Un nuovo trattamento per l’obesità e il diabete apre una nuova strada

La somministrazione di batteri specifici, che agiscono come probiotici, potrebbe ridurre i livelli di succinato nel sangue.

Uno studio guidato da scienziati dell’Institut d’Investigació Sanitària Pere Virgili (IISPV)-CERCA (Reus Tarragona), potrebbe aprire una nuova strada terapeutica per il trattamento di malattie infiammatorie e metaboliche come l’obesità o il diabete di tipo 2.

La ricerca indica che la somministrazione di specifici batteri, che agiscono come probiotici, potrebbe ridurre i livelli di succinato nel sangue e quindi migliorare la salute delle persone affette da queste patologie.

Il lavoro è stato svolto in collaborazione con istituzioni e aziende in Spagna, Francia e Italia ed è pubblicato sulla rivista Microbiome.

Il succinato è un metabolita dalle molteplici funzioni prodotto naturalmente dalle cellule del nostro corpo e dai batteri intestinali, o microbiota.

Nelle malattie metaboliche e infiammatorie come l’obesità e il diabete, in cui si verifica un’alterazione del microbiota intestinale, i livelli di produzione di questo metabolita sono elevati, il che è direttamente correlato all’infiammazione caratteristica di questo tipo di pazienti.

Studi precedenti hanno dimostrato che livelli elevati di questo metabolita nel sangue sono indicativi di un maggior rischio di sviluppare malattie metaboliche.

“In un lavoro precedente avevamo dimostrato che questi pazienti avevano più batteri produttori di succinato e meno consumatori di succinato, ma non eravamo riusciti a dimostrare una relazione causale diretta”, spiega Sonia Fernández-Veledo, co-direttrice del team di ricerca dell’IISPV.


“In questa ricerca, utilizzando modelli animali obesi, dimostriamo per la prima volta che il microbiota intestinale è all’origine degli elevati livelli di succinato nell’obesità e nel diabete”, aggiunge la ricercatrice.

“Questa nuova linea di probiotici si basa sull’uso di batteri che consumano succinato, che ridurrebbero l’infiammazione e, di conseguenza, migliorerebbero i livelli glicemici e la sensibilità all’insulina, due aspetti che sono alterati nelle persone con diabete”, continua il ricercatore.

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’incidenza dell’obesità nella popolazione mondiale è triplicata negli ultimi 50 anni.

L’obesità è il fattore di rischio più importante per lo sviluppo del diabete, dato che l’80% delle persone con diabete è obeso.

Da parte sua, l’OMS considera il diabete la nona causa di morte nel mondo.

“Sebbene molti dei probiotici oggi in commercio siano noti per i loro effetti benefici, spesso non si sa come funzionino effettivamente e quindi il loro effetto non può essere determinato in modo oggettivo.

Grazie al nostro studio, ora conosciamo il meccanismo d’azione di questa nuova linea di probiotici”, spiega Isabel Huber, prima autrice dell’articolo.

“Il risultato dell’attività di questi batteri è facilmente misurabile anche nel sangue, il che ci permette di monitorare la loro efficacia in tempo reale”, aggiunge la ricercatrice.

L’obiettivo del team di ricerca è che questi probiotici possano essere commercializzati in futuro e aiutare le persone affette da disturbi metabolici e infiammatori – obesità o diabete, ma anche altre malattie come il morbo di Crohn o la malattia del fegato grasso non alcolica – a trovare un modo nuovo e più efficace per trattarli.

Bina Bianchini