aperto, quando fa freddo, la spesa sarà maggiore per riscaldare l’acqua.

    La cosa più comune da fare è tenere il boiler elettrico sempre acceso.

    Questo è un errore, perché ogni volta che viene svuotata la resistenza riprende a funzionare, generando spese quando si deve riempire il boiler con acqua calda.

    La cosa migliore è lasciarlo spento fino al momento dell’utilizzo.

    Dipende dal modello, ma accendendolo un’ora prima si dovrebbe avere il tempo sufficiente per avere l’acqua calda nella doccia.

    Questa è una delle opzioni più popolari degli ultimi tempi.

    Esistono già scaldabagni elettrici che ne sono dotati e si possono utilizzare timer collegati al wifi per accendere lo scaldabagno quando necessario.

    Nelle case in cui il tempo della doccia è sempre lo stesso, sono molto utili.

    Un’opzione che di solito funziona bene per risparmiare energia nel caso in cui il volume d’acqua nello scaldabagno sia sufficiente per le nostre esigenze quotidiane è quella di spegnerlo rapidamente non appena il serbatoio si è riscaldato.

    In questo modo l’acqua sarà sufficiente per fare il bagno o la doccia, ma i costi saranno ridotti al minimo.

    Inoltre, cosa importante, la temperatura non deve essere particolarmente elevata.

    Al di sopra dei 70 gradi, i consumi salgono alle stelle.

    In considerazione dell’aumento dei prezzi della maggior parte dei beni di prima necessità, l’Organizzazione dei consumatori e degli utenti (OCU) ha pubblicato un totale di cinque consigli su come risparmiare fino a 40 euro sulla bolletta dell’elettricità.

    Confronta la tua tariffa elettrica

    Al giorno d’oggi, è essenziale controllare la bolletta dell’elettricità e confrontare le diverse tariffe elettriche per scoprire se si dispone di una tariffa competitiva o se si può trovare un’opzione migliore sul mercato.

    È inoltre consigliabile considerare la possibilità di aderire al mercato regolamentato, dove il prezzo dell’elettricità è fissato giorno per giorno e ora per ora.

    Secondo l’Organizzazione dei Consumatori e degli Utenti (OCU), per una famiglia con una potenza contrattuale di 4,6 kW e un consumo annuo di 3.500 kW, il risparmio medio è di 37 euro al mese stipulando la tariffa più vantaggiosa, un risparmio che può essere triplicato se l’elettricità viene stipulata con alcune delle tariffe più care del mercato.

    Così come è importante valutare le diverse opzioni tariffarie disponibili e confrontarle con quella contrattuale, è altrettanto importante conoscere la potenza elettrica più conveniente.

    In questo modo, si consiglia di esaminare in dettaglio la bolletta dell’elettricità, in modo da scoprire quale sia stata la potenza massima di picco negli ultimi mesi.

    Se questo valore è inferiore alla potenza contrattuale, sarà consigliabile abbassare la potenza solo nelle ore di punta e non in quelle non di punta.

    Grazie a questa misura, è possibile risparmiare fino a 3 euro al mese per ogni kW di potenza ridotta.

    Il consumo di elettrodomestici e dispositivi tecnologici in stand-by deve essere preso in considerazione quando si cerca di risparmiare sul consumo di elettricità.

    Il consiglio a questo proposito è di staccare la spina di tutti gli elettrodomestici e le apparecchiature domestiche che non vengono utilizzate regolarmente, poiché il semplice fatto di lasciarli spenti ma accesi comporta un costo aggiuntivo medio fino a 4 euro al mese.

    Allo stesso modo, l’Organizzazione dei consumatori e degli utenti (OCU) raccomanda di utilizzare la “modalità ECO” su ogni apparecchio.

    D’altra parte, l’OCU raccomanda anche che gli elettrodomestici che consumano una maggiore quantità di energia, come l’asciugatrice o la lavatrice, tra gli altri, siano utilizzati nelle fasce orarie in cui l’elettricità costa meno, cioè nelle ore non di punta, dal lunedì al venerdì dalle 00:00 alle 08:00, e nei fine settimana e nei giorni festivi, 24 ore al giorno.

    Un’altra delle raccomandazioni dell’OCU è quella di acquistare elettrodomestici ad alta efficienza energetica con il marchio A, il che significa grandi risparmi.

    Questo significa fino a 50 euro in meno all’anno rispetto a quelli con etichetta G.

    Il prezzo di questo tipo di elettrodomestici con classe di efficienza energetica A è solitamente più alto, ma è conveniente a lungo termine.

    Si consiglia inoltre di approfittare dei periodi di saldi e di fare acquisti per trovare questi apparecchi a un prezzo inferiore.

    In questo modo, sarà possibile acquistare elettrodomestici che comporteranno un notevole risparmio in casa.

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati