Secondo l’OCU la dicitura “IGIC no incluido” nei menù non è legale

A volte, dopo aver goduto di un buon pasto o di una serata fuori, si rimane con l’amaro in bocca quando arriva il conto, perché il bar o il ristorante includono supplementi che non ci si aspettava.

Per questo motivo, la più grande organizzazione per la tutela dei consumatori in Spagna, l’OCU, ha emesso delle linee guida su ciò che si può addebitare e ciò che non si può.

Ci sono state altre situazioni che hanno creato polemiche, soprattutto sui social media, come i due euro che sono stati addebitati per ogni fetta di formaggio in più in un bar di La Gomera, o i sei euro per l’utilizzo di una coperta in un ristorante di Tenerife, soprattutto perché in tutti i casi i clienti non sono stati avvisati in anticipo.

Quindi, la domanda è: cosa si può o non si può far pagare nei bar e nei ristoranti?

Innanzitutto, l’OCU parla di “prezzi liberi ma annunciati”.

“In una società di libero mercato, i prezzi sono liberi”, spiega l’OCU, “e questo vale anche per l’industria dell’ospitalità, quindi per la stessa bibita si possono pagare 2 euro in un locale o 10 euro in un altro, ed è legale in entrambi i casi, purché il prezzo sia debitamente riportato nel listino prezzi”.

“Questo listino deve essere completo, con le informazioni sui prezzi e sui servizi chiaramente indicate, deve essere visibile all’utente e deve includere i prezzi finali con le tasse incluse”.

L’OCU ha stilato alcune cose che non possono essere addebitate nei bar e nei ristoranti, soprattutto quando quel prezzo è già incluso in altri servizi, o perché non è stato precedentemente avvertito o pubblicato.


1). Addebito separato dell’IGIC (IVA):

L’IGIC nelle Isole Canarie o l’IVA nel continente non devono essere addebitate separatamente. Secondo la legislazione nazionale, non è consentito inserire l’avvertenza “IGIC non inclusa”, anche se la si mette nel menu. Pertanto, i prezzi indicati nel menu devono includere l’IGIC o l’IVA corrispondente.

2). Le posate:

Anche se in alcuni paesi è consuetudine far pagare un extra per le posate, in Spagna non è legale, devono essere incluse nel prezzo.

3). Addebitare un supplemento per una prenotazione:

Nei bar e nei ristoranti non è consentito far pagare un supplemento per una prenotazione, anche se è consentito, soprattutto in presenza di gruppi numerosi o durante i periodi di festa come il Natale, chiedere un importo a titolo di prenotazione, che dovrà poi essere detratto dal conto.

4). Chiedere un supplemento per un tavolo in terrazza:

Dato che molte persone desiderano cenare all’aperto quando sono in vacanza, alcuni locali chiedono un supplemento per un tavolo in terrazza. Tuttavia, sono autorizzati a farlo, ma devono essere informati in anticipo e l’addebito deve essere riportato sul listino prezzi ufficiale timbrato dal Comune.

Nelle linee guida dell’OCU ci sono molte altre voci e situazioni, come l’aperitivo che alcuni locali servono senza che voi l’abbiate richiesto, o il pagamento inaspettato del pane, ma sono consentiti perché sono nel menu e voi li avete accettati… ci sono persino alcuni locali che hanno fatto pagare il ghiaccio!

In definitiva, se vi informano prima dell’addebito e se questo è presente nel menu e nel listino prezzi ufficiale, possono farvelo pagare.

Bina Bianchini