Il “Grande Marocco” che gli islamisti chiedono a Mohammed VI

CEUTA
Tutti i diritti riservati a Rik Tiggelhoven Travel Photography

Il “Grande Marocco” che gli islamisti chiedono a Mohammed VI con Ceuta, Melilla e le Isole Canarie

Ceuta, Melilla, le Isole Canarie, la Mauritania, il Sahara occidentale: questa è la rivendicazione del Grande Marocco.

Un’estensione del territorio marocchino che si estenderebbe dalle due città autonome spagnole al fiume Senegal, oltre a parte dell’Algeria e del Mali.

È lo stesso concetto espansionistico promosso dal chierico sunnita Ahmed Raissouni, ex presidente ultraconservatore dell’Unione Internazionale degli Ulema Musulmani (IUMS).

Coloro che, come Rassouni, mantengono viva la fiamma espansionistica del Marocco, ritengono che il Sahara occidentale debba appartenere al territorio marocchino.

Ritengono inoltre che Ceuta e Melilla siano città occupate e che le acque al largo delle Isole Canarie appartengano a loro.

Seguendo la stessa linea, nel maggio 2021 il Paese africano ha incoraggiato la sua popolazione ad attraversare Ceuta e ha allentato le frontiere in modo che in soli due giorni 13.000 cittadini sono entrati nella città autonoma spagnola.

“L’esistenza stessa della Mauritania è un errore.


Il Marocco deve tornare ai suoi confini prima della colonizzazione europea.

Se il legame tra il popolo del Sahara e il Regno (del Marocco) è quello della lealtà, si stabilisce anche il legame tra le tribù mauritane e il trono (alawita)”, ha dichiarato Raissouni in un’intervista del 29 luglio.

“Siamo 35 milioni e il popolo marocchino è pronto al jihad e alla mobilitazione, i suoi ulema per primi, con mezzi finanziari o con il sacrificio di sé, per porre fine alle speranze di chi vuole isolare il Paese dal suo Sahara”.

Inoltre, ha avvertito che, come per la Marcia Verde (l’invasione marocchina della provincia spagnola del Sahara, che ha portato alla cessione del territorio occidentale nel 1975), ci sono “milioni” di persone “pronte a marciare su Tindouf (Algeria)” se il re Mohamed VI glielo chiederà.

Raissouni è un religioso sufi che proviene da una famiglia molto legata al Marocco creato sotto il protettorato spagnolo.

“La dinastia Raissouni ha i suoi tentacoli ed è molto importante che vengano alla luce”, rivela José Antonio González Alcantud, professore di antropologia all’Università di Granada,.

Precisamente, “questa idea del Grande Marocco si diffonde o si è diffusa nelle confraternite sufi.

È un’idea o una lotta piuttosto sotterranea e di lunga data”, avverte l’accademico.

Inoltre, sottolinea “il potere ombra, sponsorizzato dal palazzo reale”, che si estende ai Paesi circostanti.

MELILLA
Foto JMLozano

Il messaggio colonialista di Rassouni si è diffuso a macchia d’olio e le reazioni di Algeria e Mauritania non si sono fatte attendere.

L’Associazione algerina degli Ulema musulmani ha congelato le sue attività all’IUMS e ha emesso un comunicato per chiarire che questi commenti erano solo l’opinione personale della sua delegazione marocchina e non riflettevano il pensiero della delegazione algerina, prendendo così le distanze dalla cattiva immagine internazionale.

Dopo aver sollevato un vespaio in Algeria, Mauritania e Sahara occidentale, Rassouni si è dimesso.

Era il 28 agosto e gli ci volle un mese per prendere la decisione.

Nonostante tutto, egli rimane fedele al suo discorso.

È stato costretto a dimettersi perché “sia i mauritani che gli algerini hanno mobilitato siriani, libanesi e iraniani. Deve essersi trovato in minoranza”, spiega Mohamed Zian, avvocato ed ex ministro marocchino all’epoca del re Hassan II, in un’intervista a EL ESPAÑOL.

La verità è che lo stesso Zian si è dimesso dalla carica di Ministro dei Diritti Umani nel Paese vicino nel 1996 perché accusato di aver oltrepassato la linea rossa criticando pubblicamente una campagna ufficiale contro il contrabbando che seguiva le indicazioni che il re Hassan II aveva dato al governo.

In riferimento alla gestione del Sahara Occidentale, Zian ritiene che “il Marocco deve convincere della marocchinità del Sahara nell’arena internazionale, anche se il riconoscimento di Israele potrebbe avere un costo e c’è persino il rischio che gli Stati arabi ci abbandonino”.

Zian ammette anche che il Marocco “dà l’immagine di un Paese espansionista”, cosa che “nel XXI secolo non ha senso”.

Da parte sua, l’antropologo José Antonio González Alcantud sottolinea che in Marocco c’è “un malessere di fondo” che si aggraverà “se continua questa malattia culturale di inimicarsi tutti i vicini”.

Sostiene che “il Paese sta vivendo un’isteria e una fuga in avanti che non porta ad altro che ad esacerbare i conflitti, come quello in Algeria, e a creare nuovi scontri”, come quelli in Spagna e Tunisia.

Aggiunge che “la politica neocolonialista dei Makhzen (oligarchia o governo ombra), sostenuta dalla dinastia alawita, porta a una politica di fanatismo”.

Il leader religioso ultraconservatore ha rivendicato l’eredità di Allal Al-Fassi, fondatore del partito Istiqlal (Indipendenza) in Marocco, nonché il ritorno ai confini pre-colonizzazione.

È stato proprio Al-Fassi a riportare le rivendicazioni sui confini storici del Marocco, quelli dell’impero berbero degli Almoravidi (1040-1147) al tempo dell’emiro Yusuf ibn Yashufin, che comprendono il Marocco, il Sahara occidentale, la Mauritania, il Mali nord-occidentale, l’Algeria occidentale e parte della Spagna.

E con essa, i giacimenti di fosfati del Sahara occidentale e le miniere di minerali di ferro di Algeria e Mauritania.

Per quanto riguarda la Spagna, i confini desiderati dal Marocco comprendevano Ceuta, Melilla e le Montagne Rocciose a nord; e nell’Africa occidentale spagnola, Sidi Ifni, Tarfaya e il Sahara occidentale.

All’epoca, ci furono proteste solo da Mauritania e Algeria, ma nessuna lamentela dalla Spagna.

A metà del secolo scorso ci sono state molte dispute tra i due Paesi, quando la Mauritania ha chiesto alle Nazioni Unite di essere riconosciuta come Stato.

Allo stesso modo, il Marocco ha iniziato la sua battaglia con i Paesi vicini per riconquistare l’unità territoriale.

Nel 1963 ha mosso guerra all’Algeria, nel 1975 si è unito al Sahara occidentale con la Marcia Verde, nel 2002 ha invaso l’isolotto spagnolo di Perejil e recentemente, nel 2021, ha fatto entrare 13.000 cittadini a Ceuta, cosa che a volte è stata vista come una sorta di nuova Marcia Verde.

In Marocco “c’è una confusione di ruoli, non c’è separazione tra fede e Stato”, suggerisce González Alcantud.

Questo è più pericoloso del jihadismo, perché il fanatismo nazionalista genera questo tipo di assurdità.

Dove tutti i marocchini sembrano avere un fronte comune è sull’adesione del Sahara occidentale.

La priorità e l’unità rispetto alla proprietà marocchina del territorio saharawi è una costante della politica marocchina, ma anche un sentimento pubblico.

Questa affermazione è portata avanti dallo stesso re Mohammed VI, che nel 2009 ha assicurato pubblicamente che non rinuncerà “nemmeno a un granello di sabbia”.

In occasione del 34° anniversario della Marcia Verde, ha chiesto la difesa dell’integrità territoriale dello Stato.

“Non è una novità.

Fin dall’inizio della dinastia alauita, sono state rivendicate le isole Canarie, Ceuta e Melilla, e questo territorio si sarebbe spinto fino al Sahel”, spiega il professore di diritto di Ceuta Antonio Carmona in un’intervista.

Da quando Mohamed VI è salito al trono nel 1999, ha messo sul tavolo la regionalizzazione del Marocco, sullo stile della Francia o della Spagna.

Tuttavia, “non è stato fatto nulla.

Non ci sono riusciti con il resto del Paese, come il Rif.

Per questo non ha credibilità con il Sahara (come province meridionali)”, riassume Alcantud.

Per quanto riguarda la rivendicazione delle due città autonome spagnole e delle rocce in Nord Africa, “il Marocco rivendica la sovranità marocchina su un territorio che è internazionalmente riconosciuto come spagnolo.

La posizione del Marocco è indebolita dalla situazione sociale e dalla situazione del popolo marocchino.

Se si chiede alle tribù vicine a Ceuta e Melilla se vogliono essere spagnole, rispondono di sì.

Il Marocco di oggi non ha una cultura che ricordi i legami dei musulmani di Ceuta e Melilla”, afferma Mohamed Zian.

Il ricercatore critica anche il cambio di politica di Pedro Sánchez in relazione al Sahara occidentale, che da marzo ha assunto una posizione favorevole al piano di autonomia marocchino.

Il punto debole della Spagna di fronte alle richieste del Marocco è che “non ha una politica chiara, aperta e aggressiva sulla parte settentrionale del Marocco, quando non ci hanno lasciato altra scelta”, sottolinea Alcantud.

“Di fronte all’occupazione territoriale del Majzén, il problema della Spagna è che non ha mai sviluppato una politica energica nel nord e nel sud del Marocco, né nel XIX né nel XX secolo”, afferma Alcantud.

E ricorda che “Ceuta e Melilla sono diventate una linea difensiva senza la quale la penisola sarebbe esposta a qualsiasi situazione”.

Il diplomatico Alfonso de la Serna sostenne che a sud di Tarifa esisteva un “malinteso storico” tra Spagna e Marocco.

“La nostra relazione storica è stata, allo stesso tempo, intima e conflittuale; e la vicinanza fisica è esistita insieme alla difficoltà di comprensione.

Oggi gli studiosi di questo contesto, come Alcantud, sostengono che si tratta piuttosto di un braccio di ferro su “interessi diversi”.

Franco Leonardi