More

    La difficoltà di trovare alloggi per i residenti

    Gli alti livelli di povertà, l’aumento del 49% degli affitti e la scarsa promozione delle case popolari rendono una chimera trovare un alloggio a prezzi accessibili nelle isole.

    Alle Canarie, un ossimoro potrebbe essere anche l’alloggio a prezzi accessibili, perché è un ossimoro in sé.

    Gli isolani hanno più difficoltà di chiunque altro ad avere accesso a una casa decente a causa degli alti affitti, del basso potere d’acquisto, della colonizzazione di Airbnb, della mancanza di appartamenti sociali e sovvenzionati e della mancanza di volontà politica.

    Una tempesta perfetta, insomma, che è stata analizzata questa domenica nell’ultimo programma di Informe Trópico, trasmesso su Televisión Canaria.

    Primo fatto: sei canari su dieci spendono più del 30% del loro reddito in affitto o non possono comprare una casa perché la banca non concede loro un mutuo.

    È chiaro che la pandemia ha solo aggravato questa situazione. “L’accesso agli alloggi” è completamente paralizzato dalla mancanza di alloggi pubblici.

    E per quanto riguarda il mercato privato, è molto caro a causa degli appartamenti per le vacanze, la scarsità di terreni, che tutti vogliono vivere negli stessi posti…”, riflette Isabel Saavedra, avvocato dell’Unione degli inquilini di Gran Canaria.

    “C’è un’emergenza abitativa. Abbiamo raggiunto questa situazione e non è solo ora, questo è un problema strutturale”, analizza Fernando Rodríguez, direttore di Provivienda nelle Isole Canarie.


    “Ci sono 18.000 persone registrate nel registro dei richiedenti di alloggi pubblici in attesa di una casa. La grande maggioranza sono famiglie monoparentali, normalmente composte da donne con figli a carico. Ci sono anche gli immigrati. E infine i giovani tra i 16 e i 29 anni”.

    Secondo fatto: i giovani devono mettere il 92,9% del loro stipendio netto solo per l’affitto, secondo le cifre fornite dall’Osservatorio dell’Emancipazione.

    E terzo: il costo degli affitti nelle isole è aumentato del 49% in cinque anni, l’aumento più alto in Spagna, secondo i dati del portale immobiliare Fotocasa.

    Chiaramente, gli affitti di vacanze hanno una grande influenza, continua Saavedra, “perché un proprietario può ottenere tre volte di più dagli affitti di vacanze che da un contratto di affitto.

    All’inizio del 2021, il numero totale di proprietà di questo tipo registrate nel Registro Generale del Turismo ammonta a 27.804.

    Tuttavia, nel 2019, solo 23 unità di edilizia sociale sono state avviate, secondo i dati del governo delle Canarie.

    Ángel Lobo, specialista in pianificazione e gestione del territorio, approfondisce le ragioni di questa crisi.

    “Negli ultimi 25 anni abbiamo assistito a un aumento molto significativo della popolazione nelle isole Canarie.

    Non è stato solo il risultato della crescita naturale della popolazione, ma anche di un’immigrazione molto significativa, soprattutto dall’Europa”.

    Questi stranieri, con più soldi in tasca, hanno fatto salire il prezzo al metro quadro perché possono permettersi di pagare di più.

    E hanno anche rafforzato la cultura dell’investimento immobiliare nelle isole, dove quasi una casa su quattro è acquistata da persone nate fuori dalla Spagna.

    Lobo spiega come questo problema potrebbe essere affrontato con l’intervento dei consigli locali: “La legge fondiaria dell’Arcipelago stabilisce che il 30% della superficie totale edificabile in settori per lo sviluppo o terreni urbani non consolidati deve essere dedicato all’edilizia sovvenzionata.

    In alcune comunità questo è fissato al 50%, un esempio è Madrid. Ma questo non significa che ciò che la legge stabilisce sarà rispettato”.

    L’insufficiente volontà politica di rispettare il mandato costituzionale di accesso a un alloggio decente e adeguato, secondo Lobo, lascia alcuni casi più scioccanti di altri.

    La Oliva, nel nord di Fuerteventura, è un esempio paradigmatico.

    Un comune dove gli appartamenti turistici rappresentano il 23,7% del totale delle abitazioni, dove ci sono appena 43 unità di alloggi sociali, dove il tasso di disoccupazione si aggira intorno al 22% e dove fino al 40% dei contratti sono di natura stagionale.

    “Infatti”, aggiunge Lobo, “La Oliva può essere un laboratorio per spiegare molte cose.

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati