Una nuova frana semina distruzione a Las Manchas

Una frana a sud del cono principale devasta il cimitero di Las Manchas.

L’avviso di tempesta arancione, che colpisce anche Tenerife e La Gomera, aggrava il rischio di deflusso.

Per quanto l’eruzione del 19 settembre nella zona della Cumbre Vieja non abbia dato tregua a La Palma, ieri è stato un altro di quei giorni in cui le cattive notizie generate da questo vulcano si sono rivelate particolarmente dolorose.

Così, una nuova fessura situata a sud del cono principale ha espulso un’altra colata di lava che ha finito per seminare distruzione passando per il pueblo di Las Manchas, distruggendo edifici e coltivazioni.

Con immenso dolore dei residenti, nemmeno il cimitero stesso (che ospita i resti di 3.160 defunti e l’unico crematorio dell’isola) non è stato risparmiato dal soccombere al materiale incandescente, la cui velocità ha attirato l’attenzione degli esperti, scendendo a circa 600 metri all’ora, in un calcolo effettuato a metà pomeriggio dai tecnici di Involcan.

Un’altra delle distruzioni più eclatanti è stata quella dell’impianto foltovoltaico.

Il direttore tecnico di Pevolca, Miguel Ángel Morcuende, aveva già riferito ore prima che questo nuovo flusso si era mosso abbastanza velocemente all’inizio della giornata, ma il materiale distrutto che stava trascinando gli ha dato maggiore viscosità e lo ha rallentato, avanzando a circa 25 metri all’ora.


Per quanto riguarda l’evoluzione del resto delle colate laviche, la portavoce del Comitato Scientifico, Carmen López, ha sottolineato che c’è stato un aumento del tasso di emissione, con diramazioni di canali di lava e tracimazioni che interessano la stessa zona di ieri, tra le colate laviche 4 e 7, e che circondano la zona nord-est della montagna di Todoque (zona 5).

A causa di queste nuove colate di lava, l’area colpita finora ammonta a 1.100,44 ettari, 11,6 ettari in più rispetto al giorno precedente.

Allo stesso modo, l’area del delta lavico meridionale rimane a 43,46 ettari e quella del delta lavico settentrionale a 5,05 ettari.

Per quanto riguarda il numero di persone sfollate, ci sono 513 persone negli alberghi, otto in più del giorno precedente. Del totale, 441 sono alloggiati nell’hotel di Fuencaliente e 72 a Los Llanos de Aridane. Inoltre, 43 persone dipendenti sono assistite nei centri sociali e sanitari dell’isola.

D’altra parte, il direttore tecnico di Pevolca ha evidenziato l’alta quantità di gas che sono stati rilevati nelle ultime settimane, soprattutto a Las Manchas e nella zona di La Bombilla.

Ha anche indicato che mercoledì scorso si è tenuta una riunione al Posto di Comando Avanzato (PMA) con il sindaco di El Paso, Sergio Rodríguez; la sindachessa di Los Llanos de Aridane, Noelia García, e i rappresentanti dei vicini colpiti dalla situazione di emergenza nella zona meridionale delle colate di lava, specialmente a Las Manchas.

Morcuende ha sottolineato che le emissioni di anidride solforosa (SO2) associate al pennacchio vulcanico, che mercoledì scorso erano tra 1.000 e 29.999 tonnellate al giorno, continuano ad essere molto alte, anche se la tendenza generale è in calo dal 23 settembre, il che è una buona notizia.