More

    Gli scienziati confermano che il vulcano Cumbre Vieja è entrato in fase esplosiva

    Secondo l’Istituto Vulcanologico delle Canarie (Involcan) su Twitter, “la rete sismica ha registrato un aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico nelle ultime quattro ore, che è un indicatore dell’intensità dell’attività esplosiva stromboliana nelle bocche attive al momento”.

    Anche se al momento si conoscono nove bocche eruttive, Involcan non esclude la possibilità che ce ne siano altre.

    Il tremore vulcanico si riferisce alle vibrazioni prodotte dall’impatto della lava o dei blocchi solidi e dalle esplosioni delle sacche di gas all’interno del vulcano.

    Il passaggio attraverso una crepa o una fessura produce una vibrazione che può durare giorni, che i sismografi sono in grado di captare.

    Le colate di lava del vulcano, che sono state particolarmente vigorose martedì notte, hanno fatto sì che la sorgente del magma raggiungesse un’altezza di circa 350 metri.

    Tuttavia, anche se è vero che l’attività è più intensa che nelle fasi precedenti, non significa necessariamente che sia pericolosa.


    Carmen López, direttore dell’Osservatorio Geofisico dell’IGN, ha spiegato alla televisione delle Canarie che ci sono più esplosioni perché il gas viene rilasciato a un ritmo più lento. In altre parole, viene rilasciato meno gas, ma è concentrato ed esplode perché viene rilasciato più lentamente.

    Secondo gli esperti della zona, l’evoluzione del vulcano sta seguendo il corso previsto, anche se è vero che nelle ultime ore c’è stato un rallentamento dei fronti di lava.

    Questa diminuzione della velocità della lava, che attualmente si trova a circa 2,5 chilometri dalla costa di La Palma e sta avanzando a una velocità di circa 200 metri all’ora, sta facendo sì che il raggio di distruzione delle colate laviche si allarghi. Raggiungono un’altezza di più di 10 metri in alcune parti dell’isola.

    Finora, secondo i dati forniti dal programma Copernicus dell’Agenzia Spaziale Europea, l’eruzione ha distrutto più di 150 ettari di terreno e 300 edifici.

    Tuttavia, l’avanzata inesorabile delle lingue potrebbe alla fine distruggere più di 1.000 edifici, secondo le stime degli esperti.

    Una volta localizzata la zona di eruzione, sismologi, vulcanologi e altri scienziati stanno lavorando per capire il processo eruttivo del vulcano.

    Un processo che, come hanno spiegato in diverse occasioni, può cambiare in pochi minuti.

    Come ha spiegato il vulcanologo Itahiza Domínguez a EL ESPAÑOL, un’eruzione stromboliana “è caratterizzata da piccole esplosioni di materiali fusi o pastosi che possono avvenire in pochi minuti o ore. Generalmente, queste esplosioni sono accompagnate da fuoriuscite di flussi di lava”.

    Le colate di lava che scorrono a La Palma sono viscose e scorrono meno facilmente di altre eruzioni vulcaniche.

    Il cambiamento di fase nell’eruzione vulcanica è un processo naturale che si verifica perché i gas dall’interno escono più lentamente, si concentrano e causano esplosioni.

    Il vulcano sta ora rilasciando più energia, ma questo non costituisce, in linea di principio, un pericolo per le persone. Involcan ha previsto che l’eruzione del Cumbre Vieja potrebbe durare da 24 a 84 giorni.

    Una dozzina di scienziati italiani, esperti nel monitoraggio dell’Etna, il vulcano più attivo d’Europa, si sono recati sull’isola spagnola di La Palma per aiutare nei compiti più urgenti dopo l’eruzione di domenica, ha detto oggi Gianfilippo de Astis dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Italiano (INGV).

    I ricercatori dell’INGV che “sono andati a La Palma, in coordinamento con l’INVOLCAN (Istituto Vulcanologico delle Isole Canarie) appartengono a gruppi specializzati in diversi aspetti che sono stati chiamati ad aiutare nel monitoraggio, come prendere campioni o fare analisi, aspetti legati all’aiuto più immediato, ma anche per aiutare nelle indagini più urgenti”, ha spiegato.

    L’Etna e La Palma “sono simili perché sono isole con un cono laterale” con “eruzioni esplosive e colate di lava” e anche perché l’Etna ha vissuto in passato episodi come quello che si sta vivendo ora alle Canarie, con “l’apertura di nuove bocche da quote basse che, come in Spagna, hanno colpito strutture e insediamenti umani e campi agricoli, devastando tutto nel loro percorso”.

    “Una in particolare, considerata storica e avvenuta nel 1669, arrivò fino al mare, fino a Catania, colpendo una grande città, radendo al suolo campi e coltivazioni, ed è quello che, ad un livello più basso, sta succedendo a La Palma, con l’evacuazione di persone e la distruzione di strutture ed edifici”, ha spiegato.

    L’ultima eruzione di questo tipo sull’Etna è stata registrata nel 2001, “ma c’è una grande differenza perché la quota del vulcano era molto più alta, 2.900 metri, con una frattura a 2.100 metri, mentre nel 1669 la bocca era a 800 metri di quota, molto più bassa, problematica e pericolosa”.

    In ogni caso, in entrambi i vulcani, la lava “avanza lentamente, quindi raramente costituisce un pericolo per le persone, e c’è tempo per spostare la popolazione, anche se non si può fare nulla con case o campi”.

     

    Articoli correlati