Visione storica sulle donne delle Canarie

Sono decine, centinaia, le donne delle Canarie che sono diventate famose nel mondo o che hanno contribuito all’evoluzione delle isole, in tutti i campi, dall’arte, alla scienza, dal giornalismo, alla politica.

Una consapevolezza maschile non guasterebbe.

Qui ne citiamo solo una decina, ma tante bastano per farsene un’idea.

María Joaquina de Viera y Clavijo
(poetessa 1737-1819).

È considerata la prima poetessa delle Isole Canarie.

Suo fratello influenzò notevolmente la sua educazione e le rese più facile l’ingresso in un ambiente culturale che non era tipico delle donne di quel tempo.

Fu discepola di José Rodríguez de la Oliva, pittore e scultore barocco di La Laguna.

Era preoccupato per gli eventi del suo tempo e scrisse versi per vittoria ottenuta dall’isola di Tenerife contro lo squadrone inglese del contrammiraglio Horacio Nelson, e dedicò anche decimi al principe Manuel Godoy.


Francisca Spinola Bethencourt (pittrice).

Nacque a Teguise (Lanzarote) nel 1806.

Iniziò i suoi studi a Las Palmas de Gran Canaria, presso l’Accademia di disegno.

In seguito si è recata a Barcellona, ​​​​dove ha esposto i lavori e poi a Madrid, dove ha continuato la sua formazione. Francisca ha lavorato per anni nel comune di Haría (Lanzarote), dove ha dedicato il suo lavoro all’abbellimento della chiesa di Nuestra Señora de la Encarnación.

Le sue opere più grandi furono Il Sepolcro del Signore o Cristo sdraiato, quest’ultimo in mostra oggi nel Museo Sacro di Haría, si è distinta anche nelle chiese di Villa de Teguise e Femés.

Nel 1895 Francisca morì a Teguise.

Ignacia de Lara Henriquez (scrittrice e politica 1880-1940).

Il suo contributo alla letteratura la fece entrare nell’arco temporale delle poetesse moderniste.

Nella sua opera si possono distinguere due fasi: la prima fino alla pubblicazione del suo libro Per il perdono e per l’oblio scritto a Madrid; la seconda, dal suo ultimo ritorno a Las Palmas, nel 1931 dove studiò e si diplomò come insegnante nel 1896.

La sua preoccupazione per il diritto delle donne alla cultura e alla libertà l’ha fatta raggiungere la presidenza dell’Asociación Acción Popular de la Mujer come piattaforma per ottenere miglioramenti sociali e una maggiore cultura e autonomia per le donne.

Ha vissuto momenti difficili di frustrazione e sfiducia nella politica, ma ha continuato a lottare attraverso conferenze e articoli giornalistici.

Mercedes Pinto (scrittrice 1883-1976).

Era una scrittrice femminista e una delle donne più famose nella storia dell’Arcipelago.

Nel 1920 si trasferì a Madrid dove ha iniziato a distinguersi nella stampa e all’interno del gruppo femminista guidato da Carmen de Burgos.

Nel 1923 tenne un controverso discorso all’Università Centrale di Madrid intitolato Divorzio come misura igienica, per il quale, Primo de Rivera l’ha bandita dal paese.

Rimase in esilio in Uruguay fino alla sua morte nel 1976.

Lì produsse molte delle sue opere, come Brisas del Teide, El o l’opera teatrale Un Señor Any.

Mercedes Pinto è stata una delle antesignane del femminismo in Spagna, una forte sostenitrice del divorzio e una delle donne di maggior traiettoria e impatto a Tenerife, dove c’è una strada con il suo nome.

Mercedes Machado (avvocato 1896-1970).

Quando era ancora giovane, si recò in Francia.

Sua madre sposò l’uomo che avviò la sua carriera accademica fino a diventare una delle persone più illustri.

È considerata una delle persone più importanti nella storia delle Canarie e anche la pioniera della professione legale nell’Arcipelago.

Quando ha lasciato la Francia, è tornata a Tenerife, dove ha completato la sua carriera d’insegnante.

Si laurea anche in Filosofia e Lettere e poi prese una terza laurea in Giurisprudenza e diventa avvocato.

Sapeva sei lingue, tuttavia, nonostante la sua notevole conoscenza e capacità, le è stato negato l’accesso all’Illustrious Bar Association in quanto donna.

La sua grande carriera intellettuale e pedagogica gli valse la medaglia di Alfonso X El Sabio.

Isabel Macario Brito (cantante 1901-1983).

Nata a Gran Canaria è stata un soprano eccezionale.

Ha esordito nella musica da piccola, nei concerti della Scuola del Cuore Immacolato di Maria, nel capoluogo dell’isola.

Durante quel periodo ha affinato il suo talento e poco dopo la sua grande occasione è arrivata in un concerto del Círculo Tradicionalista de Las Palmas, dove ha eseguito magistralmente il Ritoma Vincitor dell’Aida.

Andò anche in Italia, dove fu allieva del maestro Gallignani.

Dopo aver trionfato all’estero, e dopo una pausa a Gran Canaria, rinunciò alla carriera di cantante, pur continuando ad esibirsi nell’Arcipelago.

La sua ultima esibizione fu il 4 novembre 1947.

Paquita Mesa (attrice 1913-1997).

“Pacota”, come la chiamavano i suoi amici, è stata un’attrice trasgressiva che ha contribuito in modo significativo a dare impulso all’attività culturale del teatro Pérez Galdós negli anni 30.

Muore nel 1999, proprio mentre si preparava a essere nominata Figlia preferita della città di Las Palmas de Gran Canaria.

Fu grazie a lei che in quel periodo furono presentati i primi spettacoli musicali nelle Isole Canarie.

Nel 1939 presenta El Tipitín, su libretto di Luis Benítez Inglott, e La Umbría, di Alonso Quesada.

Maria Teresa Prats di Laplace (attrice teatrale 1913-2004).

A Gran Canaria sviluppò tutta la sua attività letteraria e si è specializzata in teatro e saggistica; la sua bibliografia è una delle più preziose delle Isole.

Ha anche collaborato periodicamente con La Vanguardia e El Diario de Las Palmas.

Tuttavia, uno dei suoi maggiori contributi è stata la creazione della rivista Mujeres en la Isla, pubblicata in modo indipendente, fino al 1964.

Ciò ha significato un grande progresso per il ruolo femminile nel giornalismo delle Isole Canarie.

Le donne in questo settore hanno avuto voce per pubblicare critiche artistiche, cronache culturali e diversi studi scientifici e sociologici.

Maria Merida (cantante 1925-2022).

Considerata una delle quattro migliori voci al mondo negli anni ’50 dal New York Times e anche come Edith Piaf delle Canarie per Le Figaro.

Il suo talento fu presto riconosciuto, con un premio a soli 12 anni in un concorso di spettacoli del 1937.

Alcuni anni dopo, durante il suo soggiorno nella capitale di Tenerife, prese lezioni di ballo regionali e la sua voce era la preferita nella Messa corale.

All’età di 21 anni, si recò a Madrid, dove per sette anni cantò per gli emigranti spagnoli in America Latina in un programma su Radio Nacional de España, allo stesso tempo, ha studiato canto con Lola Rodríguez de Aragón, insegnante al Conservatorio di Madrid, ma alla fine ha deciso di abbandonare la sua carriera di cantante lirica per dedicare la sua vita al libro dei canti della sua terra natale.

Dolores Massieu (pittrice 1921-2007).

Meglio conosciuta come Lola Massieu, la pittrice e artista di Gran Canaria ha ricevuto il Premio Canarias per le Belle Arti e l’Interpretazione.

Durante gli anni ’50, è stata ispirata dall’arte d’avanguardia e dai movimenti astratti e il suo lavoro si è evoluto e ha raggiunto nuove vette.

Le sue opere a olio furono esposte per la prima volta al Museo Canario nel 1958, poi anche al Rayuela (Madrid) e al Museo de Arte Contemporáneo (Barcellona).

Per la sua originalità, è considerata una pioniera e ribelle all’interno della scena.

Josefina de la Torre (scrittorice 1907-2002).

È stata un’artista legata a diversi rami dell’arte: attrice, scrittrice e cantante e il suo lavoro è stato inquadrato nella corrente d’avanguardia della prima metà del XX secolo.

Fu proprio la passione per le arti che indussero Josefina a iniziare sin da quando era piccola.

All’età di 8 anni iniziò a scrivere versi e a 13 già pubblicava su riviste.

In seguito, a Madrid, debuttò come attrice al Teatro Nazionale María Guerrero nel 1940.

Da questo momento in poi, il suo lavoro si orientò maggiormente verso la recitazione.

Nel 1946 fondò la sua compagnia teatrale, la Josefina de la Torre Comedy Company.

Nonostante la sua breve incursione nel cinema, è stato il teatro a coprirla di fama.

Alla fine degli anni Ottanta venne pubblicata la sua raccolta di opere poetiche, con il titolo di Poemas de la Isla.

Nel 2002, lo stesso anno in cui muore, le viene conferita la Cruz de la Orden Islas Canarias.

Andrea Maino

Liberamente tratto da www.laprovincia.es