More

    Gomma da masticare “made in Isole Canarie”

    A metà del XX secolo, una gomma da masticare unica fatta dalla linfa di una pianta dell’isola, la tabaiba, divenne popolare in Spagna.

    La tabaiba dolce è una specie originaria delle isole Canarie.

    Si tratta di un arbusto succulento, deciduo, non tossico e portatore di lattice che di solito raggiunge un’altezza da 60 cm a 1 metro, la tabaiba bianca o dolce ha come nome scientifico Euphorbia balsamifera.

    “Si vende latte di tabaiba dolce, in pasta e liquido”.

    “Compro tabaiba dolce, purché sia molto bianca e molto pulita”.

    “Vendo resina dolce tabaiba grezza”.


    “Ho il lattice di tabaiba dolce nella linfa e nei pani, chiedete informazioni”.

    Se prendete un giornale delle Canarie pubblicato tra il 1947 e il 1950, è molto probabile che nella sezione degli annunci per parole troverete affermazioni simili.

    A Tenerife, Gran Canaria, Lanzarote e soprattutto a Fuerteventura, il commercio di un prodotto unico, praticamente sconosciuto al di fuori dell’arcipelago, era di gran moda, veniva inviato in grandi quantità dalle Canarie a Barcellona.

    La ragione di questo può essere trovata in un altro annuncio un po’ meno criptico, pubblicato su ‘La Vanguardia’ nel febbraio 1953:

    “Ho una gomma tabayba disponibile per la fabbricazione di gomme da masticare”, diceva.

    La gomma da masticare aveva avuto successo in Spagna per più di 30 anni, ma con onorevoli e frustrate eccezioni (come La Victoria a Madrid o Chicledominó, a Valencia) il mercato era sempre stato dominato da marchi stranieri.

    La gomma da masticare Adams, la più conosciuta all’inizio del XX secolo, godeva del prestigio di essere un prodotto americano e della pubblicità gratuita fornita dal cinema.

    Quasi ogni film di Hollywood presentava qualche personaggio – preferibilmente giovane, audace e ribelle – che masticava incessantemente quella gomma yankee che, all’insaputa degli spettatori spagnoli, proveniva in realtà dalle giungle dello Yucatán.

    Aneyma León, una giornalista delle Canarie e redattrice del programma “Julia en la Onda”, ha raccontato che in passato i bambini delle isole facevano la loro gomma da masticare con la linfa di una pianta autoctona chiamata tabaiba.

    Cercando informazioni sull’argomento è spuntato uno studio molto ampio pubblicato nel 2014 nell’annuario dell’Instituto de Estudios Canarios con il titolo ‘El chicle de látex de tabaiba dulce’.

    In esso il medico di Tenerife Fabián Hernández Romero racconta che il latte di tabaiba era masticato dai Guanci da tempo immemorabile e che fu anche la materia prima della prima gomma da masticare prodotta in Spagna.

    La tabaiba o tabayba dolce (Euphorbia balsamifera) è una pianta presente in tutte le isole Canarie.

    Come i cardoni o gli alberi del drago che di solito lo accompagnano, il tabaiba affronta le alte temperature e il suolo arido grazie alla sua capacità di immagazzinare acqua nei suoi steli e nelle sue foglie.

    Dal suo tronco carnoso si può estrarre un liquido bianco che è stato utilizzato nel corso della storia come antidoto contro gli effetti tossici di un altro lattice naturale, quello del cardone, o come adesivo per sigillare le botti o come colla rimovibile per chiudere temporaneamente le mammelle delle capre in lattazione.

    Gli antichi Guanci usavano il latte di tabaiba come dissetante e balsamo per la pelle, ma la sua funzione più importante era senza dubbio quella di pulire i denti e rafforzare le gengive.

    Così come gli Aztechi facevano la loro gomma da masticare dalla linfa di sapote, gli indigeni delle Canarie lasciavano asciugare il lattice di tabaiba dolce per ottenere una pasta gommosa che poteva essere masticata felicemente per ore senza perdere volume.

    Lo storico portoghese Gaspar Frutuoso (1522-1591) notò questa usanza quando scrisse ‘Saudades da Terra’, una descrizione delle isole del Nord Atlantico in cui indicava che la linfa della tabaiba “è fatta in visco o liga, che è bianca come la pasta del pane di grano, e alcune persone mettono questa pasta in bocca perché dicono che è buona per pulire i denti”.

    Lo studioso di Tenerife José Viera y Clavijo annotò nelle sue ‘Noticias de la historia general de las Islas de Canaria’ (1772) che il latte vegetale era ‘così dolce che dopo essere stato cagliato e ridotto ad una pasta gelatinosa viene solitamente masticato dagli abitanti del luogo’.

    Il potenziale commerciale di questo prodotto passò inosservato fino al 1912, quando il giornale settimanale ‘Las Canarias’ riferì della possibile apertura a El Hierro di una fabbrica che avrebbe utilizzato la tabaiba autoctona per produrre gomma.

    L’iniziativa ha finito per fallire, ma potrebbe essere stata l’ispirazione per un altro imprenditore dell’isola.

    Nel 1945, il gran canario Augusto Hernández Rodríguez (1903-1960) brevettò un processo per la fabbricazione di gomme da masticare “utilizzando il lattice della pianta Euphorbia balsamífera come materia prima della gomma”.

    Registrò anche il marchio Tabay, il nome con il quale l’anno successivo sarebbe stata commercializzata la prima gomma da masticare fatta in Spagna e basata su un prodotto 100% spagnolo.

    Hernández si mise in società con un’azienda di Barcellona, la Compañía Hispanoamericana de Alimentación S.A., per produrre quelle pastiglie al gusto di menta che negli anni ’40 e ’50 rinfrescavano la bocca, sponsorizzavano una squadra di ciclismo e nutrivano tanti contadini delle Canarie.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati