More

    La mancanza di coinvolgimento dei sindaci rallenta il piano di alloggi pubblici

    Solo otto comuni ascoltano l’appello del governo regionale e cedono la terra, finora nessun progetto è stato messo in gara nella provincia di Tenerife.

    L’attuazione del Piano Abitativo 2020-2025 entro i termini stabiliti dal Governo delle Canarie dipende più dai consigli locali che dal governo stesso.

    E al momento, il coinvolgimento dei comuni, che devono fornire al governo regionale i terreni su cui costruire le case, non è così grande come potrebbe essere.

    Tutt’altro.

    Per ora, solo la gara d’appalto dei progetti per la costruzione di 437 case è in corso, quando il programma prevede 5.971 nuove case da qui al 2025.

    Inoltre, queste 437 case, che sono distribuite in dieci sviluppi, saranno tutte sulle isole della provincia di Las Palmas.


    In altre parole, fino a ieri non c’era un solo progetto in gara nella zona di Santa Cruz de Tenerife.

    Tuttavia, nelle ultime ore, le procedure sono state sbloccate per mettere in gara un lotto di 37 case in due comuni di Tenerife e uno di La Palma.

    Questi sono i primi progetti che il governo è riuscito a mettere in gara nelle isole occidentali, nonostante il fatto che il governo di Ángel Víctor Torres ha insistito per più di un anno che sono i consigli locali che dovrebbero prendere l’iniziativa.

    Alla fine del 2019, più di un anno e mezzo fa, il ministro regionale dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e delle Abitazioni, Sebastián Franquis, aveva già avvertito che il successo del piano quinquennale, con cui il socialista vuole mettere fine ai molti anni senza sviluppi pubblici nelle isole, sarebbe dipeso dal coinvolgimento dei consigli locali.

    A metà dell’anno scorso, Franquis ha insistito per l’ennesima volta: “Stiamo implorando i comuni di darci la terra”. Da allora, il consigliere ha ripetuto l’appello in ogni occasione, ma senza molto successo.

    “Non è un criterio territoriale, si tratta di avere la terra disponibile per poter commissionare, avviare ed eseguire i progetti, e noi non abbiamo ancora tutta quella terra disponibile per poterlo fare”, ha detto Franquis.

    Le mani del ministero regionale sono quindi legate fino a quando i consigli comunali non si mettono d’accordo. Bisogna tener presente che perché la cessione del terreno sia effettiva, non basta la volontà del sindaco o dell’assessore all’alloggio, ma il dossier deve essere portato al plenum comunale perché riceva il via libera.

    In altre parole, c’è una serie di procedure, ed è per questo che il consigliere ha predicato nel deserto per quasi due anni, insistendo sulla necessità che i consigli avviino le procedure il più presto possibile.

    Tuttavia, la verità è che i progetti in gara sono limitati a cinque comuni: Las Palmas de Gran Canaria, Telde e Teror, sull’isola di Gran Canaria; Arrecife, su Lanzarote; e Puerto del Rosario, su Fuerteventura.

    Dei 437 alloggi pubblici che saranno costruiti in queste cinque località, fino a duecento, quasi la metà, saranno costruiti nel quartiere Maneje di Arrecife.

    Queste 200 case, che saranno distribuite in tre complessi situati nell’urbanizzazione di Los Geranios, saranno le prime VPO costruite a Lanzarote in 26 anni, il che dà un’idea della misura in cui la costruzione di alloggi pubblici è stata paralizzata nella Comunità autonoma.

    Così, e lasciando da parte i tre sviluppi da costruire nella capitale di Lanzarote, solo i progetti per altre 237 case o appartamenti in quattro comuni di Gran Canaria e Fuerteventura sono in gara.

    Oltre a questi sono i 37 previsti nei progetti del primo lotto in gara nella provincia di Tenerife, in particolare in due città di Tenerife e uno a La Palma, senza però alcuna informazione sulla piattaforma di appalto pubblico.

    Ma anche con quest’ultimo, solo otto comuni su un totale di 88 hanno firmato il piano.

    E con sfumature, perché in alcuni casi gli sviluppi saranno costruiti su terreni già di proprietà dell’Istituto Canario per gli Alloggi.

    Per capire perché queste 437 case sono un numero esiguo, basta sottolineare che è necessario costruire circa 15.000 case all’anno affinché nel 2031, nel prossimo decennio, ci sia un equilibrio tra l’offerta e la domanda, cioè, affinché ci siano abbastanza alloggi per chi ne ha bisogno.

    Questo è stato chiarito in uno studio della Corporación 5 e della Fondazione DISA, che avverte che nell’arcipelago si mettono sul mercato circa 1.100 nuove case ogni anno – tra sviluppo pubblico e privato – appena “l’8% di ciò che è necessario per risolvere il problema degli alloggi nelle Canarie nel 2031”.

    Raggiungere un equilibrio tra l’offerta e la domanda tra dieci anni, con insufficienti terreni comunali disponibili e il settore privato duramente colpito dalla crisi, sembra quasi impossibile.

    A parte la costruzione, che dipende più dalle amministrazioni locali che dal consiglio, il governo sta premendo l’acceleratore nel piano di ristrutturazione e nella promozione dell’affitto.

    La ristrutturazione permetterà l’utilizzo di circa 4.000 case semi-finite.

    E in attesa del parere dell’Intervento c’è la proposta di affittare le case vuote che saranno poi utilizzate per gli affitti sociali.

    Il governo garantisce ai proprietari un pagamento di cinque anni per convincerli a cedere le loro proprietà.

    L’idea è di mettere in uso 600 case attualmente vuote.

     

    Articoli correlati