More

    Un blocco di lava con resti umani è conservato a La Palma e nessuno sa ancora perché

    Una nuova indagine cercherà di chiarire l’origine di uno dei più grandi enigmi archeologici dell’isola, che ha intrigato gli specialisti per più di 50 anni.

    Più di 50 anni fa, un gruppo di ricercatori trovò un sito archeologico unico a La Palma: nella necropoli funeraria di La Cucaracha, nel comune di Mazo, trovarono vasi praticamente interi, ossa umane bruciate e pezzi di lava mista a resti scheletrici.

    Si tratta di una scoperta senza precedenti la cui origine è ancora sconosciuta.

    Un’ipotesi suggerisce che un’eruzione vulcanica potrebbe aver devastato il sito migliaia di anni fa.

    Lo storico e archeologo Felipe Jorge Pais, capo della Sezione del Patrimonio Storico e Archeologico del Cabildo, spera che presto sarà possibile scoprire cosa è successo veramente.

    All’inizio si pensava che la necropoli fosse stata sepolta da una colata lavica.


    Ma negli anni ’90 un gruppo di geologi, tra cui il famoso vulcanologo Juan Carlos Carracedo, indagò sul sito e determinò che non c’era stata alcuna attività vulcanica intorno al sito.

    Quando gli esperti analizzarono l’età delle ossa trovate con l’analisi del carbonio-14, stimarono che avevano più di mille anni, così nacque un’altra ipotesi: che fossero state spostate da una parte all’altra dell’isola.

    È stata sollevata la possibilità che l’eruzione di La Malforada, che ha avuto origine a Cumbre Vieja nel XI secolo, sia stata la causa dei pezzi di lava con resti scheletrici.

    Tuttavia, nel 2014 e 2015 nuovi scavi a La Cucaracha hanno trovato non solo un blocco di questo tipo, ma molti altri.

    E di diverse dimensioni.

    Alcuni di essi sono così piccoli che sarebbe impensabile pensare che i Benahoriti, come sono conosciuti gli antichi abitanti di La Palma, li avrebbero portati.

    “L’eruzione di La Malforada è avvenuta a otto chilometri di distanza in linea retta.

    Quello che vediamo nello scavo sono piccoli pezzi, gocce di lava con resti scheletrici.

    È difficile capire perché i Benahoriti portassero i resti dei loro antenati in modo così dettagliato”, spiega Pais. “Sembra che i resti umani siano stati cremati lì.

    È quello che vogliamo scoprire.

    La teoria del vulcano suggerisce che l’eruzione preistorica di La Malforada fu così virulenta da spazzare via un intero villaggio benahorita.

    I gas tossici e i frammenti a grana molto fine hanno causato asfissia e ostruzione delle vie respiratorie.

    Uno studio pubblicato da Carracedo e dall’esperto Hervé Guillou conclude che, “anche se ci sono prove significative che i resti scheletrici incastrati nelle scorie basaltiche corrispondono a vittime umane causate dall’eruzione, potrebbe anche essere che siano ossa di una sepoltura precedente”.

    “In ogni caso”, continua il testo, “i resti umani avvolti dai materiali vulcanici furono spostati e successivamente sepolti (…) in un luogo più sicuro”, in una cavità naturale del cratere vulcanico di La Cucaracha.

    Qualche settimana fa, Pais e il geologo del National Geographic Institute (IGN) Stavros Meletlidis si sono recati sul posto per discutere una nuova linea di ricerca.

    Il piano è quello di sondare nuovamente l’area intorno allo scavo di La Cucaracha per determinare se c’è stata un’eruzione negli ultimi duemila anni, quando i primi abitanti dovrebbero essere arrivati sull’isola.

    “Secondo i primi dati che abbiamo, tutto punta sul no, ma dobbiamo confermarlo”, aggiunge lo storico.

    Se questa ipotesi è definitivamente esclusa, l’ipotesi che i resti umani siano stati bruciati nella stessa grotta diventa ancora più rilevante.

    E che la cremazione ha raggiunto una temperatura tale che la roccia si è sciolta con le ossa.

    “In quel luogo [La Cucaracha] furono bruciati centinaia di Benahoriti.

    E non per un anno, ma per molti.

    I blocchi di lava sarebbero stati creati durante il processo di cremazione”, aggiunge l’esperto, che ricorda che ci sono dati da più siti di La Palma con “tracce evidenti” della cremazione praticata sull’isola, soprattutto durante il primo insediamento dell’isola.

    La visita di Meletlidis non è stata una coincidenza.

    Pais confessa che la recente eruzione vulcanica sulla Cumbre Vieja è il momento perfetto per rivisitare alcuni degli enigmi ancora da risolvere.

    “Ne abbiamo approfittato, naturalmente.

    Molti vulcanologi si sono interessati e vogliamo continuare a collaborare con loro.

    Su La Palma abbiamo solo dati sulle eruzioni vulcaniche dal XV secolo.

    Ci sono molti fatti storici precedenti che non conosciamo”.

    Marco Bortolan

     

    Articoli correlati