Le Isole Canarie spendono 1,4 milioni di euro per un portale di vendita di prodotti agroalimentari

Le Isole Canarie spendono 1,4 milioni di euro per un portale di vendita di prodotti agroalimentari che guadagna solo 8.000 euro al mese.

Quattro anni dopo, dopo un investimento pubblico di oltre un milione di euro e innumerevoli ostacoli, il canale di vendita online di prodotti agroalimentari delle Canarie a privati e aziende europee è ora operativo.

Il Ministro dell’Agricoltura, dell’Allevamento e della Pesca, Alicia Vanoostende, ha presentato il cosiddetto Mercato Canario, che comprende 60 produttori delle Isole e 400 referenze, come vini, mojos o gofios.

Tuttavia, Vanoostende ha riconosciuto che c’è ancora spazio per una crescita “enorme”, dal momento che, secondo i dati presentati, nell’ultimo mese sono stati spediti fuori dalle Isole circa 1.088 prodotti in 15 Paesi, che hanno rappresentato 8.319 euro di vendite.

L’azienda pubblica Gestión del Medio Rural (GMR) ha assegnato il progetto nel marzo 2021 per 1,4 milioni di euro e un periodo di esecuzione di 5 anni, pari a 238.000 euro all’anno, a Fresh Commerce Solutions SL, che ha subappaltato Arcos Comunicación e ha costituito la UTE Canarian Market.

Tra gli altri aspetti, hanno sottolineato che qualsiasi produttore agroalimentare può aderire gratuitamente alla piattaforma ed è a sua volta responsabile della determinazione del prezzo. Inoltre, possono scoprire quali clienti acquistano da loro e da dove.

Ed è l’acquirente a pagare sia il prodotto che il trasporto. Se si tratta di un paese continentale, il periodo di consegna è compreso tra le 24 e le 48 ore, mentre se si tratta di un altro paese dell’UE sono necessarie tra le 48 e le 72 ore.

Nel frattempo, il governo regionale si limita a pagare i costi fissi e a stabilire le regole.


Infatti, l’obiettivo è che il progetto possa continuare senza fare affidamento su fondi pubblici.

Al termine dell’accordo quinquennale, il capitolato stabilisce la possibilità di trasferire la piattaforma all’aggiudicatario. 

A sua volta, se l’UTE decidesse di continuare il servizio, verrebbe firmato un contratto di cessione per un periodo di altri cinque anni, che potrebbe essere rescisso in qualsiasi momento, mantenendo la garanzia depositata.

“Se non funziona, abbiamo la possibilità di rescindere il contratto se vediamo che non c’è un’evoluzione positiva”, dice Javier Camacho.

Ma per ora è ottimista, così come Luis Alcalá, che durante il suo intervento ha sottolineato che nel 2022 c’è “soddisfazione per il progetto” perché hanno ricevuto circa 150 pareri “che sono tutti molto buoni con qualche eccezione”.

Ha aggiunto che la piattaforma ha attualmente un punteggio di 9,88 punti su 10, valutando la consegna, la qualità dei prodotti e l’attenzione ricevuta.

Tra i prodotti più richiesti ci sono i vini, i mojos, gli almogrotes.

In ogni caso, sottolinea che si tratta di un marchio nuovo che “ha bisogno di un periodo di trazione per prendere il ritmo”.

“Aiutiamo i produttori locali, piccoli e grandi, attraverso la tecnologia, facendo conoscere l’eccellenza dei nostri prodotti”, ha detto Vanoostende, che ha sottolineato come, con l’imminente arrivo del Natale, “le confezioni regalo con i prodotti delle Canarie sono un’ottima opzione da regalare a chi è lontano dalle isole in questo periodo dell’anno”.

Un anno dopo l’assegnazione del contratto, l’Associazione degli agricoltori e degli allevatori delle Isole Canarie (Asaga) ha criticato il fatto che il Mercato Canario non abbia raggiunto lo scopo per cui era stato concepito, perché conteneva un’eccessiva burocrazia nelle procedure e generava più danni che benefici per i produttori che volevano aderire.

In particolare, ha sottolineato i ritardi nelle spedizioni, i ritardi nella riscossione dei pagamenti per le vendite, le alte commissioni imposte o addirittura la promozione di prodotti non autorizzati dai loro produttori.

“Il denaro pubblico dovrebbe essere speso per azioni di marketing efficienti e non sprecato per piattaforme che non hanno dimostrato la loro utilità attraverso rapporti precedenti e che non sono in grado di competere nel mercato digitale di oggi”, ha dichiarato Asaga in un comunicato. Per tutti questi motivi, ha avvertito che se GMR non avesse migliorato la piattaforma e corretto gli errori, molti avrebbero abbandonato la società pubblica.

“Siamo consapevoli delle difficoltà del settore primario nelle isole, dalla produzione alla commercializzazione.

Questa piattaforma ci permette di raggiungere ogni famiglia in Europa senza intermediari.

È un impegno molto ambizioso e questo è l’obiettivo del governo delle Canarie: lavorare con il settore per migliorarne le condizioni.

E questa è una delle linee che non ci permetterà di facilitare le vendite all’estero”, ha concluso martedì Vanoostende.