More

    Il tasso medio di occupazione degli hotel a Tenerife sarà del 76% tra luglio e agosto

    Ashotel ha svolto il sondaggio tra il 3 e l’11 giugno nelle 254 strutture ricettive associate all’associazione nelle quattro isole, che rappresentano circa 97.000 posti letto (63% del totale della provincia), con un tasso di risposta del 70%.

    Le aziende del settore alberghiero ed extralberghiero della provincia di Santa Cruz de Tenerife associate ad Ashotel prevedono di raggiungere quest’estate (tra luglio e agosto) un tasso di occupazione medio del 76%, un dato inferiore di soli due punti rispetto alle previsioni per l’estate 2019.

    El Hierro continua a essere in testa alle previsioni di occupazione media quest’estate, con il 78%, seguito da Tenerife (76,4%), La Gomera (69%) e La Palma (68,6%).

    L’Isla Bonita recupera posizioni rispetto agli indicatori di occupazione dei mesi precedenti, che la collocavano al di sotto del 50%, e supera leggermente il dato del 2019 (68%).

    Per quanto riguarda le zone di Tenerife, il sud ha il tasso di occupazione più alto in luglio e agosto, con l’80,3%, mentre il nord dovrebbe raggiungere il 64,3% della sua capacità ricettiva durante la stagione estiva e nell’area metropolitana è stimato al 46,3%.

    Mentre a luglio gli esercizi associati stimano un tasso di occupazione medio del 76,3% in tutta la provincia, ad agosto si attesta al 75,6%.

    Tuttavia, agosto è per eccellenza il mese delle vacanze per molte famiglie e questa percentuale aumenterà a causa delle prenotazioni last-minute.

    L’indagine stima inoltre che per luglio il 45% degli stabilimenti dichiara che le previsioni per quel mese saranno inferiori a quelle del 2019, mentre il 29,2% ritiene che saranno superiori e il 25,7% crede che manterrà le occupazioni pari all’anno pre-pandemia.


    Il presidente e il direttore di Ashotel, Jorge Marichal e Juan Pablo González, hanno commentato che la tendenza è molto positiva per questa estate, “c’è fame di turismo nelle nostre destinazioni concorrenti”, ha detto Marichal, che, tuttavia, ha indicato che la notizia negativa è rappresentata dagli alti costi di gestione degli stabilimenti, che sono aumentati di circa il 30%, soprattutto a causa dell’alto prezzo dell’energia.

    D’altra parte, Juan Pablo González ha anche indicato che, tra i mercati tradizionali delle Isole Canarie, quello tedesco è il più ritirato, “il che si riflette nelle previsioni di occupazione della zona nord di Tenerife, con una maggioranza di tedeschi”.

    “Ciò è dovuto al fatto che questo mercato è più conservatore, più previdente e che l’inflazione è salita al 6%, una circostanza che non ci avvantaggia”, ha aggiunto Marichal.

    Daniele Dal Maso

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati