La pioggia inonda il centro per gli animali colpiti dal vulcano a La Palma

Il centro per gli animali colpiti dal vulcano a La Palma, situato nell’IES Eusebio Barreto de Los Llanos de Aridane, è stato colpito dall’acqua di ieri, che, mescolata alla cenere, ha intasato gli scarichi e allagato il recinto in cui si trova la tenda dove si prestano cure veterinarie agli animali salvati.

César Bravo, membro dell’Associazione Veterinaria di Santa Cruz de Tenerife e coordinatore dei Volontari Veterinari, ha chiesto alla Direzione Generale per la Sicurezza e le Emergenze di trovare un nuovo luogo o strutture dove gli animali ospitati non saranno in pericolo.

“Nelle prime ore di venerdì mattina, il protettore che gestisce il centro, Benawara, ha fatto appello ai volontari e ai pompieri per poter drenare l’acqua dalla struttura e i veterinari hanno dovuto smontare la tenda di assistenza veterinaria e rimontarla fuori dalla confluenza dei due tetti dello IES che, in caso di altra pioggia, potrebbe essere distrutta dal peso dell’acqua e della cenere”, ha spiegato César Bravo.

Al momento, insieme ai sei veterinari volontari di La Palma che si occupano degli animali, soccorrendoli o salvandoli, c’è un veterinario di Gran Canaria e cinque di Tenerife.

Dall’inizio della crisi vulcanica, sono stati curati quasi 3.500 animali di tutti i tipi, dal bestiame agli animali domestici, piccoli animali, rettili, uccelli esotici, tra gli altri, ma l’attività non si limita solo al salvataggio degli animali, infatti questa è un’attività che è andata diminuendo nel tempo.

“C’erano e ci sono animali nelle zone di esclusione che devono essere nutriti quotidianamente perché non possono essere spostati.

È il caso delle colonie di gatti che, anche se hanno un proprietario, vivono liberamente nelle zone rurali.

È vero che a La Palma non abbiamo strutture per tutti loro, ma sono anche animali che difficilmente si adatteranno a vivere in reclusione”, ha commentato César Bravo.


Uno dei problemi attuali è proprio quello di controllare l’alimentazione di questi animali.

In questo senso, i veterinari hanno accettato di coordinare tutte le azioni di alimentazione, hanno presentato un progetto al Posto di Comando Avanzato (PMA), che ha accettato la proposta, e la prossima settimana si terranno riunioni con tutte le persone coinvolte per coordinare l’alimentazione degli animali nella zona di esclusione, far geolocalizzare i punti di alimentazione, migliorare il sistema di mangiatoie e abbeveratoi, realizzare un censimento degli animali che utilizzano questo cibo grazie all’installazione di telecamere e organizzare i soccorsi necessari per evacuare gli animali quando è necessario.