More

    Il santuario degli animali abbandonati di Arico

    Una riserva di Arico si prende cura di cavalli, cani, gatti e persino di porcellini d’India e tartarughe che sono stati abbandonati dai loro proprietari.

    Megatron è un galletto che è saltato dal camion che lo stava portando al macello sull’autostrada del sud.

    Un’auto l’ha sicuramente salvato dall’essere investito e l’ha portato a una vicina stazione di servizio, che a sua volta ha trasferito il gallo a un santuario per animali che era nelle vicinanze, a La Jaca, Arico.

    È stato circa quattro mesi fa.

    Oggi Megatron pesa 8 chili, è uno dei capi del santuario e gira liberamente.

    Vicino c’è Turbo, un cavallo con una corta criniera.


    È arrivato all’età di 28 anni dopo essere stato abbandonato due volte, prima dopo essere stato campione di salto e poi dopo essere stato comprato per essere messo in dressage.

    Quando fu portato a La Jaca, non gli furono dati molti giorni di vita.

    Era in un pessimo stato.

    Oggi, a 32 anni, corre senza ferri, senza sella, senza cuscinetto e senza redini.

    Viene a farsi massaggiare il viso e a farsi dare un pezzo di mango.

    Storie come quelle di Megatron o Turbo si ripetono tra i 18 cavalli, 16 cani, 30 gatti, 6 conigli, 6 tartarughe, 60 porcellini d’India, 40 uccelli, oltre a 3 pecore, 4 capre, 3 maiali e 2 asini che vivono in libertà in questo santuario per animali abbandonati sull’isola.

    Si chiama Tenerife Horse Rescue, occupa una grande area di 6.500 metri quadrati nella ventosa zona centrale di Arico, con viste privilegiate sul mare, e tutto, assolutamente tutto, quello che si fa in questa arca di Noè viene riciclato e donato, compresi gli escrementi degli animali – con cui si fa il compost – e persino le piante, che vengono salvate dalla spazzatura.

    Questa è la filosofia con cui l’italiano Edoardo Pensato e l’inglese Emma Greenfield gestiscono la struttura.

    “Riscaldiamo anche l’acqua con il compost”, dice Pensato mentre accarezza uno dei cavalli del santuario.

    Emma ed Edoardo vivevano a Fuerteventura quando hanno avuto l’idea di creare un grande rifugio.

    Hanno scoperto che un grande appezzamento di terreno ad Arico era in vendita, l’hanno comprato e hanno iniziato a creare le vaste strutture di Tenerife Horse Rescue nel 2018.

    Non accettano sovvenzioni, ma donazioni da aziende e individui.

    Per esempio, ricevono tutti i tipi di avanzi di cibo dai supermercati Lidl e Hiperdino, dalla società agricola Canarisol e anche da panetterie, come La Canela, a San Isidro (Granadilla de Abona).

    Grazie a questi contributi, Edoardo ed Emma possono contare sulla collaborazione di 30 volontari, tutti coinvolti nei diversi compiti.

    L’argentino Matías Buttigliero, uno di loro, con i piedi nudi impasta l’argilla usata per fare le pareti ispirate a Gaudí. Naturalmente, tutto è riciclato, anche le ceramiche e i vetri decorativi.

    Un’altra delle volontarie è Diana Pirés, una 28enne di La Rioja, che è seguita come un’ombra da Sergio.

    Questo cane di 12 anni ha passato tutta la sua vita in un rifugio.

    Quando il rifugio ha finito lo spazio, è stato offerto al canile di La Jaca.

    “Prima passano attraverso un periodo di adattamento.

    Qui vagano liberi e la maggior parte di loro non sono esattamente abituati a stare così.

    Pochi mesi dopo il suo arrivo, è già abituato al posto, non si allontana da me ed è molto affettuoso”.

    E la più grande soddisfazione per tutti i volontari, che vengono da diverse parti del mondo, è “vedere come gli animali che hanno sofferto così tanto si riprendono, passano a una vita senza il minimo attaccamento e addirittura mostrano la loro felicità restituendo l’affetto che diamo loro”, come ci dice Diana.

    E se Sergio (il cane) non lascia Diana, Nona (il pastore tedesco) non lascia Edoardo.

    La storia di questo pastore tedesco è un’altra delle tante storie curiose degli abitanti di Tenerife Horse Rescue.

    Era tenuta da un tedesco in una fattoria, ma il cane aveva l’abitudine di strappare i tubi del sistema di irrigazione. “Era affascinata dall’acqua e dai tubi”, dice Edoardo con una risata.

    Quando è stata portata, aveva la filaria, i vermi che attaccano il cuore.

    A causa della malattia e della sua età avanzata, 9 anni, sembrava che il suo orizzonte di vita fosse molto limitato. Ma mesi dopo è stata curata, ha imparato a non mordere i tubi, è il capo di questo branco eterogeneo e va dove c’è Edoardo, seguito da una mezza dozzina di altri cani di razze diverse.

    Ma Nona è speciale per lui: è arrivata proprio il giorno in cui gli è stato detto che sua nonna era morta.

    Ecco perché si chiama così, nonna in italiano.

    Tenerife Horse Rescue non conta solo sulla trentina di volontari e sulle aziende e istituzioni che collaborano.

    Ci sono anche le mami, una dozzina di donne che donano denaro e sono responsabili della cura di alcuni dei residenti di questa riserva.

    È una forma di collaborazione che sta diventando sempre più popolare.

    “Contribuiscono con denaro per mantenere gli animali e vengono molto spesso per accudirli, pulirli, dargli affetto, portarli a spasso…”, spiega Diana Pirés.

    Tra queste mamme ci sono due campionesse di equitazione, Poppy Rose McLean e Stelle Natalia Lee, due ragazzine inglesi che vivono sull’isola e amano lo sport dell’equitazione, che vengono spesso a La Jaca con le loro famiglie per occuparsi dei cavalli.

    Chi meglio di loro può dare affetto ai cavalli.

    Sono animali che hanno bisogno di molte cure, investimenti e strutture spaziose.

    E quando diventano un fastidio, come Jeronimo, finiscono in una finca o in una stalla.

    “Jerónimo, che ha 15 anni, è arrivato magrissimo e con gravi problemi digestivi.

    È stato difficile per noi perché aveva mangiato molta terra a causa della fame che aveva sofferto.

    Ora cammina perfettamente bene, sempre accompagnato da due femmine, Jingle e Quica, anch’esse abbandonate”, racconta Edoardo Pensato.

    Nel recinto delle pecore, Fredy mangia carote ed erbe mentre sua sorella e sua madre si riposano all’ombra.

    Nella parte inferiore della struttura ci sono Wela, Erik e Capri, tra primi cavalli arrivati a La Jaca.

    Mangiano fette di mango come se fossero una prelibatezza mentre mettono il naso fuori per essere accarezzati. Oltre a loro ci sono i due cavalli più feroci e non trattabili: Cadete e Fauno.

    Sono giovani, il primo ha 11 anni e il secondo ne ha 5, e come ci assicura Edoardo si stanno adattando.

    È un processo.

    E vicino alla zona dei porcellini d’India e dei conigli ci sono le capre Heidi e Meh, date loro dopo che una famiglia ha scambiato una fattoria per un appartamento come luogo di residenza.

    Tenerife Horse Rescue ha un totale di cinque paddock per i cavalli, 20 aree per i piccoli animali – tra cui uno specifico per tre gatti con malattie contagiose che ricevono cure speciali – e altre stanze per lo stoccaggio, ad esempio, di verdure, frutta, erbe, riso, farina, pasta e altri alimenti ricevuti da donazioni.

    Essendo finanziati solo da contributi privati, sono molto attivi nelle reti sociali come modo per promuovere la loro attività.

    Hanno anche dei piani per il futuro che prevedono l’espansione del centro: sono interessati a un terreno tre volte più grande per aumentare la capacità del rifugio e mantenere gli animali sempre in libertà.

    Oltre a tutte le cure e attenzioni veterinarie, Edoardo ed Emma sono specializzati nell’addestramento dei cavalli senza ferri per migliorare la loro forza fisica e il loro benessere.

    Emma è infatti uno dei rappresentanti delle Isole Canarie della World Bitless Association, un gruppo volontario di allenatori, cavalieri, altri professionisti del settore equino e amanti dei cavalli.

    Sono i servizi di uno dei più grandi santuari di Tenerife, dove gli animali abbandonati passano ciò che resta della loro esistenza in condizioni che non hanno mai immaginato e che non sono affatto simili alle loro dure esperienze.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati