More

    Il parco rurale di Anaga ci offre un numero infinito di sentieri

    La frazione di Roque Negro, situata nella zona alta della Valle di Afur offre un percorso circolare che ci porterà attraverso luoghi magici.

    Roque Negro è una bella frazione del Parco Rurale di Anaga, dove l’omonima formazione geologica occupa un posto d’onore nel paesaggio.

    Il parco rurale di Anaga è stato dichiarato Riserva della Biosfera dall’UNESCO nel giugno 2015.

    Ci sono innumerevoli ragioni.

    Ha numerose attrazioni turistiche, con le sue aree di svago, natura, escursioni, cultura, storia, ecc.

    Nei suoi 14.500 ettari ha un’infinità di angoli che stupiranno i visitatori.


    Le sue incredibili gole, valli, spiagge, cascate, ecc. sono la tela perfetta per gli amanti della fotografia e della natura.

    Uno di questi meravigliosi angoli è il Caserío de Roque Negro.

    L’incredibile formazione rocciosa fonolitica che dà il nome a questo luogo è di un colore nerastro, che è dovuto alla filtrazione dell’acqua nella roccia e che alimenta i licheni che nascono nelle sue pareti.

    Questo luogo, oltre alla sua importanza naturale, ha anche un’importanza storica.

    Dal 1496 i conquistatori dell’isola la sottoposero allo sfruttamento della foresta.

    Nel XVIII secolo diventerà un luogo di coltivazione, fino ai giorni nostri.

    Da questo magico angolo di Anaga parte uno dei percorsi più belli del Parco.

    Parte dalla stessa frazione e ci porterà a Los Lavaderos, la Degollada de las Hijas, la frazione di Lomo Bicho, il Barranco de la Porquera e finisce a Roque Negro.

    La sua distanza è di circa 8 chilometri e ha un livello medio di difficoltà a causa dell’irregolarità del terreno e delle condizioni del sentiero.

    È necessario sottolineare che nelle stagioni piovose è necessario fare particolare attenzione alle possibili scivolate nelle discese pronunciate.

    Si consiglia di indossare calzature adatte al terreno bagnato e di portare con sé dei bastoncini da trekking.

    Questo percorso ci dà la possibilità di ammirare paesaggi incredibili che riportano la nostra immaginazione a tempi remoti e preistorici.

    Apprezzeremo delle zone agricole, dove la gentilezza dei residenti è una costante.

    Saremo estasiati dalle sue foreste di alloro perfettamente conservate.

    Attraverseremo zone di macchia e ci meraviglieremo dei suoi vari miradores naturali, che ci offrono le migliori viste di questo parco rurale unico al mondo.

    L’itinerario di oggi corre lungo il lato nord del massiccio di Anaga, tra le frazioni di Roque Negro e Afur.

    A cavallo di questi due siti rurali si trova il Roque Alonso, che si caratterizza per avere  diverse case incastrate nelle sue pareti rocciose.

    Possiamo dire che la frazione di Roque Negro è nata su una grande roccia di tufo, molto comune ad Anaga.

    Tutta la valle di Afur è circondata da rocce, una formazione geologica di forma irregolare che si distingue dal resto, servendo come riferimento per molteplici scopi: posizionamento, confine di proprietà o punto di osservazione.

    Dobbiamo sottolineare che nella lingua aborigena, la parola Anaga significa Roque.

    Evidenziamo quanto segue: Roque Taborno, Roque Negro, Roque Alonso, Roque del Fraile o La Esfinge (conosciuta anche come Roque Paez), Roque Marrubial, Roque El Tablero, Roque Ánima e Roque de Los Pasos.

    Troveremo anche grotte che venivano usate come abitazioni, stalle per il bestiame o come silos per il grano, dato che siamo in una terra fertile e adatta all’agricoltura.

    Questi cereali venivano trebbiati nelle aie, così come nei torchi si elaborava il vino della zona.

    Come fatto curioso abbiamo che Roque Negro è composto da pareti chiare, che sono state annerite dall’umidità di questa zona, dando origine a questo nome caratteristico; la parete meno ombreggiata mantiene il suo colore chiaro.

    Si parte da Santa Cruz per l’autostrada TF-5, in direzione del comune di San Cristóbal de La Laguna.

    Prendiamo l’uscita 8A verso la Vía de Ronda, il cui nome è TF-13; continuiamo in direzione del quartiere di Las Canteras, dove saliamo verso il Monte de Las Mercedes per la strada locale TF-12.

    Prima di arrivare a Las Casas de la Cumbre c’è una svolta a sinistra, al chilometro 18,2 all’altezza del Ristorante Casa Santiago, dove si scende per la TF-136 fino al Caserío de Roque Negro.

    Questa frazione si trova al chilometro 3 della suddetta TF-136.

    Troveremo anche il sentiero Inchirez – Casa Forestal, che collega la strada TF-12 con questo villaggio.

    Se abbiamo tempo possiamo fare un percorso circolare attraverso Roque Negro per vedere i vecchi lavatoi del borgo.

    La linea di autobus Titsa che va in questo angolo di Anaga è la 076, che parte dalla stazione di San Cristóbal de La Laguna.

    Cristiano Collina

     

    Articoli correlati