More

    26 uccelli e pipistrelli trovati con colla sulle ali a Tenerife

    Il centro di recupero della fauna selvatica La Tahonilla, che dipende dal Cabildo di Tenerife, ha recuperato un totale di 26 uccelli e pipistrelli colpiti da colla sulle ali durante il 2021, come risultato delle trappole per topi che continuano ad essere collocate all’aperto, nonostante le norme vigenti lo vietino.

    Questi includevano sette gufi, un pettirosso, dieci gheppi e otto pipistrelli.

    Tutti avevano danni alle ali causati dalla colla.

    La pulizia di questa sostanza si fa con il petrolio, ma in molti casi, a causa della grande quantità di colla, non si possono pulire in questo modo e si usa il gofio, che funziona come un agente agglomerante che rallenta la dispersione del prodotto.

    “Gufi e gheppi sono eccellenti cacciatori e limitano la presenza di roditori nel campo.

    Curiosamente, queste trappole rivolte a topi e ratti colpiscono direttamente i loro principali combattenti, non solo perché vengono cacciati, ma anche perché la loro presenza è un deterrente per i roditori”, ha detto l’assessore alla gestione dell’ambiente naturale, Isabel García, che ha chiesto alla popolazione “buon senso e, soprattutto, prudenza quando si installano queste trappole all’aperto perché colpiscono animali che non danneggiano le colture”.


    Il veterinario di La Tahonilla, Alejandro Suárez, ha anche indicato che ogni anno si moltiplicano i casi di animali colpiti da queste trappole; recentemente a La Laguna sono stati raccolti più di una dozzina di pipistrelli colpiti dal posizionamento di questa colla, e ha ricordato che i pipistrelli “sono protetti e sono in pericolo, e svolgono un eccellente lavoro insettivoro che aiuta il benessere degli esseri umani”.

    Allo stesso modo, il veterinario ha sottolineato che quelli che vengono recuperati al centro “sono solo quelli che vengono notificati, e che è certo che molti muoiono senza nemmeno essere visti, prigionieri della colla”.

    Ci sono sette specie di pipistrelli nelle Isole Canarie, due delle quali endemiche e un’altra appartenente alla Macaronesia, tutte insettivore e molto benefiche per il settore primario.

    Tutte queste specie sono protette.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati