More

    Teno, una meraviglia geologica di Tenerife

    Il Parco Rurale offre attributi naturali che hanno portato l’Associazione dei Geologi a raccomandare una visita a questa enclave.

    Il vento sferza il belvedere di El Baracán, accanto all’omonimo picco.

    Si tratta di una tappa obbligatoria del percorso lungo la strada TF-436, che si snoda attraverso il massiccio di Teno. Da un lato, tempo permettendo, si può vedere La Gomera e il burrone di Los Carrizales; dall’altro, una vista panoramica di vari villaggi, terreni agricoli e, al centro, come se si insinuasse tra altre montagne, El Teide.

    La vista da questo punto privilegiato è un esempio eloquente dei contrasti e dello spettacolo naturale offerto dal Parco Rurale di Teno.

    Non sorprende, quindi, che l’Ilustre Colegio Oficial de Geólogos (ICOG) l’abbia recentemente inclusa in una lista di 20 meraviglie naturali della Spagna.

    La proposta, elaborata attraverso le delegazioni dell’ICOG, include il Parco Naturale di Somiedo (Asturie), il Vulcano Cerro Gordo (Ciudad Real), la spiaggia di Las Catedrales (Lugo), il futuro Geoparco delle Impronte dei Dinosauri (La Rioja), Peñalara e La Pedriza (Madrid) e il Flysch in Bizkaia, tra gli altri.


    I rappresentanti delle Canarie sono il Vulcano Montaña de La Arena (La Oliva, Fuerteventura) e il Parco Rurale di Teno.

    “Il massiccio di Teno si trova all’estremo nord-ovest dell’isola di Tenerife.

    È uno stratovulcano a scudo. 

    Il massiccio ha subito due grandi crolli di versante che hanno dato origine alla scogliera di Los Gigantes e alla valle di El Palmar”.

    “È una zona con grandi burroni e vegetazione.

    Si raccomanda anche di visitare luoghi emblematici come il villaggio di Masca, Teno Alto o El Palmar”.

    Uno dei posti migliori per iniziare un tour dell’estesa rete di sentieri della zona – attualmente ce ne sono tredici – è il Centro Visitatori di Los Pedregales, che condivide la sua sede con l’Ufficio di Gestione del Parco Rurale di Teno.

    Il centro fornisce informazioni attraverso opuscoli, codici QR e, soprattutto, attraverso i consigli dei professionisti che vi lavorano come informatori ed educatori ambientali.

    La dimensione di questo spazio, che copre più di 8.000 ettari (80 milioni di metri quadrati), è mostrata in un piccolo ma chiarificatore modello grigio e beige.

    Si può salire fino alla frazione di Teno Alto o prendere la strada TF-436.

    Ángela García, tecnico del Turismo del Comune di Buenavista e responsabile dell’Ufficio di Informazione Turistica (OIT) del comune, ha il parco nella sua testa, un territorio di cui dimostra una conoscenza enciclopedica.

    Teno Alto, forse il centro abitato più conosciuto del Parco Rurale, è affiancato da El Palmar, Las Lagunetas, Las Portelas, Los Carrizales, Masca, Erjos e parte di San José de Los Llanos.

    Di tutta questa zona, quasi il 70% corrisponde al comune di Buenavista del Norte, mentre il resto appartiene a Santiago del Teide, Los Silos e El Tanque.

    “Tutto ciò che vedrete a Teno è in definitiva il prodotto di una lunga storia geologica”.

    Le stime indicano che è emerso sette milioni di anni fa e che, per i primi cinque milioni di anni, è stato un isolotto isolato nel mare con una grande attività vulcanica.

    “Più tardi, l’erosione ha sbriciolato il lavoro dei vulcani, dando origine a creste affilate come rasoi e a una fitta rete di burroni”.

    Lo stratovulcano a scudo che è il massiccio ha subito un doppio scivolamento: verso le profonde gole di Los Carrizales e Masca – che si affacciano verso sud – e verso la valle di El Palmar, secondo García, che si ferma anche alla cresta Abeque, una sorta di “linea di separazione” che unisce Teno e lo stratovulcano El Teide, dove sono allineati diversi vulcani.

    La biodiversità merita una menzione speciale.

    “Tra la costa e la cima, si succedono diverse comunità di esseri viventi, dalla stretta e salata macchia costiera all’ombroso monteverde”.

    “Lungo il percorso, c’è il tabaibal-cardonal e, in enclavi specifiche, la singolare foresta termofila, come il ginepro di Teno Alto e il palmeto che dà il nome al vicino quartiere di El Palmar.

    Per quanto riguarda la fauna, ci sono numerose specie endemiche, come lo scarabeo Fausto e specie di insetti. Lumache di terra, lumache e millepiedi sono altri invertebrati degni di nota.

    D’altra parte spicca tra i vertebrati la lucertola maculata gigante, imparentata con la lucertola gigante di El Hierro.

    Il piccione turchino e il piccione comune dalla coda rufa, nella foresta di alloro, e il falco pescatore, il falco di Barberia, l’acqua di mare e il petrello di Bulwer, più verso la costa, giocano un ruolo di primo piano.

    I sentieri del Parco Rurale di Teno ti permettono di scoprire tutta questa ricchezza naturale e allo stesso tempo ti conducono attraverso villaggi incantevoli e un paesaggio legato all’agricoltura e all’allevamento.

    E lo stile di vita della zona e il suo autentico patrimonio etnografico sono altri dei suoi principali attributi.

    Tutto questo grazie alle persone che vivono nelle cascine e coltivano.

    “Conoscono e si prendono cura del territorio più di chiunque altro, consapevoli del tesoro che hanno nelle loro mani”.

    Un buon esempio dell’impegno dei residenti nella zona è Domingo Romero, che è chiaro: “Non cambierei questo per niente al mondo”.

    L’esterno della casa di Domingo a El Palmar, di cui apre le porte con ospitalità, ha l’aroma del gofio del mulino di fronte.

    “Il vantaggio qui è la tranquillità”, dice questo 85enne del posto, che è stato forestale per quasi 35 anni.

    “La cosa più grande che abbiamo è la natura”, dice l’uomo che è stato anche un abile artigiano.

    La sua famiglia ha un legame inveterato con Teno; non a caso i suoi genitori e i suoi nonni sono stati per due secoli fittavoli della Finca Los Pedregales, dove oggi si trova l’Ufficio di Gestione del Parco Rurale di Teno e il Centro Visitatori Los Pedregales.

    A El Palmar, l’attività può essere osservata.

    Uno sguardo al passato mostra una situazione molto diversa.

    L’opuscolo riassuntivo del Parco lo spiega chiaramente: “Fino agli anni 70 del XX secolo, questa era una zona praticamente isolata di Tenerife.

    Poche strade – o, in alcuni casi, nessuna – collegavano le frazioni tra loro e con il mondo esterno.

    Per questo motivo, mentre il resto dell’isola si evolveva verso un sistema economico basato sui servizi e sull’edilizia, Teno rimaneva un rifugio di cultura tradizionale, sempre più unico e quindi sempre più prezioso”.

    La descrizione continua: “Tutto questo in un ambiente naturale di incalcolabile interesse.

    In riconoscimento di questi valori e con l’intenzione di preservarli per le generazioni future, nel 1994 Teno è stato incluso nella Rete degli Spazi Naturali Protetti delle Canarie, con la categoria di Parco Rurale.

    Da allora, lavoriamo per conservare questo particolare incontro tra natura e cultura, per conservare tutte le sue risorse e per promuovere azioni che migliorino il paesaggio e la qualità della vita della popolazione locale”.

    Ángeles García punta anche sui prodotti locali del massiccio, con un’offerta gastronomica da prendere in considerazione sia nei ristoranti che nei mercati contadini.

    Questo è il caso del formaggio Teno Alto, delle cipolle El Carrizal e delle varietà di patate tradizionali.

    D’altra parte, ci sono alcuni riconoscimenti che avallano questo territorio, come la dichiarazione dell’Unione Europea come Zona di Protezione Speciale per gli Uccelli (SPA).

    Questa non è l’unica distinzione.

    Le acque al largo della costa occidentale di Tenerife, in una striscia marina lunga circa 22 chilometri tra la punta di El Fraile (Teno) e Punta Salema o Punta de Rasca, a Las Galletas, sono classificate come Patrimonio delle Balene, il primo in tutto il continente europeo.

    Questo riconoscimento è stato assegnato nel gennaio di quest’anno dalla World Cetacean Alliance.

    Turismo e avventura

    Mentre il Parco Rurale di Teno offre tour di questa zona, l’Ufficio di Informazione Turistica di Buenavista del Norte offre anche percorsi attraverso il comune.

    Altri punti di informazione sono gli uffici turistici degli altri comuni del Parco (Santiago del Teide, Los Silos e El Tanque), il centro visitatori di Los Pedregales e il centro visitatori di Masca.

    “Se ti piace l’avventura, puoi praticare sport nell’ambiente naturale, come il kayak di mare, le immersioni o le escursioni.

    Altre opzioni più tranquille vi invitano ad avvicinarvi alla storia e alle tradizioni, ai borghi e alla loro gente.

    Tutta questa cultura è a vostra disposizione per godere con tutti i cinque sensi: chiacchierate con la gente del posto, fermatevi a contemplare i paesaggi, passeggiate per le strade e assaggiate i prodotti locali”.

    L’ufficio di gestione del parco rurale di Teno e il centro visitatori di Los Pedregales sono due delle strutture pubbliche della zona.

    Un altro è l’ostello Bolico, nell’omonima fattoria, vicino al quartiere di Las Portelas, che offre agli ospiti un soggiorno tranquillo e silenzioso.

    Oltre a ciò, c’è la zona di campeggio di Los Pedregales.

    Tutto questo e altro ancora può essere scoperto in modo più o meno dettagliato a seconda del tempo a disposizione del visitatore.

    Ma qualche ora è sufficiente per farsi un’idea generale di questo luogo con tante attrazioni.

    Una meraviglia naturale di Tenerife e della Spagna.

    Cristiano Collina

     

    Articoli correlati