More

    Le colate laviche raggiungono altezze senza precedenti

    Le dimensioni delle colate di lava che scendono dal vulcano Cumbre Vieja sono impressionanti.

    Sono gigantesche pareti di lava solidificata che stanno lasciando su La Palma un paesaggio inospitale, quasi extraterrestre.

    “È come se fossimo su un altro pianeta, ma non solo per le colate di lava alte 20 metri, ma anche per il manto di cenere che copre parte dell’isola.

    Se non vedessi i pini o le case sepolte, crederesti davvero di essere su un altro pianeta”, ha spiegato qualche giorno fa a NIUS Juan Carlos García, geologo dell’IGME (Istituto Geologico Minerario Spagnolo), specialista di La Palma.

    “L’origine di queste alte colate di lava sono i successivi crolli del cono, dice Rosa Mateos, anche lei scienziata dell’IGME.

    I crolli causano grandi flussi di lava che si sono riversati sulla colata lavica originale, la prima, quella che ha formato la fajana (lembo di terra in mare)“, spiega.

    “Sono così alti perché sono il risultato di una sovrapposizione di nuove colate di lava sopra quelle vecchie che si sono raffreddate, ed è per questo che stanno crescendo così tanto in altezza.

    David Calvo, vulcanologo dell’Instituto Vulcanológico de Canarias (Involcan) è uno degli scienziati che ha viaggiato per il mondo osservando, studiando e lavorando nelle zone vulcaniche.


    È un esperto da tenere in considerazione in ogni momento ed è una voce autorevole per tutti i media, anche a livello internazionale.

    Se Calvo dice che il problema sociale e strutturale di La Palma è ancora da venire… è meglio crederci.

    Non ci sono precedenti in tutto il mondo per qualcosa di simile a quello che è successo a La Palma, per quanto alcuni video o informazioni errate indichino azioni simili alle Hawaii.

    La realtà di chi ha lavorato lì, in colate di lava molto più piccole, è che “ad oggi, nessuna delle strade che Kilauea ha sepolto è stata aperta”.

    “Il fronte del flusso, quello che distrugge, quello incandescente, quello pericoloso perché va a traboccare in zone dove non c’è stato un flusso precedente, non può mai essere così alto, arriva al massimo a 15 metri.

    E sono i 5 metri superiori che avanzano rapidamente”, ci rassicura lo scienziato. “Queste altezze si verificano nel percorso intermedio.

    La domanda che si pone è quanta altezza ancora possono raggiungere se l’eruzione non si ferma e la lava continua a scegliere questa strada.

    “Se l’input continua e l’input è molto forte, quello che succederà è che i canali di lava arriveranno lì e traboccheranno, ci sarà un salto e continueranno a scorrere verso il basso. In altre parole, questo aumento di altezza non può durare a lungo”, dice García.

    Il geologo del CSIC lo conferma. “Non possono crescere ancora molto in altezza.

    Pensate che mentre si produce un flusso, sul fondo si sta già creando una specie di barriera sul terreno che può farlo traboccare da una parte o dall’altra. È una topografia molto irregolare.

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati