1.800 senzatetto vivono per strada in grotte e baracche a Tenerife

Foto Cristiano Collina
Foto Cristiano Collina

Pochi giorni fa, il consiglio comunale di Adeje ha ordinato lo sgombero e l’allontanamento di quasi un centinaio di persone che si erano stabilite in grotte, baracche e tende nel barranco di Agua, noto anche come il Camino de la Virgen, che si trova a due passi dai resort turistici di La Caleta.

Come risultato di questo sgombero, l’associazione per i senzatetto Caritas ha lanciato l’allarme, riconoscendo che tra queste persone ce n’erano trenta in una situazione vulnerabile.

È una situazione in più che contribuisce all’aumento dei senzatetto che sta crescendo nel sud di Tenerife, specialmente nei comuni di Adeje, Arona e Granadilla de Abona, dall’inizio della pandemia.

Nel loro ultimo rapporto all’inizio dell’anno, Caritas aveva 1.800 senzatetto registrati sull’isola, ma secondo José Antonio Díez, coordinatore dell’Unità mobile di assistenza stradale di Caritas (UMAC), “nel prossimo studio che sarà presentato a fine giugno, vedremo un aumento considerevole in queste zone”.

Díez spiega che l’UMAC è dedicata alla cura dei senzatetto, che non hanno una residenza fissa, che vivono per strada, in grotte, in baracche, e soprattutto in alloggi scadenti che cadono a pezzi.

“Di solito dormono in spazi pubblici, ma alcuni raggiungono accordi con i proprietari di edifici abbandonati per sopravvivere”, dice, “anche se la maggior parte di questi offrono un riparo limitato, non hanno servizi, e nella maggior parte dei casi sono pericolosi per rimanerci”.

La percezione della gente è che questi senzatetto siano di mezza età con problemi di alcol o droga, ma la Caritas dice che non è così.

Díez dice “vediamo persone di tutte le età, alcune con bambini, altre con intere famiglie, e ci sono persone fino a 80 anni, anche se nella stragrande maggioranza dei casi sono persone sole”.


La Caritas sostiene che il numero di posti offerti nei rifugi e nei centri per i senzatetto, sia a livello regionale che nazionale, non copre nemmeno la metà di quello che è necessario.

Alla fine, il problema è che si chiede alla persona di lasciare la sua rete di sostegno o di sicurezza, e trasferirsi in un altro comune e ricominciare da zero, dovendo registrarsi per ricevere risorse dai servizi sociali.

Caritas cerca di sostenerli, “ma c’è un grave problema di accesso agli alloggi e le amministrazioni non collaborano come dovrebbero”, hanno detto.

Díez ha detto: “Siamo in trattative con molti comuni per creare centri diurni, dove le persone possono avere armadi, docce, cibo, ma queste persone hanno anche bisogno di entrare nel mercato degli affitti e quello che succede è che quelli che, per esempio, hanno una pensione minima di circa 400 euro, non hanno abbastanza soldi per affittare e preferiscono vivere per strada, in un barranco, o in una grotta”.

In questo caso, Caritas è in trattative con i comuni di Adeje, Arona e Granadilla, che sono “i più rappresentativi nell’aumento della domanda”, per creare questi centri diurni o rifugi.

Dei 1.800 senzatetto registrati nell’ultimo rapporto, la grande maggioranza è ancora nell’area metropolitana, tra Santa Cruz e La Laguna, con più di mille, ma in soli sei mesi, a Granadilla, Arona e Adeje l’aumento dei senzatetto è stato molto significativo.

La maggior parte di questi sono stranieri o provenienti dalla Spagna continentale che non avendo una rete di sostegno qui, in particolare a causa della pandemia, sono caduti in una situazione tragica.

Detto questo, ci sono anche famiglie canarie che preferiscono vivere in alloggi al di sotto degli standard piuttosto che trasferirsi in un altro comune.

Bina Bianchini