More

    L’azienda Desokupa lascia un centinaio di persone a San Isidro senza acqua ed elettricità

    Sono venuti appositamente dalla Penisola e hanno reso inutilizzabili i serbatoi e i pannelli solari sul tetto e stanno minacciando gli abusivi senza un ordine del tribunale di lasciare gli appartamenti.

    Tre giorni dopo il loro arrivo a Tenerife, che non hanno avuto remore ad annunciare sulle reti sociali, tre membri della società Desokupa, creata da Daniel Esteve nella penisola, sono ancora in un edificio a San Isidro, a Granadilla de Abona, con l’obiettivo di “desokupar”, insieme ad altri membri incorporati sull’isola, un edificio a San Isidro, a Granadilla de Abona.

    Sono arrivati mercoledì alle sei del mattino e hanno rotto delle porte per accedere al tetto e chiudere con una porta d’acciaio – la cosiddetta anti-okupas – l’ingresso ai serbatoi e ai pannelli solari che fino a quel giorno fornivano acqua ed elettricità a un centinaio di vicini che vivono lì, alcuni di loro da 15 anni, come abusivi di un edificio di cui non si conosce il proprietario, visto che è ancora registrato come ‘terreno’ e non ha certo un certificato di occupazione.

    Il presunto proprietario dell’edificio ha assunto questa azienda con l’intenzione, secondo Daniel Esteve, di svuotare i contenitori d’acqua situati sul tetto a causa del rischio di crollo.

    Tuttavia, gli abusivi lo considerano una misura di pressione per liberarsi di loro.

    Per ora, tutti i residenti rimangono nei loro appartamenti, e piattaforme come Vivienda Digna Montaña Clara o collettivi di quartiere come quelli del vicino edificio Las Acacias, fanno a turno per evitare che i “desokupas” entrino negli appartamenti e li “prendano” senza un’ordinanza del tribunale che li protegga, come sottolinea Óscar López, un membro di questi due collettivi.

    Qui”, sottolinea, “sono entrati solo con una perquisizione da parte di un esperto, ma senza alcun ordine del tribunale, anche se hanno avuto l’approvazione della Guardia Civil”, ha detto.

    Mercoledì mattina, ci sono stati momenti di tensione tra l’azienda e i vicini.


    Daniel Esteve, titolare di ‘Desokupa’, assicura che questa misura è stata presa a causa del “rischio di crollo”, poiché i vicini “hanno riempito il caseggiato con depositi illegali”.

    Inoltre, Esteve ha riconosciuto che a nome del proprietario – che ha rifiutato di dare il suo nome – hanno offerto alternative ai vicini per raggiungere accordi per regolarizzare la situazione, alcuni offrendo loro 1.500 o 2.000 euro.

    Attraverso il loro avvocato, secondo Esteve, si offre loro anche “un affitto simbolico”.

    Tra otto settimane dovranno lasciare la proprietà e “la proprietà li aiuterà finanziariamente in modo che possano trasferirsi in un altro posto”.

    Gli “abusivi”, tuttavia, sono riluttanti ad andarsene, perché sostengono di non essere a conoscenza di alcun proprietario e di aver avuto il permesso dal municipio di occupare le case e installare i serbatoi d’acqua e i pannelli solari, hanno detto.

    Desokupa, tuttavia, sostengono di aver avuto il permesso dal consiglio per installare i cancelli d’acciaio e chiudere il tetto, cosa che viene negata dal consiglio, che parla solo di un permesso di registrazione.

    Per alcuni residenti, limitare il loro accesso ai rifornimenti è come “una condanna a morte”.

    La portavoce della piattaforma Vivienda Digna Montaña Clara, Joana Trujillo, lo considera un modo di “forzare, intimidire, spaventare e costringere” ad andarsene.

    Nel frattempo, alcuni di loro hanno già ricevuto una data del processo di sfratto per metà maggio.

    Proprio mentre i gruppi anti-disoccupazione denunciano le aggressioni della Desokupa, anche da parte della polizia, Daniel Esteve ha scritto sulla sua pagina Facebook mercoledì che “gli abusivi hanno reagito violentemente e questo pomeriggio hanno attaccato un cameraman e un giornalista oltre ad aver affrontato la Guardia Civil della zona che ha proceduto all’arresto di due abusivi”.

    Grande azione della Guardia Civil e della Polizia Locale del comune contro questo gruppo di abusivi che intendono continuare a occupare abusivamente senza pagare nemmeno i 450 euro di affitto offerti dalla proprietà.

    Continueremo sull’isola fino alla fine del desokupacion, firmando con Desokupamanda.

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati