Il Presidente delle Isole Canarie chiede una risposta europea alla crisi migratoria

Il presidente delle Isole Canarie, Ángel Víctor Torres, ha chiesto una risposta europea al fenomeno migratorio, perché i territori di confine “non possono” “né è giusto” che debbano rispondere da soli.

Torres ha fatto questa richiesta durante un’intervista su TVE, ripresa da Europa Press, in cui gli è stato chiesto del fenomeno migratorio dopo il salvataggio nelle ultime ore (NdR 16 agosto) di più di 300 persone a bordo di sette piccole imbarcazioni in acque vicine alle Isole Canarie e dove sette adulti e un bambino hanno dovuto essere evacuati da un elicottero del Soccorso Marittimo.

A questo proposito, il Presidente delle Canarie, oltre ad augurarsi che “nessuno muoia”, ha sottolineato che di fronte alla “rotta migratoria più pericolosa, l’Atlantico”, e dove le persone si imbarcano per lasciare l’Africa, l’arcipelago ha intenzione di “rispondere dal punto di vista umanitario come sta facendo, come ha fatto in tutti questi anni”.

Tuttavia, ha sottolineato che “è necessaria anche di una risposta europea, ed è verso questo che ci stiamo muovendo”, ricordando che la Spagna deterrà la presidenza dell’Unione Europea (UE) negli ultimi sei mesi del prossimo anno.

Torres ha sottolineato che le Isole Canarie hanno richiesto una “risposta di solidarietà” da parte del resto delle regioni autonome spagnole e dell’UE, perché il fenomeno migratorio “è stato presente negli ultimi decenni e lo sarà anche nei prossimi”, e ha quindi sostenuto che i territori confinanti devono “rispondere ad esso, ma non possono” farlo “da soli, né è giusto” che siano “da soli” a dover rispondere.

A questo proposito, ha sottolineato che se con l’Ucraina c’è stata solidarietà da parte di tutti gli Stati e le comunità autonome, lo stesso dovrebbe accadere con l’Africa.

“È stato fatto con l’Ucraina e dovrebbe essere fatto anche con l’Africa”.

Per quanto riguarda il turismo, invece, Torres ha descritto questo mese estivo nell’arcipelago come un “buon agosto”, con cifre di visitatori “molto simili al periodo” precedente alla pandemia, poiché ci sono stati “molti arrivi” dal turismo continentale, nordico, europeo e canario che si sono spostati tra le isole.


“È stato un buon agosto, con l’incertezza dei mesi autunnali.

Speriamo che le previsioni, che non sono negative, vengano mantenute per quei mesi”, ha aggiunto.

Per questo motivo, ha ritenuto che le Isole Canarie abbiano “la possibilità di raggiungere una cifra molto simile”, tra l’80 e l’85% di quello che erano prima della pandemia.

Riguardo all’incontro avuto all’inizio della settimana con il presidente del governo centrale, Pedro Sánchez, il capo del governo delle Canarie ha detto che hanno parlato dell’attuale “incertezza”, sottolineando che “più dura l’invasione dell’Ucraina, più cronica” diventerà la situazione economica.

Infine, alla domanda se l’isola di La Palma sia riuscita a riprendersi un po’ dopo l’eruzione del vulcano “Cumbre Vieja”, ha sottolineato che negli ultimi mesi l’isola ha avuto una presenza turistica “importante”, anche se dal punto di vista sentimentale e di coloro che si sono “persi, è impossibile”.

“La vita è cambiata sull’isola di La Palma, ma devo anche dire che le amministrazioni sono state all’altezza del compito, la società civile è stata all’altezza del compito e penso che sia stato un esempio di solidarietà che era sconosciuto”, ha aggiunto.

Marta Simile