More

    La mafia balcanica e albanese usa le isole Canarie per il traffico di coca

    La mafia balcanica e albanese usa le isole Canarie per il traffico di coca verso l’Europa. I profitti sono succulenti. Comprano un chilo in America Latina per 3.000 euro e poi lo vendono nel Vecchio Continente per più di 25.000 euro.

    L’impronta del crimine organizzato sulle isole si è fatta sentire ancora una volta quando la cellula di un noto gruppo criminale montenegrino, smantellata alle Canarie all’inizio di agosto 2021, ha dimostrato che i trafficanti dei Balcani e dell’Albania usano i loro collegamenti latinoamericani per prendere piede nei mercati europei.

    Il campanello d’allarme è scattato quando la Guardia Civil ha arrestato quattro membri del clan Skaljari con più di 400 chili di cocaina e 400.000 euro in contanti, oltre a numerosi dispositivi mobili criptati e auto di lusso.

    Il gruppo importava grandi carichi di droga che venivano immagazzinati in dispense situate in case di lusso in affitto, principalmente ad Adeje (Tenerife).

    Li hanno poi distribuiti a gruppi criminali locali per assicurare una distribuzione su scala minore o semplicemente per la vendita al dettaglio sulle strade, secondo la dichiarazione della Benemérita.

    Anche se il Ministero dell’Interno spagnolo ha scelto di non rivelare l’origine della droga (per non rischiare ulteriori operazioni), le consegne sono state facilitate da cittadini balcanici in Sud America, secondo il sito web Insight Crime.


    Colombia e Albania

    Nel luglio 2021, la procura generale colombiana ha accusato il cittadino albanese Agim Cerma di essere a capo di una rete di traffico di cocaina in Europa.

    Per ottenere la droga, Cerma avrebbe mantenuto legami con il gruppo di narcotrafficanti Los Urabeños e cellule dissidenti delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), secondo i procuratori colombiani.

    Insight Crime, considerata una delle piattaforme più affidabili al mondo per l’analisi del crimine organizzato, ha recentemente riferito che negli ultimi anni, c’è stato un flusso di emissari criminali dal Montenegro, Bosnia, Serbia e Albania verso il Sud America per organizzare spedizioni di cocaina per rifornire le loro organizzazioni con sede in Europa.

    Le trattative commerciali sono organizzate attraverso contatti diretti con i produttori e i trafficanti locali per assicurarsi il miglior prezzo per gli acquisti all’ingrosso.

    Nel febbraio 2021, InSight Crime, in collaborazione con la Global Initiative Against Transnational Organized Crime, ha decifrato le svolte del canale di approvvigionamento di cocaina verso l’Europa, il che ha permesso di scoprire che questi collegamenti hanno permesso ai gruppi di narcotrafficanti balcanici di posizionarsi come uno dei principali beneficiari del boom della produzione di cocaina in America Latina.

    “Negli ultimi due decenni, hanno fatto il lavoro di gambe in America Latina per stabilire contatti e costruirsi una reputazione con i cartelli della droga, e hanno sviluppato un curriculum su entrambi i lati dell’Atlantico per trattare grandi carichi di cocaina”, ha detto a InSight Crime Sasa Djordjevic, coordinatore di Serbia e Montenegro della Global Initiative.

    Alcuni criminali albanesi hanno avuto successo, come il cartello Kompania Bello, smantellato nel settembre 2020, il cui leader operava da una cella della prigione ecuadoriana. I gruppi albanesi ora dominano il traffico di cocaina in diversi paesi europei, soprattutto nel Regno Unito.

    La Spagna è diventata anche “un hub strategico per alcuni gruppi criminali nei Balcani occidentali, soprattutto perché è un’importante porta per le consegne di cocaina in Europa”, ha detto Djordjevic, come riportato da Insight Crime.

    Bande pericolose

    La Guardia Civil ha riferito nel suo comunicato stampa che i trafficanti montenegrini sono noti per la loro violenza.

    Nelle isole Canarie, i membri del gruppo passarono completamente inosservati e da case in affitto a Tenerife, procedettero a distribuire le sostanze stupefacenti alle organizzazioni locali.

    A novembre, gli investigatori hanno rilevato come i membri dell’organizzazione hanno consegnato in giorni diversi 250.000 e 155.000 euro in contanti a terzi, con l’obiettivo di portare il denaro fuori dalle Isole Canarie e introdurlo nel mercato legale.

    Dopo un’ardua indagine, è stato possibile individuare un presunto trasporto di sostanze stupefacenti in partenza dal sud di Tenerife.

    Nelle perquisizioni effettuate a Gran Canaria e Tenerife, sono stati trovati altri 338 chilogrammi di cocaina e 413.000 euro.

    Il risultato finale ottenuto dopo gli arresti e le perquisizioni domiciliari ha portato al sequestro di 408 chilogrammi di cocaina, il sequestro di quasi mezzo milione di euro in contanti, un veicolo, uno yacht, 12 telefoni criptati, dispositivi elettronici di sicurezza, macchine per il conteggio delle banconote e confezionatrici sottovuoto, oltre a vari strumenti e documentazione relativi alle attività criminali.

    L’operazione è stata condotta congiuntamente da quattro gruppi delle Canarie specializzati nella lotta contro la delinquenza e il crimine organizzato, l’Edoa del Comando di Tenerife e ECO de Canarias per conto della Guardia Civil; l’Udyco della Stazione di Polizia Provinciale di Las Palmas e l’Udyco della Stazione di Polizia Provinciale di Tenerife per conto della Polizia Nazionale.

    Allo stesso modo, la squadra investigativa è stata sostenuta dall’Udyco Centrale della Polizia Nazionale e dall’Unità Tecnica della Polizia Giudiziaria della Guardia Civil, da esperti nell’analisi del crimine nei Balcani, dall’agenzia Europol, dall’Addetto agli Interni dell’Ambasciata spagnola a Belgrado (Serbia), dalle autorità di polizia albanesi e dalle autorità di polizia del Montenegro.

    In meno di un anno, la Guardia Civil, la Polizia Nazionale e la Sorveglianza Doganale hanno realizzato diverse operazioni di controllo, sorveglianza e detenzione del traffico di droga nelle acque vicine alle isole Canarie, come nell’agosto 2020 (1.200 chili di cocaina) e luglio 2021 (1.000 chili di coca).

     

    Articoli correlati