More

    Tenerife va a Gastronomika con 200 metri di ‘stand’, ristorante e tunnel del vino

    Tenerife promuoverà la sua gastronomia e il suo potenziale come destinazione turistica alla ‘Gastronomika San Sebastián’ con il suo maggiore impegno da quando la delegazione promossa da Turismo  de Tenerife visita l’evento.

    Ci saranno esposti uno stand di 200 metri quadrati, un ristorante dal vivo e una galleria di vini, con più di 60 referenze.

    I dettagli della presenza di Tenerife nella città basca sono stati presentati in una conferenza stampa dal presidente del Cabildo di Tenerife, Pedro Martín, dal ministro dell’agricoltura, allevamento e pesca dell’isola, Javier Parrilla, dall’amministratore delegato di Tenerife Tourism, David Pérez, dal direttore della manifestazione, Benjamín Lana, e dal coordinatore della delegazione di Tenerife, Juan Carlos Clemente.

    Martín ha sottolineato che Tenerife partecipa a questo evento, che si terrà dal 14 al 17 novembre, come “una strada a doppio senso” con cui promuovere i prodotti dell’isola per andare “oltre il sole e la sabbia” e come uno “specchio in cui guardare” e osservare e confrontare ciò che c’è sull’isola “che è anche necessario”.

    David Pérez ha sottolineato che la presenza di Tenerife a ‘San Sebastián Gastronomika’ fa parte della strategia di “diversificazione” della destinazione e serve anche a “rendere visibile” la qualità dei prodotti dell’isola.

    Ha detto che la gastronomia porta “identità” alla destinazione ed è sempre più apprezzata per attirare visitatori e nuovi profili, e non è tanto una questione di esportazione di prodotti quanto di turisti che vogliono viaggiare sull’isola e assaggiarli in un’esperienza a 360 gradi.


    Parrilla ha sottolineato che i prodotti di Tenerife saranno gli “ambasciatori” dell’isola nel “più importante” evento gastronomico d’Europa, sottolineando in particolare il valore del bestiame, che è “essenziale” per sostenere il paesaggio e generare “emozione” tra i turisti.

    Benjamín Lana ha apprezzato “l’intelligente impegno” di Tenerife nel diversificare il prodotto turistico attraverso la gastronomia, che “comincia ad essere intesa in modo diverso, in modo trasversale”, al punto che “la gente è più interessata a mangiare che al calcio”.

    Ha anche sottolineato che “fa tesoro di valori” come il territorio, l’identità e la modernità.

    L’edizione di quest’anno è quella delle “riunioni”, sia tra gli chef che le persone in generale “che hanno avuto un momento molto brutto” a causa della pandemia, sia “tra la cucina francese e quella spagnola” dopo alcuni decenni in cui hanno smesso di guardarsi a vicenda dopo il boom di Ferrán Adriá. “Speriamo di recuperare quella storia d’amore”, ha sottolineato.

    Clemente ha descritto alcune delle attività della delegazione di Tenerife, come una presentazione di Erlantz Gorostiza dedicata al maiale nero, la sponsorizzazione di un concorso di dolci con frutti tropicali di Tenerife, colazioni e pranzi a tema dedicati al mare con prodotti “poco conosciuti” sul continente, come cabrillas, viejas, limpets e burgados.

     

    Articoli correlati