More

    L’unico porto turistico e di pesca del nord di Tenerife è ancora incompleto

    L’infrastruttura è vecchia di un decennio e attende ancora un accesso adeguato, la pulizia della bocca del porto e la costruzione dell’area commerciale.

    Il 12 maggio 2012 è stata una mattinata storica per il comune di Garachico, che ha recuperato il suo porto tre secoli dopo che il vulcano Trevejo gli aveva tolto lo status di principale infrastruttura portuale di Tenerife.

    In quell’anno il comune ha riscritto una nuova pagina della sua storia marittima, non senza difficoltà, con le speranze riposte in un lavoro che ha richiesto 34 mesi perché ha dovuto superare i contrattempi causati dalle tempeste.

    Un’infrastruttura che è costata 40 milioni di euro e che, come ha detto l’allora Presidente del Governo, Paulino Rivero, “è la base per generare attività economiche che rispondano alla necessità della regione di creare occupazione”.

    A distanza di un decennio, questo obiettivo non è stato ancora pienamente raggiunto perché il porto, l’unico nel nord dell’isola, è ancora incompleto.

    L’area commerciale, i ristoranti e i servizi, il porto turistico a secco, la pulizia dell’imboccatura del porto e l’accesso al porto sono ancora un’opera incompiuta.


    Per quanto riguarda l’occupazione, l’infrastruttura è al massimo della sua capacità con 194 ormeggi per barche sportive e a vela, secondo Puertos Canarios, l’ente che la gestisce.

    Il porto turistico e peschereccio di Garachico, situato all’ingresso del comune e a breve distanza dal centro storico, ha richiesto 34 mesi di lavoro per superare le difficoltà del mare della zona.

    Lo certifica anche il sindaco, José Heriberto González, che sottolinea come dall’inaugurazione a oggi siano stati apportati pochi miglioramenti.

    “Sono stati installati alcuni pontoni e strutture prefabbricate, bagni e toilette, e l’area di circolazione è stata completata e recintata.

    Gli ormeggi funzionano, l’area di pesca funziona e abbiamo una spianata abbastanza generosa che permette alle famiglie di divertirsi, di passeggiare e ai bambini di andare in bicicletta.

    Il problema è che stiamo parlando di un porto che ha bisogno di più lavoro. Non stiamo parlando di miglioramenti, ma di opere strutturali”, sottolinea.

    Una delle sue maggiori richieste è un accesso adeguato, perché avrà ripercussioni sull’intera regione.

    L’attuale non è ideale perché passa attraverso la cosiddetta curva di San Roque, “piuttosto chiusa e pericolosa”, descrive González.

    In questo senso, ricorda che nel Piano Generale di Sviluppo (PGO) di Garachico è indicato un altro luogo in cui è prevista la costruzione di una rotatoria, che permetterà di deviare il traffico verso vari punti della città, come il centro storico e l’Avenida Marítima, e che andrà a beneficio di tutta la regione, dato che quest’ultima via, una strada insulare di interesse generale, è il collegamento con l’Isla Baja.

    Secondo il presidente, è stato effettuato uno studio di alternative su questo percorso, commissionato da Puertos Canarios, e ne è stata scelta una.

    “Ora abbiamo bisogno di un progetto, dei soldi e di una gara d’appalto per i lavori.

    È importante perché senza questo accesso il porto sarà piuttosto zoppo”, insiste.

    Tuttavia, sottolinea che questa azione dovrebbe essere intrapresa dal Ministero dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e delle Abitazioni del Governo delle Canarie, poiché si tratta di un accesso a una struttura della Comunità autonoma.

    Un’altra richiesta è la pulizia dell’imboccatura del porto, a causa dell’esistenza di scogli a bassa profondità che “hanno causato problemi in alcune occasioni, perché ci sono barche a vela che hanno il fondo più alto (deriva)“ e “rendono difficile l’accesso alle imbarcazioni più grandi”, assicura.

    A questo proposito, Puertos Canarios conferma che la pulizia è prevista con un budget di 2,5 milioni di euro, ma prima è necessario scavare l’ingresso, un’azione che esula dalla sua giurisdizione perché è di competenza della Direzione Generale della Costa e del Mare.

    La terza “gamba” ancora in sospeso è l’esecuzione dell’area a terra, in cui è previsto un edificio multifunzionale con un’area servizi, un’area commerciale e di ristorazione, una stazione di servizio e il porto turistico a secco.

    Puertos Canarios aveva deciso che sarebbe stato realizzato attraverso un’iniziativa privata “ma finora non è stato specificato nulla di concreto per svilupparlo, nonostante i benefici economici diretti che genererebbe per il dipartimento regionale e quelli indiretti per il Comune, perché si creeranno posti di lavoro e ci sarà un maggiore consumo nella città”, afferma il sindaco.

    Nel 2013, l’anno successivo all’inaugurazione, l’edificio multifunzionale è stato aggiudicato per 3,4 milioni, ma la società non è riuscita a realizzarlo e la concessione è stata revocata.

    Da allora, “le parti interessate sono apparse con bozze di proposte, ma non si sono mai concretizzate in un progetto formale con tutti i permessi e le autorizzazioni corrispondenti”, secondo Puerto Canarios.

    Alla luce di questa realtà, González ritiene che sia necessario “cercare di trovare nuove formule per poter mettere a gara la parte commerciale”.

    Da Puertos Canarios chiariscono che l’idea è di mantenere l’attuale modello di gestione, in cui gli ormeggi dipendono dall’entità.

    Il porto turistico e di pesca era una delle quattro opere previste dal Consorzio Isla Baja per il rilancio della regione.

    Fu inaugurato in piena crisi economica, quando qualsiasi opera faraonica sembrava impossibile.

    Tuttavia, Garachico ha avuto successo.

    Nove anni prima, all’apice del boom economico, lo ha fatto il campo da golf di Buenavista, mentre l’Ecomuseo di El Tanque ha dovuto aspettare quasi 20 anni per diventare realtà e la rigenerazione della spiaggia di acqua dolce di Los Silos è in sospeso dal 1997.

    “I lavori a Tenerife tardano ad arrivare, vengono fatti molto saltuariamente e inoltre non vengono spesso finiti”, riflette José Heriberto González.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati