More

    I 510 blocchi della diga di Bajamar saranno posizionati entro il 15 ottobre

    Foto da www.eldia.es

    Da questo mese fino all’inizio del 2022, i lavori saranno eseguiti per completare la riparazione della diga di cemento e altre opere complementari per riparare i marciapiedi, i muri e l’area circostante.

    I lavori di protezione e riparazione del frangiflutti di Bajamar, sulla costa di La Laguna, procedono a buon ritmo. Infatti, ad oggi, 240 dei 510 blocchi di cemento previsti per proteggere il frangiflutti sono già stati collocati, e la stima è che tutti saranno in posizione entro il 15 ottobre, secondo i dati del Servizio Tecnico del Turismo del Cabildo di Tenerife.

    Pedro Martín ha sottolineato che il lavoro, “che era molto atteso dalla popolazione locale, e che è stato assegnato dal Cabildo, come una questione di urgenza, per un importo di 2.013.798 euro, soddisferà le esigenze di Bajamar, che diventerà un enclave molto più attraente per la popolazione e i visitatori”.

    Il primo blocco di quest’opera tanto attesa è stato posato a metà agosto, anche se i lavori preparatori erano già stati eseguiti nella zona nei giorni precedenti.

    Di conseguenza, la spiaggia è chiusa alla balneazione dall’inizio di agosto e rimarrà tale durante i lavori, anche se le piscine sono ancora aperte.


    Ad oggi, i 510 blocchi di cemento che si stavano facendo su una spianata vicino alla strada principale di accesso a Bajamar sono già stati creati, al ritmo di 10 al giorno, e sono stati immagazzinati in questo punto per il successivo trasferimento alla diga.

    “Una delle cose che ci sta costando di più è il poco spazio che abbiamo nella zona per fare i blocchi, ma questo ci ha anche fatto andare più veloce nel loro posizionamento”, secondo il Cabildo di Tenerife.

    In effetti, 240 di questi blocchi di protezione sono già sul posto, “il che ci permette di iniziare a lavorare alla riparazione della diga di cemento, che si sta sgretolando, ha delle crepe e parti di essa si sono rotte”, hanno spiegato.

    Inoltre, sono in corso i lavori per la posa del frangiflutti in pietra.

    La prossima settimana, sono previsti altri 100 blocchi, tra 27 e 29 per essere precisi, per aumentare “la protezione del frangiflutti e poterlo riparare in modo più sicuro”.

    Il lavoro continuerà con il posizionamento dell’ultimo lotto di blocchi, tra il 13 e il 15 ottobre.

    “E una volta che tutti i blocchi sono al loro posto, il 15 ottobre, i lavori continueranno per riparare la diga di cemento, ora completamente protetta e sicura dal mare, che è abbastanza complessa perché devono essere cementate sezioni molto grandi e questo richiede molto tempo.

    Anche la scala che va dal frangiflutti alla spiaggia sarà ricostruita”, ha detto il Servizio Tecnico del Turismo del Cabildo.

    Questi lavori continueranno fino al 15 novembre circa, quando si stima che il nuovo frangiflutti “sarà completamente finito” e cominceranno i lavori complementari, come la sostituzione di muri, corrimano, la pavimentazione rotta, la riparazione dei sentieri e il solarium, tra gli altri.

    L’obiettivo è di “consegnare il lavoro completamente finito per l’inizio del prossimo anno, tra gennaio e febbraio”.

    Il frangiflutti di Bajamar ha subito continui danni ogni volta che c’è stata una tempesta.

    La maggior parte dei danni attuali sono il risultato di una tempesta del dicembre 2012 e di un’altra del 2013.

    I lavori in corso miglioreranno il funzionamento del frangiflutti, con l’installazione di una difesa frangiflutti.

    “Quello che fa il nuovo frangiflutti, con quasi sette file di blocchi alti fino a tre strati, è dissipare l’energia che porta un’onda, in modo che quando raggiunge la parete verticale della diga, non ha più forza”, hanno spiegato.

    Quindi, “ora reggerà infinitamente di più, il che non significa che quando arriverà una tempesta molto grande, potrebbe accadere che l’altezza delle onde superi la diga… ma sarà molto raro.

    Per evitare questo, si sarebbe dovuto costruire un frangiflutti alto cinque strati, ma sarebbe stato troppo alto, bloccando l’intera vista del mare.

    Sarebbe un investimento esagerato per una protezione che non è necessaria”, hanno sottolineato.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati