Canarie decarbonizzate senza auto a benzina nelle città

Ieri, il governo ha presentato il progetto di legge sul cambiamento climatico, che mira a rendere le isole un territorio neutrale per i gas serra entro il 2040.

Un territorio è carbon neutral quando emette nell’atmosfera la stessa quantità di gas serra che riesce a rimuovere con altri mezzi.

Per raggiungere questo obiettivo entro il 2040, il governo delle Canarie ha appena approvato il progetto di legge sul cambiamento climatico e la transizione energetica, che sarà trasmesso al Parlamento delle Canarie la prossima settimana per la discussione.

Città con poche auto e solo auto elettriche, tetti pieni di pannelli solari indipendentemente dal quartiere o dalle tasche del cittadino, aziende che misurano la loro impronta di carbonio, pianificazione urbana adattata all’aumento del livello del mare, progetti di energia geotermica…

Il futuro si costruisce anche con le immagini.

E queste sono state alcune delle immagini utilizzate ieri dal presidente delle Canarie, Ángel Víctor Torres, e dal suo ministro per la transizione ecologica, José Antonio Valbuena, per presentare il progetto.

La parte di Torres è stata la più “politica”, sottolineando che questa legge è un impegno preso dal governo dall’inizio della legislatura.

E che il 30 agosto 2019, poco dopo il suo inizio, l’esecutivo ha dichiarato lo stato di emergenza climatica.


A quel tempo, ha detto, alcuni fecero notare che un modello impegnato nello sviluppo ecologico poteva scoraggiare il turismo.

Tuttavia, ha ricordato che avere l’energia fotovoltaica o la raccolta differenziata dei rifiuti sono quasi un richiamo per molti dei turisti che vengono alle Canarie oggi.

Questo disegno di legge, secondo il presidente, è una “pietra miliare”, il più partecipato nella storia dell’arcipelago, con 384 contributi nei due periodi di esposizione pubblica.

E più di 500 persone e gruppi hanno lavorato su di essa durante la sua stesura.

“È una legge coraggiosa”, ha detto il presidente.

E ha assicurato che uno degli elementi essenziali sarà quello di finanziare i settori meno favoriti affinché possano unirsi a questa transizione energetica e acquisire beni come le auto elettriche o a idrogeno, i cui prezzi sono già scesi a 10.000 euro con Moves III, un piano di aiuti di Stato per l’acquisto di questo tipo di veicoli a carico dei fondi europei di ricostruzione e modernizzazione.

La parità di accesso, secondo Valbuena, dovrebbe essere in linea con quella offerta dal sistema sanitario e scolastico pubblico.

Perché una volta che abbiamo una macchina di questo tipo, ha spiegato, significherà un significativo “risparmio” nei soldi spesi per il carburante, che ha calcolato tra 200 e 500 euro al mese.

Una transizione energetica giusta significa anche che non possiamo “distinguere dall’aria” l’estrazione socio-economica di un quartiere misurando se ha o meno pannelli solari, perché tutti li avranno.

Questa è l’idea che attraversa la “Strategia delle Canarie per la transizione giusta e la giustizia climatica”, uno degli strumenti della legge, insieme alla “Strategia di azione climatica delle Canarie”, da cui dipendono il “Piano di transizione energetica delle Canarie” e il “Piano di azione climatica delle Canarie”.

Entro la fine di questa legislatura, tutti gli elementi legali dovrebbero essere a posto.

“L’obiettivo è che tutti sappiano cosa deve essere fatto e che nessuno abbia una sola scusa”, ha detto il ministro.

Le amministrazioni e le aziende dovranno registrare la loro impronta di carbonio per vedere quanto male – o bene – sono, e migliorare.

Gli edifici pubblici dovranno essere autosufficienti dal punto di vista energetico, il parco veicoli pubblici sarà rinnovato, cercando di stimolare il mercato delle auto più sostenibili.

E tutto questo processo sarà supervisionato dall’Agenzia per il Cambiamento Climatico delle Canarie, che avrà anche un regime sanzionatorio per coloro che non si conformano.

Lo stesso accadrà ai conducenti che entrano nelle città con veicoli a combustibile fossile, che saranno multati in futuro se saranno sorpresi dalla polizia.

La data del 2040 per la decarbonizzazione è in anticipo di dieci anni rispetto a quanto proposto a livello statale ed europeo.

I nostri punti di forza come luogo ideale per lo sviluppo delle energie rinnovabili sono combinati con il fatto che non abbiamo un settore industriale con un’alta domanda di energia o temperature fredde che richiedono il riscaldamento.

Per iniziare questo processo, che ha ancora bisogno di date concrete oltre l’orizzonte finale, abbiamo già 470 milioni dall’Europa nell’ambito della Strategia di energia sostenibile per i territori insulari.

Questo denaro sarà ora destinato allo sviluppo dell’autosufficienza negli edifici pubblici, e il denaro risparmiato sarà utilizzato per promuovere l’autosufficienza dei cittadini e delle imprese con meno risorse.

Si promuoveranno anche le comunità energetiche, per sostituire i sistemi centralizzati di produzione di energia, nel piano tradizionale delle centrali, con sistemi distribuiti, siti di produzione su piccola scala con utenti che evitano la rete tradizionale e non sono soggetti ad arbitrarietà e cambiamenti sui quali non hanno potere decisionale.

Verrà anche incoraggiata la ricerca.

Affinché la transizione energetica abbia un ritmo adeguato, il 2% del PIL deve essere dedicato ad attività in questa direzione.

Non il governo, ma la società che lavora, consuma e crea aziende.

E ci stanno lavorando.

Mancano ancora dei dettagli, non si conosce il calendario esatto oltre l’orizzonte finale.

Durante la presentazione, Torres ha anche annunciato che l’Agenda canaria per lo sviluppo sostenibile 2030, coordinata dal direttore generale per la ricerca e il coordinamento dello sviluppo sostenibile, l’economista David Padrón, sarà presentata a Lanzarote il 2 dicembre.

Sembra che poco a poco si stia costruendo l’impalcatura di un nuovo modello.

Vediamo come va…

Bina Bianchini