More

    Minori scomparsi: problema reale o allarme ingiustificato?

    Le Isole Canarie sono state di gran lunga la comunità autonoma con il maggior numero di denunce di sparizioni nel 2021.

    C’è un problema di minori scomparsi nelle isole Canarie?

    Dipende da quali statistiche si guardano, e da come le si interpreta, e a chi si chiede, perché in ambito giudiziario e di polizia c’è chi pensa che si stia generando un “allarme sociale ingiustificato”.

    Per cercare di far luce sulla questione, è stata contattata l’associazione SOS Desaparecidos, la Polizia Nazionale, la Direzione Generale per la Protezione del Bambino e della Famiglia del Governo delle Isole Canarie, l’Unità Bambino e Famiglia del Cabildo di Tenerife e la Procura dei Minori di Santa Cruz de Tenerife.

    Tutto questo come risultato del rapporto annuale preparato dal Centro Nazionale per le Persone Scomparse, che dipende dal Ministero dell’Interno, secondo il quale le Isole Canarie sono state di gran lunga la comunità autonoma con il maggior numero di denunce nel 2021.

    Non meno di 4.240 sparizioni sono state segnalate nelle isole, di cui 3.446 nella provincia di Las Palmas, dove nel 90% dei casi i protagonisti erano minori.


    L’Andalusia e la Catalogna, due comunità con una popolazione molto più grande, seguono con 3.316 e 3.164 casi rispettivamente.

    A livello nazionale, si ripete lo stesso schema: i minori tra i 13 e i 17 anni rappresentano il 63,97% dei casi di scomparsa segnalati.

    Ed è proprio questa fascia d’età quella in cui le sparizioni ripetute sono più frequenti.

    Las Palmas è la provincia con il secondo maggior numero di casi di questo tipo e Santa Cruz de Tenerife il settimo.

    Il più delle volte “sono ragazzini che escono e ritornano” nelle loro case o nei centri per bambini, ma ogni assenza, per quanto dura e se si ripete o no, viene segnalata e appare nelle statistiche, secondo una poliziotta dell’unità annessa alla Procura dei Minori di Santa Cruz de Tenerife e confermata da una portavoce della Direzione di Protezione del Bambino e della Famiglia.

    Perché non succede in tutta la Spagna e perché ci sono così tanti casi nelle isole Canarie?

    “Forse è perché qui siamo molto rigorosi quando si tratta di segnalare le assenze”, dice il procuratore decano della sezione minorile della provincia di Santa Cruz de Tenerife, Manuel Campos.

    Fonti della Direzione Generale di Protezione del Bambino e della Famiglia del Governo delle Canarie sottolineano un altro aspetto: l’effetto che la pressione migratoria subita dall’arcipelago, che ha circa 3.000 minori stranieri non accompagnati sotto la sua tutela, potrebbe avere sulle statistiche.

    Infatti, il rapporto del Centro nazionale per le persone scomparse fa una menzione speciale dell’aumento dei casi, rispetto al 2020, nelle zone costiere.

    E dedica una sezione alle sparizioni di minori stranieri, dove le Canarie sono la regione con il secondo maggior numero di casi, dopo l’Andalusia: 263, di cui 251 nella provincia di Las Palmas.

    Il portavoce di SOS Desaparecidos delle Canarie, Santiago Martín, dà un’altra interpretazione e segnala che nelle isole “c’è un problema allarmante” con le sparizioni, soprattutto di minori, che “bisogna analizzare e, soprattutto, agire”.

    Non possiamo guardare dall’altra parte”, ha detto.

    “Prima non c’erano allarmi per i bambini sotto i 13 anni.

    L’età degli scomparsi è sempre più bassa”, sottolinea, così come le assenze che durano “settimane”.

    Martín ritiene che le sparizioni siano un problema che “passa inosservato”, e aggiunge che per ogni caso che diventa pubblico, ce ne sono in realtà più del doppio.

    Tuttavia, fonti della polizia consultate sottolineano che nel 2021, almeno nella provincia di Santa Cruz de Tenerife, le denunce di scomparsa di minori sono diminuite rispetto all’anno precedente, sia nelle case che nei centri.

    “Ci può essere più copertura mediatica, che non è una cosa negativa, ma può dare l’impressione che ci siano più fughe, il che non corrisponde alle statistiche”, aggiungono.

    E sottolineano che “mancare è non sapere dove si trova una persona; una fuga occasionale, un’assenza, è un’altra cosa”.

    Il procuratore dei minori della provincia di Tenerife, Manuel Campos, è d’accordo con questa valutazione e aggiunge che parlare di sparizioni genera “un ingiustificato allarme sociale”.

    Per questo, dice che proporrà di unificare i “protocolli di assenza” tra le forze e gli organismi di sicurezza, in considerazione del fatto che il concetto di sparizione, ampiamente utilizzato, “è diventato obsoleto”.

    “Dobbiamo ripensare la formula delle denunce e il concetto”, aggiunge, ma “non c’è nessun problema di minori scomparsi”, assicura categoricamente Campos.

    Il procuratore precisa che a Tenerife ci sono attualmente dieci minori fuggiti dalla rete di centri del Cabildo (circa 300 bambini in 35 appartamenti) e tutti sono localizzati, si sa dove si trovano e sono monitorati da squadre di strada.

    Queste squadre redigono rapporti settimanali e informano sulla situazione dei minori, secondo fonti dell’Unità Infanzia e Famiglia del Cabildo di Tenerife.

    Se si contano gli stranieri non accompagnati e i minori in internamento (ci sono due centri nelle isole Canarie, uno a Tenerife, Valle Tabares, e l’altro a Gran Canaria, La Montañeta), la cifra sale a 800.

    Campos assicura che in ogni caso si analizza il livello di vulnerabilità del minore e la situazione di rischio a cui può essere esposto, e che si redigono rapporti con cadenza settimanale o quindicinale.

    Oltre ai centri, fa notare che una media di tre o quattro casi di fughe da casa sono segnalati ogni settimana, il più delle volte a causa di litigi o disaccordi familiari, e che generalmente non durano più di un giorno.

    Sottolinea anche che alcuni di questi casi sono il risultato di “una moda per vedere chi può stare lontano da casa più a lungo” e che, di fatto, la polizia ha identificato alcuni dei luoghi dove vanno i minori.

    Non è d’accordo con il procuratore Santiago Martín, che crede che “il sistema fallisce” e che le famiglie si rivolgono a SOS Desaparecidos perché non si sentono sufficientemente sostenuti o informati dalle amministrazioni e dalle forze di sicurezza.

    Aggiunge che l’associazione fa una valutazione prima della pubblicazione degli avvisi e li fa passare attraverso un filtro perché altrimenti, dice, “sarebbe senza sosta” e finirebbero per “esaurire la collaborazione dei cittadini, che è la cosa più importante”.

    Sottolinea che i minori sono “persone fragili e impressionabili”, e dice di temere che alcuni di questi casi potrebbero finire per avere “un risultato inaccettabile” per la società.

    Ciò su cui SOS Desaparecidos e la Procura dei Minori sono d’accordo è che non è necessario aspettare 24 o 48 ore per fare una denuncia, ma “un tempo ragionevole” una volta che non ci sono notizie di un minore, sia in un centro che a casa.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati