More

    Di cosa si muore alle Canarie?

    I tumori maligni e le malattie circolatorie rappresentano il 55,4% dei decessi nelle isole.

    La malattia ischemica del cuore – che include gli attacchi di cuore o la malattia cardiaca cronica dopo averne sofferto uno – è stata la principale causa di morte nelle isole Canarie nel 2020.

    Questo è chiaro dagli ultimi dati consolidati sui decessi per causa di morte dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE).

    L’anno in cui è iniziata la pandemia, alle Canarie sono morte 16.468 persone, il 53% delle quali uomini, il 10% in più rispetto a cinque anni prima, spiega Pedro Lorenzo, medico specializzato in medicina preventiva e salute pubblica del servizio sanitario delle Canarie.

    Per gruppi di malattie, i tumori, con 4.615 morti, e le malattie del sistema circolatorio, con 4.517, rappresentano il 55,4% dei morti nelle isole, e se aggiungiamo quelli del sistema respiratorio (1.925), rappresentano il 67%.

    La seconda causa di morte nel 2020 nelle Isole Canarie era il cancro ai polmoni tra gli uomini (7,7%) e le malattie cerebrovascolari tra le donne (5,4%).


    In questo gruppo, i più importanti sono gli ictus.

    Le cifre non sono molto diverse da ciò che accade in altre regioni.

    “Queste sono patologie tipiche dei paesi sviluppati, questo è il modello di qualsiasi altro paese della regione, ci possono essere leggere variazioni, ma in termini generali è lo stesso modello”, ha aggiunto Lorenzo.

    I tumori maligni sono la prima causa di morte nelle isole con 4.615 morti nel 2020.

    Le malattie cardiache, il cancro ai polmoni, le malattie cerebrovascolari e la BPCO sono le principali cause di morte degli uomini.

    Demenza senile/presenile e cancro al seno e cancro ai polmoni per le donne.

    Il suicidio è stata la principale causa di morte non naturale, negli uomini 159 casi e 49 tra le donne.

    Le differenze di genere sono più evidenti nelle seguenti cause di morte.

    Così, mentre tra gli uomini sono le malattie cerebrovascolari, la BPCO e l’insufficienza cardiaca, tra le donne è la demenza senile e pre-senile la terza causa di morte, seguita dal cancro al seno.

    Infatti, il cancro maligno al seno ha ucciso 257 donne nelle Isole Canarie nel 2016, una cifra che è aumentata del 21,16% nel 2020 fino a 326 morti.

    Lorenzo riconosce che la ragione di ciò non è chiara.

    “Potrebbe essere che la prevenzione fallisca o che siano malattie croniche e ad un certo punto moriremo di qualcosa”, ha avvertito.

    Confrontando il 2016 con il 2020 negli uomini, sottolinea Lorenzo, “aumenta l’importanza percentuale delle malattie cerebrovascolari, in aumento del 12%, e soprattutto dell’insufficienza cardiaca, in crescita del 62%, mentre nelle donne, oltre al cancro al seno, aumenta la demenza senile e presenile”.

    Ciò che fa la differenza nel 2020 sono le morti da coronavirus.

    Nelle isole 494 persone sono morte a causa del coronavirus nel 2020, 286 uomini e 208 donne, rendendo la pandemia la sesta causa di morte tra gli uomini e l’undicesima tra le donne.

    Il Covid è stato incluso nelle malattie infettive e parassitarie.

    Più demenza dovuta all’invecchiamento

    L’ottantuno per cento dei decessi registrati nelle isole Canarie nel 2020 erano di persone con più di 65 anni.

    In particolare, 13.283 delle 16.486 persone che morirono nelle isole quell’anno.

    Di questi, 5.995 erano nella fascia di età di 85 anni e oltre, cioè il 36%, una cifra che era più alta tra le donne, dove raggiungeva il 47%.

    Questo è il quadro di una popolazione che invecchia, dice Pedro Lorenzo, medico specializzato in medicina preventiva e salute pubblica presso il servizio sanitario delle Canarie.

    Lorenzo sottolinea l’aumento della demenza senile e pre-senile tra le cause di morte tra le donne, che si spiega con la maggiore aspettativa di vita.

    “L’importanza di queste malattie è accentuata perché la popolazione sta invecchiando, infatti tutte le malattie più comuni che causano la morte nelle isole Canarie sono malattie dell’invecchiamento.

    I tumori e le malattie cardiache sono tipici dell’invecchiamento”, aggiunge Lorenzo.

    Un altro punto che colpisce è che il diabete non appare più tra le principali cause di morte.

    “È possibile che questo sia dovuto a misure preventive.

    La verità è che una volta era abbastanza importante e oggi non lo è più”, sottolinea.

    Per quanto riguarda il lungo termine, Pedro Lorenzo spiega che la pandemia avrà probabilmente il suo pedaggio sulla popolazione.

    Specialmente nel 2020, molti pazienti cronici non hanno monitorato le loro malattie così attentamente a causa della loro reclusione e della paura del virus.

    Secondo l’esperto di medicina preventiva, “gli effetti di questo non sono immediati. Nel corso degli anni, questa mancanza di attenzione avrà il suo pedaggio.

    Nella pandemia, in generale, la gente ha messo su peso, ha fatto meno esercizio fisico, probabilmente quelli che fumavano fumavano di più o bevevano più alcol, e si aggiunge lo stress.

    Non sarà immediato, ma si vedrà”.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati