La CEOE avverte il governo che la sua politica “tax free” “zavorrerà” le Isole Canarie

La CEOE avverte il governo che la sua politica “tax free” “zavorrerà” le Isole Canarie come destinazione turistica

Una trentina di accuse sono state presentate al progetto di decreto del governo delle Canarie, che mira ad attuare un sistema “tax free” sulle isole, consentendo il rimborso dell’IGIC ai viaggiatori di Paesi terzi che effettuano acquisti sulle isole.

Tra le altre organizzazioni, la Camera di Commercio di Santa Cruz de Tenerife e la CEOE hanno proposto modifiche al sistema proposto.

Entrambi ritengono che il modello proposto dal Ministero delle Finanze, secondo il quale l’Agenzia delle Entrate delle Canarie si occupa esclusivamente del processo “tax free”, lasciando ai margini i grandi operatori del settore, sia inadeguato e destinato a fallire.

La CEOE di Tenerife ha presentato 20 accuse specifiche, chiare e concise.

Le loro argomentazioni lasciano poco spazio a dubbi sull’idoneità del sistema proposto.

Svantaggi del modello canario rispetto al modello degli operatori

L’associazione dei datori di lavoro valuta positivamente il tentativo del governo di passare a un nuovo sistema digitale “tax free”, ma auspica un sistema “efficiente, moderno, approvato a livello internazionale e che faccia parte degli standard del settore turistico”, simile a quello utilizzato in altre destinazioni internazionali (tutta l’Unione Europea, Svizzera, Giappone, Stati Uniti, Bahamas, Emirati…) e che veda la partecipazione dei principali operatori.


Si è adottato un modello usato da destinazioni turistiche più piccole come la Colombia e la Thailandia dove ha avuto risultati “scoraggianti” a causa della sua “inefficienza”.

“L’allontanamento dagli standard accettati a livello internazionale limiterà la competitività delle Isole Canarie”, ha dichiarato.

Secondo le affermazioni della CEOE, l’impegno dell’Agenzia delle Entrate delle Canarie in questo sistema non ha senso da nessun punto di vista.

Il viaggiatore avrà lo stesso delle commissioni con il sistema canario.

Dal lato del viaggiatore, è vero che i grandi operatori applicano una commissione per la restituzione del denaro al volo (tra il 25% e il 27%) ma la CEOE avverte che, se l’Agenzia delle Entrate si fa carico del processo, il turista subirà una riduzione dell’importo da ricevere “a causa delle commissioni bancarie” che la sua banca applicherà ai bonifici.

Inoltre, queste commissioni “saranno sconosciute” al viaggiatore al momento della richiesta di rimborso, mentre attraverso gli operatori le commissioni sono regolate dal governo delle Canarie e variano tra il 25% e il 27%.

“In nessun caso ci troveremo in uno scenario in cui il viaggiatore riceverà per intero gli importi a cui potrebbe avere diritto”, si sottolinea.

L’associazione dei datori di lavoro sottolinea le difficoltà di fattibilità del sistema di conto corrente proposto dalle Isole Canarie e porta come esempio gli acquisti effettuati nelle Isole Canarie dai viaggiatori provenienti dalla Mauritania (nella capitale di Gran Canaria rappresentano un gran volume di spesa).

Il loro sistema bancario non fa parte del sistema internazionale SEPA, il che significa che il processo di restituzione dell’IGIC non solo sarà “complesso e lento”, ma anche “molto costoso”.

Nel caso di altre nazionalità, c’è “riluttanza” a dare il numero di banca e molti non lo conoscono e non lo portano con sé.

“Il ritorno del contante è molto importante per alcune nazionalità”.

Un altro svantaggio del sistema proposto dalle autorità fiscali delle Canarie rispetto a quello dei grandi operatori riguarda le imprese.

Il sistema “tax free” dell’Agenzia delle Canarie prevede la compilazione di moduli web da parte del personale del negozio, il che, ancor prima di essere iniziato, lo rende probabilmente fallimentare.

“Sarà inefficiente, lento e disincentiverà sia i viaggiatori che i commercianti”, si legge nelle critiche.

Nel sistema che si appoggia ai grandi operatori “tax free”, questi forniscono agli esercizi la tecnologia che permette di integrare i loro registratori di cassa e le dogane, rendendo il processo “automatizzato, veloce, sicuro e privo di errori”.

Inoltre, come avverte il CEOE, questi operatori aggiornano costantemente i loro metodi di pagamento e si adattano a nuove modalità come portafogli, carte virtuali e rimborsi istantanei, tra gli altri.

Un altro vantaggio offerto da questi operatori è che formano il personale del negozio su come utilizzare il tax free per vendere di più al viaggiatore e, allo stesso tempo, stanziano risorse per informare i viaggiatori del vantaggio di acquistare in tax free.

“È un sistema vantaggioso per tutti”, afferma l’associazione dei datori di lavoro.

Il CEOE sottolinea inoltre che questi operatori forniscono alle amministrazioni delle destinazioni in cui operano, come nel caso di Turespaña in Spagna, dati e informazioni sul comportamento dei viaggiatori, con un elevato grado di segmentazione.

“Riteniamo estremamente importante non rinunciare a questa preziosa fonte di informazioni”, sottolinea l’associazione dei datori di lavoro.

La CEOE chiede al governo di aprire il “tax free” ai grandi operatori e di attivare un sistema misto, che permetta al viaggiatore e al commerciante di decidere chi è responsabile dell’elaborazione del rimborso, se loro o l’Agenzia delle Entrate delle Canarie.

Franco Leonardi