More

    Nessun pericolo per la popolazione, ma ci sarà un’eruzione su La Palma

    L’isola di La Palma è in allarme per l’attività sismica. L’Instituto Geográfico Nacional (IGN) ha segnalato che solo nelle prime ore di ieri sono stati localizzati sull’isola più di cento movimenti sismici, uno dei quali con una magnitudo di 3,9.

    Questi movimenti sismici sono legati a un aumento dell’attività vulcanica sull’isola, quindi continueranno per qualche tempo e “prima o poi ci sarà un’eruzione, ma è normale, non sarà una tragedia”, spiega il dottor Luca D’Auria, direttore dell’area di sorveglianza vulcanica dell’Instituto Volcanológico de Canarias (Involcan).

    Lo sciame sismico è iniziato lo scorso fine settimana a La Palma. Ma è stato nelle prime ore di martedì mattina che le scosse più intense, tra il 3,1 e il 3,9 della scala Richter, sono state registrate e sentite dagli abitanti dell’Isola. Per trovare l’origine di questi movimenti sismici dobbiamo guardare Teneguía, il vulcano dell’isola di La Palma.

    Non bisogna dimenticare che La Palma, come il resto delle isole Canarie, è un’isola vulcanica “anche se dopo l’ultima eruzione della Teneguía nel 1971 è rimasta in silenzio per più di 40 anni”, spiega D’Auria. Fino al 2017, quando c’è stata un’attività sismica e vulcanica localizzata.

    “L’interpretazione che abbiamo dato a questi sciami, basata su studi precedenti sulle eruzioni storiche, è che ad una profondità di 15 chilometri, c’era una zona di accumulo di magma alla base della crosta dell’isola”, dice l’esperto.

    E da questo accumulo di magma, questi nuovi sciami prodotti dall’attività vulcanica, come spiega D’Auria: “Negli ultimi giorni quello che probabilmente è successo è che il magma ha trovato una via verso l’alto e ha raggiunto una profondità di circa 10 km e lì si sta accumulando, cercando di trovare una via verso la superficie, in modo che prima o poi possa eruttare”.


    Per questo motivo, l’attività sismica è stata avvertita soprattutto a Cumbre Vieja de La Palma, a 22 chilometri da Teneguía e a una profondità di circa 9 chilometri.

    D’Auria avverte che i processi magmatici si verificano spesso all’interno dei vulcani che non finiscono in un’eruzione, quindi questa potrebbe essere una possibilità. Ma, in caso di eruzione, sarebbe di natura effusiva: “Questo significa che non ci sono esplosioni, o almeno non di intensità rilevante. 

    Questo rappresenta un pericolo per alcune strutture ma non per la popolazione, non sarà una tragedia. La gente delle isole Canarie dovrebbe essere abituata a questo, dovrebbe essere normale”.

    “Vogliamo trasmettere un messaggio di calma”, ha sottolineato lo scienziato. L’eruzione, se dovesse verificarsi, non sarebbe pericolosa per le persone, ma nemmeno una catastrofe per l’isola: “Le Canarie non scompariranno, tutte le isole Canarie hanno vissuto molte eruzioni storiche e sono ancora qui. Non succede tutti i giorni, ma un’eruzione è normale per la geologia”, conclude D’Auria.

    Questo aumento dell’attività vulcanica causerà un’attività sismica, cioè questi sciami di terremoti, secondo l’esperto: “Lo scenario più probabile è che questa attività sismica sarà avvertita. Ieri ce ne sono stati già diversi, ed è possibile che si ripetano ancora più forti, arrivando a quattro, quattro e qualcosa. È anche improbabile, ma non impossibile, che causino danni.

    Prevedere che i terremoti continueranno è la parte facile. La parte difficile, con i dati che abbiamo ora, è prevedere la durata. Potrebbero essere “giorni, settimane o mesi”, dice D’Auria. E per tutto il tempo che durerà, i canari lo sentiranno.

    Ma lo scienziato dell’Involcán rassicura i cittadini di La Palma: “Devono sapere cosa sta succedendo e cosa può succedere dai media ufficiali e dalla protezione civile ed essere consapevoli che se ci sono terremoti avvertiti è qualcosa di normale e che anche se finisce in un’eruzione non sarà una tragedia. Può causare danni alle infrastrutture ma non è un pericolo diretto per le persone se si seguono le misure stabilite nei piani di protezione civile”.

     

    Articoli correlati