More

    Le catene alberghiere confermano un inverno “record” nelle isole

    Le principali catene alberghiere del paese hanno partecipato a una conferenza organizzata da RIC Private Equity, la prima entità d’investimento collettivo di RIC nelle isole Canarie, e la catena alberghiera AC, che ha confermato la ripresa dell’attività turistica nelle isole Canarie.

    Gli alti tassi di occupazione, a livelli quasi pre-pandemici, dell’ultimo mese permettono di prevedere una stagione invernale “molto ottimista”.

    Tuttavia, tutti si sono avvicinati a queste cifre con “molta cautela”.

    Per poco più di un’ora, i rappresentanti delle principali catene hanno concordato su diversi aspetti: che le Canarie hanno fatto “molto bene” durante tutta la pandemia e che è necessario “dirlo senza complessi”, che “non c’è certezza” e che l’arcipelago è una “destinazione imbattibile” che deve ancora essere sfruttata.

    Águeda Borges, responsabile della consulenza legale e delle relazioni istituzionali nelle Isole Canarie di RIU Hotels, ha sottolineato che “c’è il desiderio di viaggiare e i clienti continuano ad avere fiducia nella destinazione, il che significa che abbiamo fatto bene.

    È possibile che avremo un inverno record nelle isole”.


    Da parte sua, Juan Francisco Hernández, direttore commerciale di Barceló Hotels & Resorts, era anche molto ottimista, ma più cauto, “perché stiamo raggiungendo l’occupazione all’ultimo minuto”.

    “Non stappiamo lo champagne prematuramente, perché sappiamo che questo boom è transitorio.

    Dobbiamo lavorare per essere ben posizionati dopo l’euforia”, ha dichiarato.

    Allo stesso modo, Fedua El-Gheriani, direttore dell’Hotel Iberostar Grand Mencey, e Michael Lund, direttore commerciale di Servatur Hotels & Resorts, ha aggiunto le eccellenti prospettive di occupazione nei loro hotel, “ma siamo grandi catene alberghiere con grande forza finanziaria che ci ha permesso di salvare questo anno e mezzo di pandemia e zero turismo.

    Ci sono altre compagnie alberghiere più piccole che non hanno subito lo stesso destino”.

    Da parte sua, il presidente di Ac Hoteles, Antonio Catalán, ha fatto riferimento alle Isole Canarie come una “destinazione imbattibile in inverno, per la sua sicurezza legale e sanitaria”, e ha sottolineato che ora si deve affrontare la sfida di migliorare la qualità del turismo.

    A questo proposito, ha messo sul tavolo “l’obbligo” per l’arcipelago di non dipendere dal tour operator “quelli che fissano i prezzi”.

    Forse abbiamo bisogno di meno turisti, ma di qualità superiore.

    Il cliente è disposto a pagare”, ma serve più connettività con compagnie aeree di prima classe, non low cost.

    Francisco Fernández, amministratore delegato di Canarian Hospitality, una nuova società di gestione alberghiera con capitale canario, ha fatto riferimento proprio a questo punto e alla necessità che le isole “abbiano il peso che dovrebbero avere”.

     

    Articoli correlati