More

    La tabella di marcia per evitare che La Palma affondi con il vulcano

    Il Consiglio dei ministri del governo spagnolo ha dichiarato l’isola di La Palma come zona di catastrofe.

    Ovviamente, il motivo di questa dichiarazione è dovuto all’eruzione avvenuta giorni fa nella zona della Cumbre Vieja, e la prima cosa da tenere presente è che coprirà tutta l’isola e non solo i comuni direttamente colpiti (El Paso, Los Llanos de Aridane e Tazacorte), il che è giustificato dai “danni incalcolabili subiti dalle famiglie di tutti i comuni e in gran parte delle attività economiche di La Palma”, come fu chiarito quel giorno.

    Per avere un’idea di ciò che comporta, bisogna notare che questa è ufficialmente chiamata “zona gravemente colpita da un’emergenza di protezione civile”, oltre ad essere regolata dal capitolo V della Ley del Sistema de Protección Civil, e che è riservata, come dettagliato nell’articolo 23 di questa legge, ai disastri che “turbano gravemente le condizioni di vita della popolazione in una determinata area geografica o quando c’è una paralisi, come conseguenza, di tutti o alcuni dei servizi pubblici essenziali”.

    In pratica, questo implica la possibilità di concedere aiuti finanziari diretti sia agli individui che alle autorità locali.

    Così, gli individui possono ricevere aiuti per i danni alle loro case e ai beni di prima necessità, ma si può anche dare un risarcimento a coloro che hanno fornito aiuto o che hanno collaborato con i loro beni per far fronte ai primi momenti dell’emergenza.

    I comuni possono anche essere compensati per i costi delle “azioni improrogabili” e ricevere sussidi per i danni alle loro infrastrutture e alla rete stradale.


    Di particolare interesse nel caso di La Palma è il fatto che la legge prevede aiuti per i danni alla produzione agricola, zootecnica, forestale e di acquacoltura marina, così come l’apertura di linee di credito ICO.

    Inoltre, la legge prevede anche la possibilità di includere misure fiscali come l’esenzione dall’imposta sulla proprietà, la riduzione della tassa sulle attività economiche e l’esenzione dalle tasse sul traffico, così come misure sul lavoro come la risoluzione dei contratti e la riduzione dell’orario di lavoro e una moratoria sui contributi.

    A questo proposito il Consiglio dei Ministri ha approvato la possibilità di approfittare delle procedure dell’ERTE con uno sconto del 100% sui contributi di sicurezza sociale.

    Bisogna aggiungere che, una volta che l’isola è stata dichiarata zona colpita da un’emergenza di protezione civile, sarà istituita una Commissione di coordinamento, composta da rappresentanti delle amministrazioni statali, regionali e locali interessate.

    Questa dichiarazione come zona di catastrofe non è l’unica misura in cui il governo statale interverrà direttamente, poiché Sánchez ha anche annunciato che si sta già lavorando a un piano di ricostruzione per il futuro a breve e lungo termine dell’isola.

    In questo Piano Speciale di Ricostruzione dell’isola di La Palma, per il quale è stata creata una Commissione Mista con la partecipazione di tutti i livelli dell’amministrazione: regionale, insulare e locale, l’esecutivo statale sarà rappresentato dal Ministero della Presidenza e dalla Delegazione del governo spagnolo alle Canarie, e la sua attuazione durerà almeno due o tre anni.

    Questo piano, di natura trasversale, includerà il finanziamento di misure per settori come l’alloggio, il turismo, le strade, la canalizzazione dell’acqua e le comunicazioni, tra gli altri.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati