More

    Sai qual è l’indice di esplosività vulcanica?

    Il comitato direttivo della Pevolca ha introdotto lunedì un nuovo concetto vulcanologico: l’indice di esplosività vulcanica (VEI).

    Un termine che “in questi giorni si inizierà a sentire”, ha detto il vulcanologo del National Geographic Institute Rubén López.

    Il portavoce del Comitato Scientifico di Pevolca e direttore dell’IGN nelle Isole Canarie, María José Blanco, ha sottolineato lunedì che l’indice di esplosività vulcanica è utilizzato per quantificare la grandezza dell’esplosività di un’eruzione e utilizza come misura una scala che va da zero a otto.

    Il Cabildo de La Palma ha spiegato che zero è un’eruzione “non molto violenta” e otto è il valore massimo.

    Gli esperti dell’IGN hanno assegnato un valore di due nel caso dell’eruzione di La Palma.

    “Sicuramente nei prossimi giorni sarà molto presente nei media. Non è facile andare fino a 3, le circostanze dovrebbero cambiare molto e questo non è il caso”, ha commentato López.


    Il vulcanologo del Ministero dei Trasporti, della Mobilità e dell’Agenda Urbana ha spiegato che questo indicatore ha cominciato a essere calcolato nel 1982 dall’USGS Volcanoes.

    “È stato ideato da Chris Newhall dell’United States Geological Survey e Stephen Self dell’Università delle Hawaii nel 1982”, spiega l’organizzazione governativa statunitense sul suo sito web.

    “È una misura relativa. I vulcani hawaiani hanno un VEI di 0-1, i vulcani stromboliani di 2 e i vulcaniani fino a 4.

    Da lì abbiamo i pliniani (5-6), gli ultra-pliniani (6-7) e quelli considerati super vulcanici (8), come Yellowstone”, spiega Rubén López.

    Nel caso del vulcano Cumbre Vieja, il valore due assegnato, che corrisponde alle eruzioni stromboliane, è stato ottenuto dall’altezza di 4,5 chilometri del comune eruttivo, i 16 giorni in cui ha eruttato e il volume totale dei prodotti espulsi, anche se questo parametro non è ancora fissato al 100%.

    L’IEV è calcolato secondo tre parametri principali: l’altezza raggiunta dalla colonna eruttiva, il tempo di durata dell’eruzione e il volume totale dei prodotti espulsi dal vulcano (principalmente lava e cenere), ha spiegato López.

     

    Articoli correlati