More

    L’inferno del Teneguía nel 1971

    L’inferno del Teneguía nel 1971: fu la “terrificante” ultima eruzione di un vulcano in Spagna

    L’ultima volta che lo stesso cratere si era svegliato, nel 1677, aveva distrutto la città di Fuencaliente.

    In questa occasione, migliaia di persone hanno dovuto essere evacuate per paura che la tragedia si ripetesse di fronte alle travolgenti esplosioni di lava, con colonne alte fino a 700 metri, che avvenivano sotto i loro occhi.

    La prima informazione fu pubblicata dalla ABC il 28 ottobre 1971.

    Il Teneguía dormiva dal 1677 e ora si svegliava per l’ultima volta, con grande sorpresa degli abitanti delle Canarie e di tutta la Spagna. 

    “Il vulcano di La Palma aveva ieri ventisei bocche”, avvertiva il titolo, che proseguiva spiegando: “Tutte vomitano lava incandescente con grande veemenza, al punto che, mentre il fiume di magma scorre impetuosamente, il ritmo delle esplosioni getta nell’aria con forza nuvole di fumo e cenere.


    Queste raggiungono altezze tra i 500 e i 700 metri, insieme a pietre che cadono come proiettili sul terreno circostante.

    Nessuno può prevedere cosa succederà nelle prossime ore, ma duemila persone che vivono nella zona hanno dovuto essere evacuate”.

    Il vulcano Cumbre Vieja, un tempo chiamato “Teneguía” dagli abitanti di La Palma, ha eruttato trecento anni dopo il precedente.

    L’eruzione del 1971 fu l’ultima a verificarsi sulla superficie della terra in Spagna.

    Per darvi un’idea dell’eccezionalità di questo evento, che è durato dieci giorni, l’ultima volta che il Teide sputò lava fu nel 1909 e non causò danni alla popolazione.

    Questo era successo solo altre 12 volte negli ultimi 2.000 anni.

    I precedenti erano stati nel 1798, 1706, 1704 e 1492, quando Colombo scoprì l’America.

    È vero che nel 2011 il vulcano Tagoro a El Hierro ha eruttato, ma sott’acqua.

    Secondo il rapporto pubblicato dall’Istituto Geologico e Minerario Spagnolo (IGME) nel 2017, sei anni dopo, ha costretto il villaggio di pescatori di La Restinga ad essere evacuato in due occasioni e, inoltre, la sua cima è crollata, facendo perdere 30 metri di altezza sott’acqua.

    Tuttavia, le spettacolari immagini a colori del 1971, così come la paura che suscitò tra gli abitanti della zona, che videro l’enorme montagna sputare lava molto vicino alle loro case, non ha eguali negli ultimi secoli della storia del paese.

    “Esplosione terrificante”

    Un altro cratere si apre nel vulcano Teneguía”, annunciava ABC il 2 novembre 1971.

    Questo si trovava a un centinaio di metri di distanza dal precedente.

    Secondo l’inviato speciale del giornale, “i canari non si erano ancora ripresi dalla loro sorpresa, quando un intenso movimento del terreno e la successiva esplosione, un’esplosione terrificante, forse quella che più ha scosso questa parte dell’isola da quando i suoi abitanti hanno iniziato a temere il vulcano, ha provocato tra loro il logico e improvviso panico”.

    Ieri sera tardi si stimava che circa 20.000 persone da tutta l’isola fossero venute ad assistere allo spettacolo pirotecnico dell’instancabile Teneguía.

    Mentre la notte si impadronisce del paesaggio, la bellezza eccitante, terrificante se volete, del nuovo vulcano dell’isola raggiunge limiti insospettati.

    Per questo motivo, dalle cinque del pomeriggio in poi, il numero di curiosi è aumentato fino a creare veri e propri ingorghi, nonostante la diligenza e le precauzioni prese dalla Guardia Civil, i cui motociclisti non hanno quasi saputo riposare per giorni”.

    Il giorno seguente si parlava già di un terzo cratere.

    L’hanno chiamato “Teneguía 3”. 

    Il titolo della nuova informazione recitava: “La lava emessa raggiunge un’altezza di 50 metri“, che raccontava come “i fiumi di magma hanno aumentato il loro flusso, a causa dell’enorme quantità emessa dagli altri due crateri“.

    Inoltre, “la gente locale è visibilmente preoccupata, poiché crede che il vulcano non abbia ancora iniziato la parte peggiore dell’eruzione“.

    Questa la dichiarazione di diversi residenti, basandosi sulla conoscenza che si sono tramandati di generazione in generazione.

    “Questo non è il vulcano che state guardando, sono solo due bocche, ma la cosa grande e grassa sta ancora combattendo la sua strada su per la montagna”, ha detto uno di loro.

    L’affascinante eruzione

    Il 6 novembre, la rivista “Blanco y Negro” gli dedicò non meno di 10 pagine tra immagini a colori e testi che descrivevano “L’affascinante eruzione del vulcano”, come indicava uno dei titoli.

    “La bella isola canaria di San Miguel de La Palma è scossa nel profondo dalla forza misteriosa e incalcolabile di un vulcano.

    I crateri del Teneguía, nel comune di Fuencaliente, vomitano gas e lava da una profondità di venti chilometri.

    Il cielo è ombreggiato da nuvole grigie di cenere e lo spettacolo di questo ruggente risveglio sotterraneo è affascinante.

    Durante la notte, la lava incandescente scende lentamente fino ad incontrare il mare, formando una corrente rossa incandescente”.

    Il nome di questa città deriva da una sorgente calda di origine vulcanica che è stata famosa fin dalla conquista delle Isole Canarie da parte della Corona di Castiglia all’inizio del XV secolo.

    Fu proprio la suddetta eruzione del 1677 a distruggere la città per l’ultima volta.

    I suoi abitanti ne erano al corrente e temevano che l’episodio si ripetesse.

    Neanche le notizie dei giorni seguenti aiutavano: “Tre persone intossicate dai gas di Teneguía”, “Una quarta bocca si è aperta”. 

    Una quarta bocca si è aperta nel vulcano 15 giorni dopo l’inizio dell’eruzione”, “il flusso di lava dalla bocca principale e da quelle segnate con i numeri 4 e 5 è ancora grande, e una settima è apparsa”, “Teneguía 4 è ancora pienamente attiva” e “il raccolto di banane è stato perso sull’isola di La Palma”.

    Inoltre, si parlava già di sovvenzioni di un milione di pesetas per gli interessati.

    Il vulcano ha causato altri danni materiali ai vigneti della zona e ha distrutto una spiaggia, anche se si è poi formata un’altra spiaggia grazie al materiale espulso.

    Le perdite sono state valutate in sei milioni di pesetas, principalmente alle strade, ad alcune case e ai suddetti terreni agricoli.

    Non ha però colpito le principali zone popolate, ma la cosa più curiosa è che, grazie alla vicinanza della costa, la lava riversata in mare si è solidificata e ha aumentato le dimensioni dell’isola.

    Infine, la zona è diventata un’attrazione turistica per un certo periodo, il che ha portato ad un aumento dei voli verso l’isola.

    Il 19 novembre 1971, la ABC ha riferito che l’eruzione del vulcano era finalmente finita.

    Verso le 20, l’attività è cessata.

    Si è conclusa con un rumore che i testimoni oculari hanno descritto come “simile a un reattore”, che è durato circa sei minuti.

    Il rumore si è sentito su gran parte dell’isola e, quando è finito, l’eruzione di lava e altri prodotti vulcanici è stata interrotta.

    A Fuencaliente, gli abitanti hanno ripreso il lavoro nei campi”.

    Redazione

     

    Articoli correlati