Il futuro della Mesa Mota come parco periurbano

La Mesa Mota è uno spazio naturale in cui oggi coesistono varie attività con i valori naturali di questa zona, e che ha ancora molto potenziale per essere sviluppato come parco periurbano nell’area metropolitana.

Per questo motivo, il Cabildo, attraverso l’area di gestione e sicurezza dell’ambiente naturale, ha incaricato l’azienda pubblica Gesplan di elaborare un master plan per “vedere come possiamo unire la conservazione del territorio e dei valori naturali con l’uso pubblico che vi si svolge oggi”.

“Il Cabildo ha visto la necessità di un documento per analizzare le possibilità di organizzare e riunire tutte le attività che normalmente si svolgono lì, in modo che si possano svolgere in modo sicuro e ordinato.

Soprattutto, che non mettano a rischio i valori naturali e di conservazione della Mesa Mota, perché stiamo cercando di lavorare in un corridoio ecologico che è completamente frammentato, e che vogliamo estendere per collegare Las Lagunetas con Anaga”, spiega il consigliere Isabel García.

Il Cabildo ha già un piano generale che è “molto completo” e rappresenta “una buona analisi di tutte le possibilità” che possono essere sviluppate in questa zona.

“È la prima analisi della Mesa Mota, è molto ricca e completa ed è stata preventivata, ma è ancora un documento su cui lavorare adesso da parte delle diverse aree e per vedere se può essere elaborato come progetto di interesse dell’isola.

Mesa Mota lo merita, è un luogo privilegiato e c’è un corridoio ecologico molto importante.

Isabel García aggiunge che sarebbe necessario che il Cabildo elaborasse questa figura giuridica “che viene utilizzata per progetti che si verificano in diversi comuni e che hanno un dichiarato interesse generale e pubblico.


E questo supera anche le limitazioni che i diversi comuni, in questo caso La Laguna, Tegueste e lo stesso Cabildo, hanno nella loro pianificazione”.

Mesa Mota ha una superficie totale di 46 ettari, di cui il 78% è terreno pubblico e il restante 22% privato.

Di questi 46 ettari, 28 appartengono al Cabildo.

E questo piano stabilisce fondamentalmente le azioni sul suolo pubblico, specialmente quello del Cabildo, e tocca anche un po’ di proprietà privata.

Per quanto riguarda gli usi analizzati da Gesplan, sono stati stabiliti usi più intensivi, che concentrano un numero maggiore di persone e richiedono anche una struttura di più ampia scala, come un’area ricreativa.

Questo piano lo include come una possibile necessità, ma ricordiamoci che questo piano è una bozza e non è ancora stato approvato.

In questo momento c’è un’area ricreativa nel territorio di La Laguna, di cui si occupa il Comune, e il piano stabilisce il miglioramento di quell’area e propone una possibile seconda area ricreativa più grande sul terreno del Cabildo.

Se dovesse essere fatto, dovrebbe essere fatto nella zona dove ci sono già strade e parcheggi nelle vicinanze.

Inoltre, il piano contempla la possibilità di altri spazi legati alla “ricreazione dei bambini, campi da gioco, attività socio-culturali, spettacoli, che avrebbero anche a che vedere con l’edificio che c’è già e che dovrebbe essere riabilitato, ovviamente.

Il piano include anche il miglioramento dell’accesso alla zona e un parcheggio in aggiunta ai due che già esistono.

Il documento affronta anche una seconda domanda “anch’essa importante, che è meno intensiva, più sostenibile, e ha più a che fare con le attività sportive”.

Allo stesso modo, “sarebbe compatibile, in altre zone, anch’esse incluse nel piano, con la corsa, l’atletica, la mountain bike, le passeggiate equestri, il calisthenics, i parchi bio-sanitari… tutti adattati a persone con mobilità ridotta”, così come “con attività di contemplazione della natura.

Ci potrebbero essere posti per pareti di arrampicata, ricreazione e parchi per cani, che è un’altra richiesta”.

“Il piano include tutte queste attività e stabilisce quali luoghi sarebbero ideali per svolgerle in modo sicuro e senza scontrarsi con altre attività”, dice Isabel García.

D’altra parte, il documento contempla anche “dedicare un’area agli orti urbani, un luogo dove la gente possa avere il proprio piccolo appezzamento di terreno, recuperando un po’ di agricoltura, e che sia anche un luogo di sperimentazione dal punto di vista dell’agricoltura ecologica e del chilometro zero”.

Da un punto di vista ecologico, il piano include anche attività compatibili con la conservazione dei valori naturali, lavori di rimboschimento, l’eliminazione di piante esotiche, la pulizia dei sentieri, stabilendo quali sentieri devono essere utilizzati e quali aree devono essere libere da persone, per essere conservate, che hanno a che fare con questo corridoio e possono essere utilizzate per scopi scientifici, di ricerca ed educativi.

Tutte le misure e le proposte incluse nel piano hanno un budget di circa 7,2 milioni, “compresa la riabilitazione dell’edificio, che è poco più di due milioni, e il piano dovrebbe essere attuato nel breve-medio termine, che è ciò che è stabilito nel documento, perché sarebbe eseguibile, non sono opere a lungo termine”.

Nel frattempo, da La Laguna, il suo assessore all’ambiente, José Luis Hernández, è “molto soddisfatto” di questo piano regolatore.

“Abbiamo fatto una prima lettura e pensiamo che sia fantastico, siamo in totale accordo con ciò che include, perché fondamentalmente soddisfa le aspirazioni dei gruppi legati alla Mesa Mota, ai quali abbiamo inviato il documento durante la fase di esposizione pubblica e fatto diversi contributi, e tutto ciò che è stato sollevato è incluso”, spiega.

Per quanto riguarda l’edificio situato nella zona, “l’idea che è sul tavolo per essere un parador non mi sembra una cattiva opzione perché garantisce la sua sostenibilità e per l’infrastruttura stessa di un parador, che ha sale e saloni, si potrebbe raggiungere un qualche tipo di accordo in modo che possa essere utilizzato per attività ambientali, come i congressi”, dice José Luis Hernández.

Bina Bianchini